Pensione anticipata per invalidità: tutte le agevolazioni

Pensione anticipata per invalidità: ecco come beneficiarne e quali sono le altre agevolazioni.

3' di lettura

La legge riconosce ai lavoratori invalidi alcune agevolazioni, tra cui la pensione anticipata per invalidità, che prevede l’uscita dal mondo del lavoro prima del compimento dei 67 anni (entra nella community di TheWam e ricevi tutte le news su WhatsApp, Telegram e Facebook).

In questo articolo andremo a vedere quali sono i requisiti necessari per poter presentare domanda di pensione anticipata per invalidità e le altre agevolazioni a disposizione dei lavoratori invalidi.

Se siete interessati all’argomento e volete saperne di più, continuate a leggere l’articolo.

Pensione anticipata per invalidità: requisiti

Come detto in apertura, tra le misure più importanti a disposizione dei lavoratori invalidi c’è la pensione anticipata per invalidità.

Per richiederla e ottenerla, al lavoratore deve essere stata riconosciuta un’invalidità non inferiore all’80%. Dal 1° gennaio al 31 dicembre 2022, gli uomini potranno usufruire del trattamento se hanno compiuto 61 anni e maturato almeno 20 anni di contributi, mentre le donne potranno andare in pensione a 56 anni, con non meno di 20 anni di contributi versati.

Per ottenere il primo rateo pensionistico, però, queste categorie di lavoratori dovranno attendere l’apertura di una finestra mobile di 12 mesi.

La norma è attiva soltanto per i lavoratori dipendenti del settore privato iscritti all’AGO (Assicurazione Generale Obbligatoria) e ai fondi di previdenza sostitutivi dell’AGO. La pensione anticipata per invalidità non può essere richiesta dai lavoratori dipendenti del settore pubblico e dai lavoratori autonomi.

Ricevi ogni giorno sul cellulare gli ultimi aggiornamenti su bonus, lavoro e finanza personale: entra nel gruppo WhatsApp, nel gruppo Telegram e nel gruppo Facebook. Scrivi su Instagram tutte le tue domande. Guarda le video guide gratuite sui bonus sul canale Youtube.

Le altre agevolazioni

Oltre alla pensione anticipata di invalidità, il lavoratore con un’invalidità riconosciuta superiore al 74% può usufruire della maggiorazione contributiva.

Si tratta della possibilità per i lavoratori sordomuti, gli invalidi civili, gli invalidi di guerra e gli invalidi per causa di servizio di richiedere due mesi di contribuzione figurativa per ogni anno di lavoro svolto, fino a un limite massimo di cinque anni, per presentare domanda di pensione anticipata di invalidità.

Il requisito essenziale è l’attività prestata presso pubbliche amministrazioni o aziende private. La maggiorazione contributiva non è cumulabile con altre maggiorazioni convenzionali della contribuzione per la medesima menomazione.

Gli altri due benefici pensionistici riconosciuti ai lavoratori con un’invalidità pari o superiore al 74% sono l’APE Sociale e il Lavoro Precoce.

Il primo è un sussidio di accompagnamento alla pensione di vecchiaia. Si ottiene a partire dai 63 anni di età, con almeno 30 anni di contributi versati (per le donne possono essere ridotti di due anni per ogni figlio avuto). L’importo del sussidio è pari a quello della pensione di vecchiaia maturata, fino a un massimo di 1500 euro lordi al mese.

Il Lavoro Precoce, invece, permette di andare in pensione al raggiungimento di 41 anni di contributi (per il raggiungimento è possibile utilizzare anche la maggiorazione contributiva), a prescindere dall’età anagrafica e dal sesso del lavoratore. L’unica condizione è l’aver maturato almeno un anno di lavoro prima del 19° anno di età.

Come per l’APE Sociale, per beneficiare del Lavoro Precoce è necessario essere iscritti all’assicurazione generale obbligatoria dei lavoratori dipendenti, alle gestioni speciali dei lavoratori autonomi, alla gestione separata e ai fondi sostitutivi ed esclusivi dell’AGO, a partire dal 1° maggio del 2017. L’altra condizione è che la sua contribuzione ricada nel sistema misto alla fata del 31 dicembre 1995.

 

Gruppo WhatsApp offerte di lavoro, bonus, concorsi e news

Ricevi ogni giorno gratis i migliori articoli su offerte di lavoro, bandi, bonus, agevolazioni e attualità. Scegli il gruppo che ti interessa:

  1. Telegram - Gruppo esclusivo

  2. WhatsApp - Gruppo base

Seguici anche su YouTube | Google | Gruppo Facebook | Instagram



Come funzionano i gruppi?
  1. Due volte al giorno (dopo pranzo e dopo cena) ricevi i link con le news più importanti

  2. Niente spam o pubblicità

  3. Puoi uscire in qualsiasi momento: la procedura verrà inviata ogni giorno sul gruppo

  4. Non è possibile inviare messaggi sul gruppo o agli amministratori

  5. Il tuo numero di cellulare sarà utilizzato solo per inviarti notizie