Pensione di reversibilità 2022: tabelle importi e riduzioni

Pensione di reversibilità 2022: a chi spetta, importi e riduzioni. Scopri tutto in questo articolo.

6' di lettura

Pensione di reversibilità 2022: come funziona, quali sono importi e le riduzioni aggiornate al nuovo anno? (aggiungiti al gruppo Telegram sulle pensioni e sulle notizie legate al mondo della previdenza. Entra nella community di TheWam e ricevi tutte le news su WhatsApp, Telegram e Facebook)

In questo articolo vi spiegheremo anche in cosa consiste la pensione di reversibilità, a chi spetta e in quale forma.

Se sei interessato/a all’argomento e vuoi saperne di più, continua a leggere l’articolo.

Pensione di reversibilità 2022: a chi spetta?

La pensione di reversibilità è una misura previdenziale prevista dall’INPS che spetta ai familiari superstiti di un lavoratore assicurato o di un pensionato.

Possono riceverla:

  • il coniuge, anche se separato o divorziato, se titolare di assegno di mantenimento;
  • i figli, se minorenni alla data del decesso, se studenti o universitari tra i 18 e i 26 anni, e ancora carico, se inabili a prescindere dall’età;
  • i nipoti minori, anche quando non affidati, se a carico del pensionato al momento del decesso;
  • in mancanza del coniuge, di figli o nipoti, i genitori non sotto i 65 anni, non titolari di pensione, che alla data di morte del pensionato risultino a suo carico;
  • in mancanza delle altre figure, a fratelli celibi inabili e sorelle nubili inabili (cioè impossibilitati a lavorare per infermità fisiche o mentali), non titolari di pensione e a carico del pensionato deceduto. 

La domanda per beneficiare della pensione di reversibilità può essere effettuata in qualsiasi momento, dopo la morte del pensionato, inoltrandola sul sito dell’INPS tramite Pin da richiedere telematicamente all’istituto oppure facendosi aiutare da un patronato. Per informazioni si può telefonare al call center dell’INPS al numero gratuito 803164.

Leggi su Telegram tutte le news sulle pensioni e sulla previdenza. Ricevi ogni giorno sul cellulare gli ultimi aggiornamenti su bonus, lavoro e finanza personale: entra nel gruppo WhatsApp, nel gruppo Telegram e nel gruppo Facebook. Scrivi su Instagram tutte le tue domande. Guarda le video guide gratuite sui bonus sul canale Youtube.

Pensione di reversibilità 2022: richiedenti e percentuali

La pensione di reversibilità 2022 viene erogata al beneficiario dal mese successivo a quello in cui è avvenuto il decesso del pensionato, a prescindere dalla data in cui è stata presentata la domanda.

L’importo della pensione di reversibilità 2022 varia in base al grado di parentela di chi ne beneficia, secondo questa tabella:

RICHIEDENTEPERCENTUALE
Solo il coniuge60%
Solo il figlio70%
Coniuge e un figlio80%
Due figli80%
Coniuge e due o più figli100%
Tre o più figli100%
Un genitore15%
Due genitori30%
Nipote15%
Un fratello o una sorella15%
Due fratelli o sorelle30%
Tre fratelli o sorelle45%
Quattro fratelli o sorelle60%
Cinque fratelli o sorelle75%
Sei fratelli o sorelle90%
Sette fratelli o sorelle100%

L’assegno, quindi, si calcola in percentuale tenendo conto dell’importo della pensione del pensionato defunto. Per esempio, se il pensionato percepiva una pensione da 1.000 euro netti al mese, il coniuge superstite senza figli ne riceverà 600 (il 60% di 1.000), con un figlio a carico 800 euro (l’80% di 1.000), con due o più figli a carico riceverà la misura intera (1.000 euro).

In caso di assenza del coniuge, il figlio del pensionato defunto percepirà una pensione di reversibilità di 700 euro (il 70% di 1.000 euro); in caso di due figli l’assegno mensile sarà di 800 euro (l’80% di 1.000 euro), mentre se il pensionato lascia orfani tre o più figli, la misura erogata sarà intera (1.000 euro).

Come abbiamo visto in precedenza, in mancanza di coniuge e figli, se in presenza dei requisiti richiesti, la pensione di reversibilità spetta anche ai genitori (15% della pensione se uno solo; 30% se entrambi in vita), ai nipoti (15% della pensione), ai fratelli o alle sorelle (15% della pensione se è uno solo; 30% se sono due; 45% se sono tre, 60% se sono quattro; 75% se sono cinque; 90% se sono sei; 100% se sono sette) a carico del pensionato deceduto.

Ma la pensione di reversibilità non dura per sempre. Ad esempio il coniuge, i fratelli o le sorelle celibi perdono il diritto se si sposano o risposano (nel caso del coniuge), oppure se i figli del defunto terminano e interrompono gli studi universitari o compiono 26 anni. O, ancora, se i genitori del pensionato deceduto sono destinatari di un’altra pensione o se viene meno lo status di inabilità del beneficiario.

Pensione di reversibilità 2022: reddito e percentuali di riduzioni

Non dimentichiamoci neppure che, per l’assegno della pensione di reversibilità 2022 verrà “tagliato” nel caso in cui il beneficiario possegga altri redditi.

La decurtazione dell’importo è strutturata su questa tabella:

REDDITO ANNUOPERCENTUALE RIDUZIONE
Reddito inferiore a 3 volte il trattamento minimo (20.449,64 euro) ovvero (524,34 euro x 13 mensilità x 3)Nessuna riduzione
Reddito annuo superiore a 3 volte il trattamento minimo (tra i 20.449,66 e i 27.266,2 euro)25%
Reddito annuo superiore tra 4 e 5 volte il trattamento minimo (tra 27.266,21 e 34.082,75 euro)40%
Reddito annuo superiore a 5 volte il trattamento minimo (34.082,76 euro)50%

Il trattamento minimo per il 2022 è pari a 524,34, per effetto dell’ultima rivalutazione degli importi (1,7% in più rispetto al 2021).

Con un reddito inferiore a 3 volte il trattamento minimo, ovvero sotto i 20.449,66 euro annui (524,34 euro x 13 mensilità, moltiplicato per 3), non è previsto alcun taglio dell’assegno della pensione di reversibilità.

Diversamente, per i redditi compresi tra i 20.449,66 e i 27.266,2 euro annui (oltre 3 volte il trattamento minimo), la pensione di reversibilità sarà ridotta del 25% (esempio, un coniuge senza figli a carico che ha diritto al 60% della pensione di reversibilità, all’incirca sui 600 euro al mese, subirà un taglio dell’importo di 150 euro al mese, per un assegno pari a 450 euro mensili).

Pensione di reversibilità 2022
Pensione di reversibilità 2022: a chi spetta, importi e riduzioni.

Per i redditi compresi tra 4 e 5 volte il trattamento minimo (tra 27.266,21 e 34.082,75 euro), il taglio dell’assegno mensile sarà pari al 40% (esempio, un coniuge senza figli a carico che ha diritto al 60% della pensione di reversibilità, all’incirca sui 600 euro al mese, subirà un taglio dell’importo di 240 euro al mese, per un assegno pari a 360 euro mensili).

Ancora più importante il taglio per chi supera i 34.082,76 euro annui di reddito (oltre 5 volte il trattamento minimo). Per loro scatta una decurtazione del 50%. Quindi: il 50% di 600 euro, fa 300 euro di taglio, per un assegno pari a 300 euro mensili).

Entra nei gruppi offerte di lavoro, bonus, concorsi e news

Ricevi ogni giorno gratis i migliori articoli su offerte di lavoro, bandi, bonus, agevolazioni e attualità. Scegli il gruppo che ti interessa:

  1. Telegram - Gruppo esclusivo

  2. WhatsApp - Gruppo base

Seguici anche su YouTube | Google | Gruppo Facebook | Instagram



Come funzionano i gruppi?
  1. Due volte al giorno (dopo pranzo e dopo cena) ricevi i link con le news più importanti

  2. Niente spam o pubblicità

  3. Puoi uscire in qualsiasi momento: la procedura verrà inviata ogni giorno sul gruppo

  4. Non è possibile inviare messaggi sul gruppo o agli amministratori

  5. Il tuo numero di cellulare sarà utilizzato solo per inviarti notizie