Guida pensione anticipata scuola 2023: istruzioni e domanda

Pensione anticipata per i dipendenti scolastici: quando e come presentare domanda? Ecco una pratica guida per saperne di più.

Carmine Roca è un giornalista esperto in pensioni e fisco.
Conoscilo meglio

7' di lettura

Guida completa alla pensione anticipata per i dipendenti scolastici: ecco le istruzioni e come presentare domanda (scopri le ultime notizie e poi leggi su Telegram tutte le news sulle pensioni e sulla previdenza. Ricevi ogni giorno sul cellulare gli ultimi aggiornamenti su bonus, lavoro e finanza personale: entra nel gruppo WhatsApp, nel gruppo Telegram e nel gruppo Facebook. Scrivi su Instagram tutte le tue domande. Guarda le video guide gratuite sui bonus sul canale Youtube. Per continuare a leggere l’articolo da telefonino tocca su «Continua a leggere» dopo l’immagine di seguito).

Indice

Si può fare domanda per la pensione anticipata per i dipendenti scolastici

È possibile inoltrare le domande per la pensione anticipata per i dipendenti scolastici. Con una circolare, la numero 4814 del 30 gennaio 2023, il Ministero dell’Istruzione ha aperto la piattaforma Istanze Online.

Chi può presentare domanda? Lavoratori amministrativi, insegnanti e professori che, in possesso degli opportuni requisiti, potranno accedere a una delle soluzioni anticipate.

Per Quota 103 e per Opzione Donna, la domanda va inviata entro il 28 febbraio 2023. In ogni caso, la decorrenza della pensione scatterà a partire dal 1° settembre 2023.

Scopri la pagina dedicata a tutti i modi per andare in pensione in anticipo. Per qualsiasi dubbio o domanda sulle pensioni scrivici nel nostro gruppo Telegram.

Aggiungiti al gruppo Telegram sulle pensioni e sulle notizie legate al mondo della previdenza. Entra nella community di TheWam e ricevi tutte le news su WhatsApp, Telegram e Facebook. Scopri le ultime offerte di lavoro sempre aggiornate nella tua zona.

Pensione anticipata per i dipendenti scolastici: Quota 103

Pensione anticipata per i dipendenti scolastici. La prima soluzione è la neonata Quota 103.

Entrata in vigore dal 1° gennaio 2023, la nuova misura previdenziale prevede l’accesso alla pensione con 62 anni di età e 41 anni di contributi versati. I requisiti devono essere maturati entro il 31 dicembre 2023.

Chi accede a Quota 103 deve sapere che non potrà maturare un assegno superiore a 5 volte l’importo del trattamento minimo, quindi non superiore a circa 2.625 euro lordi al mese. Il limite vale fino al compimento dell’età per la pensione di vecchiaia.

REQUISITINOTE
62 anni di età e 41 di contributiAssegno non superiore a 5 volte il trattamento minimo fino all’età per la pensione di vecchiaia.
Pensione anticipata per i dipendenti scolastici: Quota 103

Pensione anticipata per i dipendenti scolastici: Opzione Donna

Per quanto riguarda Opzione Donna, invece, la platea di beneficiari si restringe fino ad arrivare a pochissime fortunate.

In primo luogo, perché la misura è dedicata esclusivamente alle donne insegnanti, professoresse o impiegate amministrative. Inoltre, per potervi accedere, rispetto al 2022, è necessario possedere determinati requisiti:

  • aver compiuto almeno 60 anni (58 anni se la donna ha 2 o più figli; 59 anni se la donna ha un solo figlio);
  • essere riconosciute invalide civili con una riduzione della capacità lavorativa pari o superiore al 74%;
  • assistere il coniuge o un familiare con disabilità grave, entro il secondo grado di parentela, da almeno 6 mesi;
  • aver maturato almeno 35 anni di contributi.

Non è questo il caso, ma un altro requisito a disposizione di chi vorrà accedere a Opzione Donna nel 2023, è essere state licenziate o dipendenti di aziende in crisi.

Anche in questo caso la domanda di pensionamento anticipato per Opzione Donna va presentata entro il 28 febbraio. Lo stesso vale per il pensionamento dei dirigenti scolastici.

REQUISITINOTE
60 anni di età59 anni se la lavoratrice ha un figlio; 58 anni se la lavoratrice ha due o più figli
35 anni di contributi 
Caregiver di coniuge o familiare, con disabilità grave, entro il secondo grado di parentelaDa almeno 6 mesi prima della domanda
Invalidità civile riconosciuta pari o superiore al 74% 
Pensione anticipata per i dipendenti scolastici: Opzione Donna

Pensione anticipata per i dipendenti scolastici: Ape Sociale

Per quanto concerne l’Ape Sociale, l’anticipo pensionistico erogato dall’INPS e diretto, tra gli altri, ai dipendenti del comparto scuola, chi intendesse accedervi dovrà presentare domanda di cessazione del servizio entro il 31 agosto.

Possono andare in pensione con l’Ape Sociale tutti i dipendenti del comparto scuola che hanno compiuto o compiranno 63 anni entro il 31 dicembre 2023, avendo maturato 36 anni di contributi.

La misura spetta anche ai disoccupati, ai caregiver e agli invalidi civili al 74% con un’anzianità contributiva di 30 anni e ai lavoratori edili e ai ceramisti con 32 anni di contributi versati.

L’importo dell’Ape Sociale è calcolato sulla base dell’assegno pensionistico maturato dal dipendente scolastico al momento di presentare la domanda. In ogni caso non può essere superiore a 1.500 euro lordi al mese.

REQUISITINOTE
63 anni di età
36 anni di contributi 
Importo assegno mensileNon superiore a 1.500 euro lordi al mese
Pensione anticipata per i dipendenti scolastici: Ape Sociale

Pensione anticipata per i dipendenti scolastici: altre soluzioni

Un’altra ipotesi di uscita anticipata dal mondo del lavoro è concessa dalla legge Fornero.

Dal 1° settembre 2023, la pensione anticipata può essere richiesta tramite domanda, se entro il 31 dicembre 2023 matura il requisito contributivo richiesto: 42 anni e 10 mesi di contributi per gli uomini; 41 anni e 10 mesi di contributi per le donne, a prescindere dall’età anagrafica.

Per la pensione anticipata per lavoratori precoci (Quota 41), chi ha versato almeno 12 mesi di contributi (un anno) prima di compiere 19 anni e ha maturato complessivamente 41 anni di contributi, a prescindere dall’età anagrafica, entro il 31 dicembre 2023 può accedere a Quota 41.

Chi, invece, ha versato contributi esclusivamente a partire dal 1° gennaio 1996 e rientra nel sistema contributivo ha la possibilità, compiuti 64 anni, con 20 anni effettivi di contributi di accedere alla pensione anticipata contributiva, a partire dal 1° settembre 2023.

Attenzione, però: per potervi accedere è necessario aver maturato un assegno di importo non inferiore a 2,8 volte il valore dell’Assegno Sociale nel 2023.

Rimangono in vigore, per pochi fortunati, anche Quota 100 e Quota 102. Il personale scolastico che ha compiuto 62 anni di età e maturato un’anzianità contributiva di 38 anni entro il 31 dicembre 2021 ha diritto ad accedere a Quota 100.

Stesso discorso per chi ha compiuto 64 anni di età e versato 38 anni di contributi entro il 31 dicembre 2022: per loro è ancora attiva la possibilità di andare in pensione con Quota 102.

Pensione anticipata per i dipendenti scolastici
Pensione anticipata per i dipendenti scolastici. Nella foto un’insegnante a scuola.

Pensione anticipata per i dipendenti scolastici: cosa c’è da sapere?

Le istanze di cessazione dal servizio dovranno essere presentate entro e non oltre il termine indicato dal Decreto ministeriale del MIUR.

Possono presentarle il personale docente, educativo ed ATA di ruolo; gli insegnanti di religione e i dirigenti scolastici, accedendo al sito del Ministero dell’Istruzione, attraverso la procedura web Polis “Istanze Online”.

Ricordiamo che il collocamento a riposo d’ufficio scatta:

  • al compimento dei 65 anni di età al 31 agosto 2023 o alla maturazione del requisito contributivo per la pensione anticipata entro il 31 agosto 2023;
  • al compimento dei 67 anni di età al 31 agosto 2023 o alla maturazione del requisito contributivo per la pensione di vecchiaia entro il 31 agosto 2023.

Il trattenimento in servizio oltre il compimento dei limiti dell’età per il collocamento a riposo d’ufficio non è più previsto dalla legge. Sono trattenuti in servizio fino al compimento dei 71 anni di età soltanto coloro che non hanno ancora maturato i requisiti contributivi minimi richiesti per il pensionamento di vecchiaia.

Ecco gli articoli preferiti dagli utenti sulle pensioni:

Entra nei gruppi offerte di lavoro, bonus, concorsi e news

Ricevi ogni giorno gratis i migliori articoli su offerte di lavoro, bandi, bonus, agevolazioni e attualità. Scegli il gruppo che ti interessa:

  1. Telegram - Gruppo esclusivo

  2. WhatsApp - Gruppo base

Seguici anche su YouTube | Google | Gruppo Facebook | Instagram



Come funzionano i gruppi?
  1. Due volte al giorno (dopo pranzo e dopo cena) ricevi i link con le news più importanti

  2. Niente spam o pubblicità

  3. Puoi uscire in qualsiasi momento: la procedura verrà inviata ogni giorno sul gruppo

  4. Non è possibile inviare messaggi sul gruppo o agli amministratori

  5. Il tuo numero di cellulare sarà utilizzato solo per inviarti notizie