Pensione anticipata per lavoro gravoso e usurante: guida

Pensione anticipata per lavoro gravoso e usurante: quando spetta e a quali professioni? Ecco una guida per distinguere le due categorie e per saperne di più.

7' di lettura

Pensione anticipata per lavoro gravoso e usurante – Ecco una pratica guida per comprendere meglio le differenze tra le due categorie (scopri le ultime notizie e poi leggi su Telegram tutte le news sulle pensioni e sulla previdenza. Ricevi ogni giorno sul cellulare gli ultimi aggiornamenti su bonus, lavoro e finanza personale: entra nel gruppo WhatsApp, nel gruppo Telegram e nel gruppo Facebook. Scrivi su Instagram tutte le tue domande. Guarda le video guide gratuite sui bonus sul canale Youtube. Per continuare a leggere l’articolo da telefonino tocca su «Continua a leggere» dopo l’immagine di seguito).

INDICE

Pensione anticipata per lavoro gravoso e usurante: lavori gravosi

Bisogna distinguere la pensione anticipata per lavoro gravoso e usurante. I lavoratori impegnati in lavori gravosi hanno diritto all’APE Sociale, mentre i lavoratori che svolgono mansioni usuranti possono accedere alla pensione anticipata con il sistema delle quote.

Iniziamo il nostro approfondimento sulla pensione anticipata per lavoro gravoso e usurante, andando a vedere quali categorie di lavoratori hanno diritto ad accedere all’APE Sociale per lavori gravosi, rispettando determinati requisiti.

Possono fare domanda:

  • operai dell’industria estrattiva, dell’edilizia e della manutenzione degli edifici;
  • conduttori di gru, di macchinari mobili per la perforazione nelle costruzioni;
  • conciatori di pelli e di pellicce;
  • conduttori di convogli ferroviari e personale viaggiante;
  • conduttori di mezzi pesanti e camion;
  • professioni sanitarie infermieristiche ed ostetriche ospedaliere con lavoro organizzato in turni;
  • addetti all’assistenza personale di persone in condizioni di non autosufficienza;
  • professori di scuola pre-primaria;
  • facchini, addetti allo spostamento merci ed assimilati;
  • personale non qualificato addetto ai servizi di pulizia;
  • operatori ecologici e altri raccoglitori e separatori di rifiuti.
  • pescatori della pesca costiera, in acque interne, in alto mare o soci di cooperative;
  • lavoratori marittimi imbarcati a bordo e personale viaggiante dei trasporti marini ed acque interne;
  • operai agricoli, della zootecnia e della pesca;
  • operai degli impianti siderurgici di prima e seconda fusione e operai del vetro addetti a lavori ad alte temperature non ricompresi nel perimetro dei lavori usuranti.

Scopri la pagina dedicata a tutti i modi per andare in pensione in anticipo.

Chi matura i requisiti richiesti entro il 31 dicembre 2022 può richiedere l’APE Sociale anche svolgendo queste professioni:

  • professori di scuola primaria, pre–primaria e professioni assimilate;
  • tecnici della salute;
  • addetti alla gestione dei magazzini e professioni assimilate;
  • professioni qualificate nei servizi sanitari e sociali;
  • operatori della cura estetica;
  • professioni qualificate nei servizi personali ed assimilati;
  • artigiani, operai specializzati agricoltori;
  • conduttori di impianti e macchinari per l’estrazione e il primo trattamento dei minerali;
  • operatori di impianti per la trasformazione e lavorazione a caldo dei metalli;
  • conduttori di forni ed altri impianti per la lavorazione del vetro, della ceramica e di materiali assimilati;
  • conduttori di impianti per la trasformazione del legno e la fabbricazione della carta;
  • operatori di macchinari e di impianti per la raffinazione del gas e dei prodotti petroliferi, per la chimica di base e la chimica fine e per la fabbricazione di prodotti derivati dalla chimica;
  • conduttori di impianti per la produzione di energia termica e di vapore, per il recupero dei rifiuti e per il trattamento e la distribuzione delle acque;
  • conduttori di mulini e impastatrici;
  • conduttori di forni e di analoghi impianti per il trattamento termico dei minerali;
  • operai semi qualificati di macchinari fissi per la lavorazione in serie e operai addetti al montaggio;
  • operatori di macchinari fissi in agricoltura e nella industria alimentare;
  • conduttori di veicoli, di macchinari mobili e di sollevamento;
  • personale non qualificato addetto allo spostamento e alla consegna merci;
  • personale non qualificato nei servizi di pulizia di uffici, alberghi, navi, ristoranti, aree pubbliche e veicoli;
  • portantini e professioni assimilate;
  • professioni non qualificate nell’agricoltura, nella manutenzione del verde, nell’allevamento, nella silvicoltura e nella pesca;
  • professioni non qualificate nella manifattura, nell’estrazione di minerali e nelle costruzioni.

Ma quali sono i requisiti per accedere all’APE Sociale? Oltre allo svolgere le professioni elencate in precedenza, il richiedente deve aver compiuto 63 anni e maturato 36 anni di contributi (32 anni per gli operai edili, ceramisti e conduttori di impianti per la formatura di articoli in ceramica e terracotta).

Inoltre, è necessario aver svolto da almeno 6 anni degli ultimi 7 oppure 7 anni negli ultimi 10 anni attività lavorative gravose. Infine, al momento della presentazione della domanda, il richiedente deve aver cessato l’attività lavorativa.

L’APE Sociale non è compatibile con altri trattamenti pensionistici diretti e con i trattamenti di sostegno al reddito connessi alla disoccupazione involontaria, ma è compatibile con i redditi da lavoro dipendente: il richiedente, infatti, può riprendere a lavorare pur incassando l’assegno dell’APE Sociale a patto che lo stipendio non superi gli 8.000 euro l’anno (in caso di lavoro autonomo la soglia scende a 4.800 euro l’anno).

Nel caso in cui il beneficiario ha maturato un anno di contributi prima del compimento dei 19 anni e rientra nell’elenco dei lavoratori precoci, può andare in pensione con 41 anni di contributi.

Aggiungiti al gruppo Telegram sulle pensioni e sulle notizie legate al mondo della previdenza. Entra nella community di TheWam e ricevi tutte le news su WhatsApp, Telegram e Facebook. Scopri le ultime offerte di lavoro sempre aggiornate nella tua zona.

Pensione anticipata per lavoro gravoso e usurante: lavori usuranti

Pensione anticipata per lavoro gravoso e usurante. I lavori usuranti, invece, sono quelle attività che richiedono particolari sforzi fisici compiuti in determinati contesti o di notte. Dell’elenco fanno parte:

  • lavori in galleria, cava o miniera: mansioni svolte in sotterraneo con carattere di prevalenza e continuità;
  • lavori nelle cave: mansioni svolte dagli addetti alle cave di materiale di pietra e ornamentale;
  • lavori nelle gallerie: mansioni svolte dagli addetti al fronte di avanzamento con carattere di prevalenza e continuità;
  • lavori in cassoni ad aria compressa;
  • lavori svolti dai palombari;
  • lavori ad alte temperature: mansioni che espongono ad alte temperature, quando non sia possibile adottare misure di prevenzione, quali, a titolo esemplificativo, quelle degli addetti alle fonderie di 2 fusione, non comandata a distanza, dei refrattaristi, degli addetti ad operazioni di colata manuale;
  • lavorazione del vetro cavo: mansioni dei soffiatori nell’industria del vetro cavo eseguito a mano e a soffio;
  • lavori espletati in spazi ristretti: con carattere di prevalenza e continuità ed in particolare delle attività di costruzione, riparazione e manutenzione navale, le mansioni svolte continuativamente all’interno di spazi ristretti, quali intercapedini, pozzetti, doppi fondi, di bordo o di grandi blocchi strutture;
  • lavori di asportazione dell’amianto: mansioni svolte con carattere di prevalenza e continuità.

Trova lavoro: ecco le aziende che assumono in Italia. Scopri tutte le offerte aggiornate.

I lavoratori notturni sono compresi nelle seguenti categorie:

  • lavoratori a turni che prestano attività nel periodo notturno per almeno 6 ore e per un numero minimo 78 notti lavorate all’anno;
  • lavoratori che prestano la loro attività per almeno 3 ore nell’intervallo tra la mezzanotte e le 5 del mattino, per periodi di lavoro di durata pari all’intero anno lavorativo;
  • lavoratori alle dipendenze di imprese per le quali operano le voci di tariffa per l’assicurazione contro gli infortuni sul lavoro, impegnati in catena di montaggio;
  • conducenti di autoveicoli di capienza non inferiore a 9 posti adibiti a trasporto pubblico collettivo.

Per queste categorie di lavoratori spetta la pensione anticipata per lavoro usurante, rispettando il requisito contributivo di 35 anni di contributi versati.

Per accedere alla pensione anticipata è necessario svolgere un’attività usurante per almeno 7 anni negli ultimi 10 anni di attività lavorativa, oppure per almeno la metà della vita lavorativa. Nel conteggio degli anni non si rilevano i periodi coperti da contribuzione figurativa.

I lavoratori dipendenti che hanno svolto mansioni usuranti possono accedere alla pensione con la quota 97,6 (61 anni e 7 mesi di età e 35 anni di contributi). Gli autonomi, invece, possono beneficiarne con quota 98,6 (62 anni e 7 mesi di età e 35 anni di contributi).

Pensione anticipata per lavoro gravoso e usurante. I lavoratori notturni possono accedere alla pensione anticipata per lavori usuranti con queste quote:

  • da 64 a 71 notti lavorate all’anno, con la quota 99 (64 anni di età e 35 di contributi);
  • da 72 a 78 notti lavorate all’anno, con la quota 98 (63 anni di età e 35 di contributi).

Anche per i lavoratori impegnati in lavori usuranti è prevista la pensione anticipata per lavoratori precoci, nel caso in cui si è maturato un anno di contributi prima del compimento dei 19 anni (Quota 41).

Pensione anticipata per lavoro gravoso e usurante e non solo. Ecco gli articoli preferiti dagli utenti sulle pensioni:

Pensione anticipata per lavoro gravoso e usurante
Pensione anticipata per lavoro gravoso e usurante: guida.

Entra nei gruppi offerte di lavoro, bonus, concorsi e news

Ricevi ogni giorno gratis i migliori articoli su offerte di lavoro, bandi, bonus, agevolazioni e attualità. Scegli il gruppo che ti interessa:

  1. Telegram - Gruppo esclusivo

  2. WhatsApp - Gruppo base

Seguici anche su YouTube | Google | Gruppo Facebook | Instagram



Come funzionano i gruppi?
  1. Due volte al giorno (dopo pranzo e dopo cena) ricevi i link con le news più importanti

  2. Niente spam o pubblicità

  3. Puoi uscire in qualsiasi momento: la procedura verrà inviata ogni giorno sul gruppo

  4. Non è possibile inviare messaggi sul gruppo o agli amministratori

  5. Il tuo numero di cellulare sarà utilizzato solo per inviarti notizie