Privacy
×
The wam
×
icona-ricerca
Home / Pensioni / Pensione bloccata: ecco chi rischia nel 2022

Pensione bloccata: ecco chi rischia nel 2022

Pensione bloccata: è possibile? Ecco cosa dice la legge italiana e chi rischia nel 2022.

di Carmine Roca

Maggio 2022

Pensione bloccata: è possibile? Ecco chi rischia nel 2022 (scopri le ultime notizie e poi leggi su Telegram tutte le news sulle pensioni e sulla previdenza. Ricevi ogni giorno sul cellulare gli ultimi aggiornamenti su bonus, lavoro e finanza personale: entra nel gruppo WhatsApp, nel gruppo Telegram e nel gruppo Facebook. Scrivi su Instagram tutte le tue domande. Guarda le video guide gratuite sui bonus sul canale Youtube. Per continuare a leggere l’articolo da telefonino tocca su «Continua a leggere» dopo l’immagine di seguito).

Pensione bloccata: è possibile?

È possibile bloccare il pagamento di una pensione? La legge non prevede che una pensione, soprattutto se di vecchiaia o anticipata, possa essere bloccata, essendo questo un diritto maturato dal pensionato nel corso della sua vita lavorativa.

Ma esistono delle situazioni che prevedono un blocco parziale della pensione, come nel caso del pignoramento.

La legge, infatti, prevede il pignoramento della pensione quando il pensionato ha debiti da saldare nei confronti dell’Erario. Sono previsti, però, limiti di pignoramento in base all’importo mensile della pensione:

In questo caso, quindi, è possibile bloccare la pensione, anche solo in parte, lasciando al pensionato il minimo vitale per poter vivere dignitosamente. Per le norme attualmente in vigore, il minimo vitale è pari a una volta e mezzo l’importo dell’assegno sociale, ovvero 702,16 euro al mese.

Scopri la pagina dedicata alla gestione dei debiti e a metodi per evitare il pignoramento.

Aggiungiti al gruppo Telegram sulle pensioni e sulle notizie legate al mondo della previdenza. Entra nella community di TheWam e ricevi tutte le news su WhatsApp, Telegram e Facebook. Scopri le ultime offerte di lavoro sempre aggiornate nella tua zona.

Pensione bloccata: altri casi

Pensione bloccata. Non sempre il blocco della pensione avviene a causa di problemi economici e di pignoramenti. Per esempio, nel caso delle pensioni di invalidità è prevista la revisione e, nei casi più gravi, la revoca completa dell’assegno assistenziale.

Per fruire della pensione di invalidità è necessario rispettare alcuni requisiti, legati alla sfera reddituale, ma anche alla percentuale di invalidità civile riconosciuta.

Nel caso in cui le condizioni di salute del titolare dovessero migliorare, facendo diminuire la percentuale di invalidità sotto il 74%, oppure se il titolare della pensione di invalidità non presentasse la dichiarazione dei redditi annuale, il pagamento dell’importo verrebbe sospeso e poi revocato, se il cittadino continuasse a non fornire la documentazione necessaria.

Pensione bloccata
Pensione bloccata: chi rischia nel 2022.

Per quanto riguarda la pensione di reversibilità, che spetta ai familiari superstiti del pensionato deceduto, in percentuali diverse in base al legame familiare esistente, siccome l’erogazione avviene rispettando requisiti economici e reddituali del familiare beneficiario, in caso di redditi diversi rispetto a quelli inizialmente dichiarati, può seguire la revisione della prestazione.

In questo articolo abbiamo parlato dei limiti di reddito per percepire la pensione di reversibilità nel 2022.

Se il coniuge o la coniuge del pensionato deceduto dovesse risposarsi, per esempio, la pensione di reversibilità verrebbe bloccata, perché mancherebbe uno dei requisiti indispensabili per riceverla.

Anche la pensione di reversibilità può subire un blocco parziale a causa di pignoramento. Non possono essere pignorati soltanto i sussidi di grazia o sostentamento e i sussidi per maternità, malattie o funerali da casse di assicurazione, enti si assistenza o istituti di beneficenza.

Ecco gli articoli preferiti dagli utenti sulle pensioni:

Entra nel gruppo WhatsApp e Telegram

Canale Telegram

Gruppo WhatsApp