Privacy
×
The wam
×
icona-ricerca
Home / Invalidità Civile / Pensione di invalidità, INPS corregge gli ISEE: ecco per chi

Pensione di invalidità, INPS corregge gli ISEE: ecco per chi

Buone notizie per i titolari di pensione di invalidità e maggiorazioni sociali: scopri come INPS sta ricalcolando l'ISEE.

di The Wam

Febbraio 2022

Buone notizie per chi riceve la pensione di invalidità civile. L’INPS, infatti, ha annunciato che sono iniziati i ricalcoli per chi aveva subito una grande ingiustizia: le maggiorazioni sociali, previste per le pensioni di invalidità, erano state conteggiate tra i redditi utili per calcolare l’Isee (l’Indicatore della Situazione Economica Equivalente). Vediamo cosa succederà ora. (aggiungiti al gruppo Telegram di news su invalidità e Legge 104 ed Entra nella community di TheWam e ricevi tutte le news su WhatsApp, Telegram e Facebook).

Pensione di invalidità civile, maggiorazioni sociali e redditi: l’INPS interviene

L’Inps sta inviando un sms per avvisare i cittadini che: “sul calcolo dell’ISEE presentato dal 1° al 20 gennaio 2022 è emersa un’anomalia riguardante i trattamenti. Questi ISEE sono perciò stati ricalcolati d’ufficio”.

Tutto, insomma, dovrebbe tornare automaticamente in ordine per i beneficiari della pensione di invalidità civile e delle maggiorazioni sociali. Ma di chi si tratta? Lo vediamo in dettaglio nei prossimi paragrafi.

Prima, però, un precisione importante: questa rettifica da parte dell’INPS non riguarda i tagli sul reddito di cittadinanza, applicati agli invalidi civili al 100%. Per ora quei tagli continueranno.

Acquista la nostra Guida più dettagliata sull’Invalidità Civile con oltre 150 pagine e le risposte a tutte le domande. Leggi gratis l’indice e il primo capitolo.

Leggi su Telegram tutte le news su Invalidità e Legge 104. Ricevi ogni giorno sul cellulare gli ultimi aggiornamenti su bonus, lavoro e finanza personale: entra nel gruppo WhatsApp, nel gruppo Telegram e nel gruppo Facebook. Scrivi su Instagram tutte le tue domande. Guarda le video guide gratuite sui bonus sul canale Youtube.

Pensione di invalidità e maggiorazioni sociali: cosa ha sbagliato l’INPS?

L’INPS aveva conteggiato ai fini ISEE le maggiorazioni sociali riconosciute dall’articolo 1 della legge 544 del 1988 (più una serie di integrazioni successive).

Una decisione che si scontrava con quanto stabilito dalla Legge 26 maggio 2016 n. 89, emanata dopo alcune Sentenze del Consiglio di Stato (fra le quali la 838, la 841 ed 842 del 2016).

Secondo quella disposizione, dal reddito tassato vanno infatti esclusi i trattamenti erogati da Amministrazioni Pubbliche in ragione di una condizione di disabilità. Nei redditi conteggiati, insomma, andava inclusa solo una eventuale pensione di invalidità di tipo previdenziale: trattamento che richiede il versamento di almeno cinque anni di contributi.

Per tutti gli altri beneficiari, però, si è trattato di un errore. L’INPS, rispetto al conteggio delle maggiorazioni sociali, dopo un interpello della Onlus Fish (Federazione italiana per il superamento dell’handicap), aveva promesso una rettifica ora diventata ufficiale.

Agli appelli, rispetto all’errore dell’ente, si erano aggiunte anche altre federazioni a tutela dei diritti degli invalidi: per esempio Coordown, Favo, Uniciv e Uniamo.

pensione di invalidita maggiorazioni isee sms inps 2022

Pensione di invalidità: cosa sono le maggiorazioni sociali

Le maggiorazioni sociali sono degli aumenti, riconosciuti anche sulla pensione di invalidità civile, che spettano con domanda e in presenza dei requisiti di reddito, a tutti i titolari di pensione diretta (pensione di vecchiaia, anticipata, assegno ordinario di invalidità, pensione di inabilità) o ai superstiti (pensione di reversibilità).

Nello specifico, per ricevere questi incrementi, bisogna ricevere pensioni inferiori all’importo minimo (523,83 euro) e non avere altri redditi:

Reddito di cittadinanza ridotto agli invalidi civili al 100%: che succede ora?

Un’altra questione, in questi giorni, ha doverosamente catalizzato l’attenzione delle persone con invalidità. L’INPS, infatti, ha ridotto (e in alcuni casi azzerato) l’importo del reddito di cittadinanza di gennaio destinato agli invalidi civili al 100%. Un diritto riconosciuto da una storica sentenza della Corte Costituzionale, dopo anni di battaglia.

Si tratta di numerose persone invalide al 100%, con età tra i 18 e i 65 anni, che hanno beneficiato di una maggiorazione sociale da 291,17-298,00 euro fino alla soglia massima prevista (oltre i 500 euro).

Per correggere questo errore è necessario un emendamento di Legge che modifichi i redditi conteggiati ai fini ISEE, per richiedere il reddito di cittadinanza, includendo proprio l’aumento riconosciuto agli invalidi civili al 100%.

Entra nel gruppo WhatsApp e Telegram

Canale Telegram

Gruppo WhatsApp

1