Privacy
×
The wam
×
icona-ricerca
Home / Pensioni » Previdenza e Invalidità / Pensione di guerra reversibilità ai nipoti

Pensione di guerra reversibilità ai nipoti

Pensione di guerra e reversibilità ai nipoti: spetta anche a loro? Cosa ha sentenziato la Corte Costituzionale in merito? Ne parliamo in questo articolo.

di Carmine Roca

Febbraio 2024

In questo articolo vi parleremo di pensione di guerra e reversibilità ai nipoti: è possibile? (scopri le ultime notizie sulle pensioni e su Invalidità e Legge 104. Leggile gratis su WhatsApp, Telegram e Facebook).

La pensione di guerra è reversibile?

Iniziamo col dire che la pensione di guerra spetta anche ai familiari superstiti del pensionato deceduto, titolare di questo tipo di pensione che costituisce un risarcimento dello Stato nei confronti di coloro che hanno subito menomazioni nell’integrità fisica o la perdita di un congiunto, a causa della guerra.

Il trattamento di reversibilità in favore di vedovi o orfani è regolato dalle Tabelle G e N.

Nella misura della Tabella N, la pensione di reversibilità sulla pensione di guerra spetta:

Nella misura della Tabella G, invece, la pensione di reversibilità spetta:

Pensione di guerra: quali sono gli importi del 2024?

Gli importi della pensione di guerra, aggiornati al 2024, sono i seguenti:

Entra nella community, informati e fai le tue domande su Youtube e Instagram.

Pensione di guerra e reversibilità ai nipoti: spetta anche a loro?

Arriviamo alla domanda di apertura: la reversibilità sulla pensione di guerra spetta anche ai nipoti oppure sono esclusi dalla platea dei beneficiari.

Secondo la Corte Costituzionale, con la sentenza numero 88 del 5 aprile 2022, anche i nipoti, se orfani o inabili al lavoro e a carico del deceduto, hanno diritto alla pensione di reversibilità dei loro nonni.

Pensione di guerra e reversibilità ai nipoti: i requisiti

Dunque, attenzione ai terminiorfani”, “inabili” e “a carico”: solo a queste condizioni e in assenza degli altri beneficiari (coniuge e figli), il nipote ha diritto alla pensione di reversibilità del nonno deceduto.

La Corte ha dichiarato incostituzionale l’articolo 38 del decreto del Presidente della Repubblica numero 818 del 1957, in relazione agli aventi diritto, in quanto viola l’articolo 3 della Costituzione Italiana, ovvero che “tutti i cittadini hanno pari dignità sociale”.

La questione mossa dalla Corte Costituzionale vedeva la disparità di trattamento tra i figli del pensionato deceduto inabili al lavoro, beneficiari della reversibilità, e i nipoti, nelle stesse condizioni, ma privati del beneficio.

Per la Corte Costituzionale, era discriminatoria l’esclusione dei soli nipoti maggiorenni, orfani e inabili al lavoro, in quanto trattasi di persone fragili, non in grado di autosostenersi, considerata la perdita, non solo dei genitori e dei nonni, ma anche delle funzioni che consentono di trovare un lavoro e autosostenersi.

Pensione di reversibilità: a chi spetta?

Per quanto riguarda la pensione di reversibilità, ne hanno diritto:

La perdita del diritto alla pensione di reversibilità scatta nel momento in cui il coniuge contrae un nuovo matrimonio.

Avrà comunque diritto a un assegno – la doppia annualità – per una volta, pari a due annualità (art. 3 del decreto legislativo lgt. 18 gennaio 1945, n. 39) della quota di pensione in pagamento, compresa la tredicesima mensilità, nella misura spettante alla data del nuovo matrimonio.

In che percentuale spetta la pensione di reversibilità?

La pensione di reversibilità spetta in quote percentuali della pensione del dante causa, a seconda del grado di familiarità

In questo modo:

Pensione di guerra e reversibilità ai nipoti
Pensione di guerra e reversibilità ai nipoti: in foto un nonno con suo nipote.

Faq sulla pensione di guerra

Come funziona la rivalutazione degli importi delle pensioni di guerra?

La rivalutazione degli importi degli assegni di guerra avviene in modo diverso. Non si tiene conto dei dati ISTAT applicati per le pensioni ordinarie, ma di un’altra percentuale, ai sensi della Legge n. 342/1989, che corrisponde all’aumento percentuale dell’indice delle retribuzioni degli operai dell’industria. Nel 2024, l’indice di rivalutazione è del 2,01%.

Qual è il limite di reddito massimo consentito per avere diritto alla pensione di guerra?

Essendo una prestazione di tipo assistenziale, per avere diritto alla pensione di guerra è necessario possedere un reddito non superiore a una determinata soglia, rivalutata ogni anno: nel 2024, il limite è fissato a 18.187 euro.

Come si distinguono le Tabelle per la pensione di guerra?

Nella prima tabella ci sono le pensioni dirette ai titolari di pensione in vita (Tabella C) e il trattamento di reversibilità in favore di vedovi o orfani (Tabelle G e N). Nella seconda (Tabella M) la pensione normale di guerra ai genitori che concorrono soli senza altri superstiti e nella terza (Tabella S) gli importi delle pensioni speciali di guerra ai genitori che concorrono con altri superstiti.

Ecco gli articoli preferiti dagli utenti sulle pensioni:

Entra nel gruppo WhatsApp e Telegram

Canale Telegram

Gruppo WhatsApp