Privacy
×
The wam
×
icona-ricerca
Home / Invalidità Civile » Pensioni » Previdenza e Invalidità » Salute / Pensione anticipata con il 74, l’80 e 100% di invalidità

Pensione anticipata con il 74, l’80 e 100% di invalidità

Pensione anticipata con il 74, l'80 e 100% di invalidità: vediamo quali sono le uscite prima dell'età pensionabile per chi ha queste percentuali di invalidità.

di The Wam

Marzo 2022

Pensione anticipata con il 74 l’80 e 100% di invalidità. Diamo uno sguardo in questo articolo alle prestazioni previdenziali che sono previste per chi ha una determinata percentuale di invalidità. (scopri le ultime notizie su bonus, Rem, Rdc e assegno unico. Leggi su Telegram tutte le news su Invalidità e Legge 104. Ricevi ogni giorno sul cellulare gli ultimi aggiornamenti su bonus, lavoro e finanza personale: entra nel gruppo WhatsApp, nel gruppo Telegram e nel gruppo Facebook. Scrivi su Instagram tutte le tue domande. Guarda le video guide gratuite sui bonus sul canale Youtube. Per continuare a leggere l’articolo da telefonino tocca su «Continua a leggere» dopo l’immagine di seguito).

Ricevi tutte le news sempre aggiornate su bonus e lavoro e informati sui diritti delle persone invalide e la Legge 104

Ci soffermiamo in particolare su tre gradi di riduzione della capacità lavorativa, al 74, all’80 e al 100%.

Ci occupiamo, lo precisiamo, di prestazioni previdenziali e non assistenziali. Come sapete per le prime, oltre al requisito sanitario conta anche quello contributivo. Per le secondi, quelle assistenziali, oltre al rispetto dei parametri sanitari è indispensabile anche quello reddituale (che non deve essere superiore a precise soglie).

Acquista la nostra Guida più dettagliata sull’Invalidità Civile con oltre 150 pagine e le risposte a tutte le domande. Leggi gratis l’indice e il primo capitolo.

Pensione di invalidità, aumento a 15mila euro: la petizione

Vediamo dunque insieme quali sono le strade possibili per la pensione anticipata a vantaggio di chi ha un certo grado di invalidità civile e che magari già usufruisce dei vantaggi connessi alla Legge 104.

Pensione anticipata con il 74 l’80 e 100% di invalidità: uscita con il 74%

Per i cittadini con invalidità al 74% ci sono in particolare tre agevolazioni pensionistiche. Vediamo quali.

È possibile chiedere e ottenere una maggiorazione contributiva di due mesi per ogni anno di lavoro che è stato svolto da quando è stata riconosciuta l’invalidità al 74%. Fino a un massimo di 5 anni complessivi di sconto contributivo.

Il che significa che con 12 anni di lavoro svolto con questo grado di invalidità si avrà diritto a due anni in più di contribuzione.

Questa agevolazione, come accennato, deve essere richiesta. Non viene infatti riconosciuta in automatico dall’Inps.

In pensione a 63 anni, vediamo con quali contributi

Con il 74% di invalidità civile riconosciuta è possibile accedere anche all’Ape Sociale. In questo caso sono indispensabili 30 anni di contribuzione e 63 anni di età.

La pensione anticipata per chi rientra in questa categorie dell’invalidità è possibile anche per chi ha 41 anni di contributi, ma solo se si è lavoratori precoci, ovvero con 12 mesi di contributi effettivi versati prima del 19esimo anno di età.

Per questo tipo di uscita anticipata non sono previsti dei requisiti anagrafici.

Aggiungiti al gruppo Telegram di news su invalidità e Legge 104 ed Entra nella community di TheWam e ricevi tutte le news su WhatsApp, Telegram e Facebook.

Pensione anticipata con il 74 l’80 e 100% di invalidità: uscita con l’80%

I lavoratori privati possono accedere alla pensione anticipata con l’80% di invalidità appena hanno raggiunto questi requisiti minimi:

Quando si maturano tutti i requisiti è necessario attendere la finestra mobile di 12 mesi (il tempo che trascorre tra quando scatta il diritto a quando si riceve il primo assegno).

Possono accedere a questa pensione anticipata i lavoratori privati iscritti all’Assicurazione Generale Obbligatoria e ai fondi di previdenza sostitutivi dell’Ago.

Questa misura è quindi preclusa per i dipendenti pubblici e gli autonomi.

Pensione di reversibilità con assegno di vedovanza: la guida

Pensione anticipata con il 74 l’80 e 100% di invalidità: uscita con l’80%

Per i lavoratori con una invalidità civile riconosciuta del 100% (invalidi totali)i benefici previsti sono diversi, anche se si differenziano in base alla gravità delle condizioni di salute.

Vediamo insieme.

Le persone con una invalidità del 100% e che sono in una condizione di inabilità assoluta e permanente a qualsiasi attività lavorativa” possono ricevere la pensione di inabilità.

Devono comunque essere stati versati almeno 5 anni di contributi (ci cui 3 nell’ultimo quinquennio). Se non si rispettano questi requisiti contributivi si può accedere alla pensione per invalidi civili totali, che è una misura assistenziale e per la quale bisogna rientrare entro una determinata soglia di reddito.

Si può uscire in anticipo anche se la condizione fisica produce una inabilità al proficuo lavoro. In questo caso però sono necessari almeno 15 anni di contributi.

Una prestazione molto simile, e riservata ai dipendenti pubblici. È la pensione di inabilità alle mansioni. In questo caso bisogna aver maturato 20 anni di contribuzione. La misura viene concessa solo se non è stato possibile garantire al dipendente un lavoro adatto alle sue condizioni di salute e con mansioni equivalenti.

Ecco gli articoli preferiti dagli utenti su invalidità civile e Legge 104:

Entra nel gruppo WhatsApp e Telegram

Canale Telegram

Gruppo WhatsApp