Privacy
×
The wam
×
icona-ricerca
Home / Invalidità Civile » Pensioni / Ho la pensione di inabilità, posso avere quella di vecchiaia

Ho la pensione di inabilità, posso avere quella di vecchiaia

Ho la pensione di inabilità, posso avere quella di vecchiaia: è possibile scegliere e se sì come e a quali condizioni, vediamo insieme.

di The Wam

Dicembre 2021

Ho la pensione di inabilità, posso avere quella di vecchiaia? Ma se è possibile, come si fa. Lo diciamo subito non è automatico. E la scelta riguarda un buon numero di persone che dopo aver ottenuto la pensione di inabilità hanno ora raggiunto, o stanno per farlo, i requisiti necessari per ottenere la pensione di vecchiaia. Aggiungiti al gruppo Telegram di news su Invalidità e Legge 104 ed Entra nella community di TheWam e ricevi tutte le news su Whatsapp, Telegram, Facebook, Instagram e YouTube.

Pensione di inabilità: previdenziale o civile

La pensione di inabilità viene concessa a chi è inabile al 100% e non può svolgere alcuna attività lavorativa.

È meglio specificare subito un punto. Nel nostro ordinamento sono previste due forme di inabilità:

Ricevi ogni giorno sul cellulare gli ultimi aggiornamenti su invalidità e legge 104 da questo gruppo Telegram. Informati anche su bonus, lavoro e finanza personale: entra nel gruppo whatsapp, nel gruppo Telegram e nel gruppo Facebook . Scrivi su Instagram tutte le tue domande. Guarda le video guide gratuite sui bonus sul canale YouTube

Acquista la nostra Guida più dettagliata sull’Invalidità Civile con oltre 150 pagine e le risposte a tutte le domande. Leggi gratis l’indice e il primo capitolo.

Pensione di inabilità: contributi

Dunque, l’inabilità previdenziale. Questo trattamento viene riconosciuto ai lavoratori (autonomi o dipendenti) che hanno perso completamente la capacità di lavoro per cause che nono sono riconducibili al servizio (in caso contrario avrebbe diritto alla pensione privilegiata).

Per ottenere la pensione di inabilità l’assistito deve avere almeno 5 anni di anzianità assicurativa e contributiva. Almeno 3 di questi anni di contribuzione devono essere stati versati nel quinquennio che ha preceduto la domanda.

Per il requisito contributivo si può anche usufruire della totalizzazione nazionale o del cumulo dei periodi assicurativi. Per dirla facile: si possono sommare gratis i contributi che sono stati pagati a diversi fondi di previdenza obbligatoria.

Pensione di inabilità: niente lavoro

L’inabilità non è compatibile con l’attività lavorativa. Di qualsiasi tipo: subordinata o autonoma. Anzi, la legge esige anche la cancellazione da questi elenchi:

Pensione di inabilità: rischio revoca con rimborso

Ma non solo: l’assistito deve rinunciare a qualsiasi trattamento per la disoccupazione.

Se non si rispettano questi requisiti può scattare la revoca della pensione di inabilità, che può essere sostituta – se ci sono le condizioni – con l’assegno ordinario di invalidità. Se questo accade l’assistito sarà anche costretto a pagare la differenza tra l’importo dell’inabilità e l’assegno di invalidità che ha ricevuto.

Pensione di inabilità: calcolo contributi

Iniziamo ad avvicinarci al cuore della questione.

La pensione di inabilità previdenziale si calcola in base ai contributi che sono stati versati. Il calcolo è misto se il lavoratore ha iniziato a lavorare prima del 1996.

Anzi, se per quella data aveva già accumulato 18 anni di contributi si calcola con il retributivo fino al 2011.

Se gli anni di contributi prima del 1996 erano meno di 18, vengono calcolati con il retributivo e poi a partire dal 1996 con il contributivo.

Per chi ha iniziato a lavorare dal 1996, il calcolo è chiaramente solo con il contributivo.

C’è anche un altro calcolo che deve essere fatto per la pensione di inabilità previdenziale.

Per le pensioni che vengono erogate con il sistema misto o solo con il contributivo gli anni di contributi vengono aumentati virtualmente (nel limite massimo di 40 anni): si aggiunge tutto il periodo che decorre tra la pensione di inabilità e il compimento dei 60 anni di età.

La contribuzione viene calcolata prendendo come riferimento la media degli ultimi cinque anni di contribuzione.

Pensione di inabilità e pensione di vecchiaia

Questa lunga premessa era necessaria per rispondere alla domanda ho la pensione di inabilità, posso avere quella di vecchiaia?

E dunque, la pensione di inabilità non può trasformarsi in automatico nella pensione di vecchiaia. Questo accade invece per l’assegno ordinario di invalidità.

Con la pensione di inabilità è indispensabile che l’assistito presenti una domanda all’Inps, ma naturalmente solo se rientra nei requisiti anagrafici e contribuitivi previsti dalla legge.

Bisogna ricordare comunque, che non possono essere conteggiati come contributi figurativi i periodi in cui si è ricevuta l’inabilità. Questa disposizione può essere superata se l’assistito recupera la capacità lavorativa e viene quindi sospesa la pensione di inabilità, in quel caso i periodi nei quali si è ricevuto il trattamento possono essere considerati contribuzione figurativa.

Entra nel gruppo WhatsApp e Telegram

Canale Telegram

Gruppo WhatsApp

1