Privacy
×
The wam
×
icona-ricerca
Home / Pensioni » Previdenza e Invalidità / Pensione di reversibilità cumulo con altri redditi

Pensione di reversibilità cumulo con altri redditi

Pensione di reversibilità e cumulo con altri redditi: quando si rischia la riduzione dell'importo della reversibilità? Quali redditi si cumulano e quali no? Scopriamolo in questo articolo.

di Carmine Roca

Gennaio 2024

In questo approfondimento vi parleremo di pensione di reversibilità e cumulo con altri redditi: è possibile? Si rischiano tagli o riduzioni di importo? (scopri le ultime notizie sulle pensioni e su Invalidità e Legge 104. Leggile gratis su WhatsApp, Telegram e Facebook).

Pensione di reversibilità e cumulo con altri redditi: cosa si rischia?

La normativa non vieta al titolare di pensione di reversibilità di svolgere un’attività lavorativa e produrre redditi da lavoro.

Sono, però, in vigore (introdotti dalla legge numero 335 del 1995, nota come Riforma Dini) dei limiti di cumulabilità oltre i quali, l’importo della pensione di reversibilità subisce una riduzione fino al 50%.

Entra nella community, informati e fai le tue domande su Youtube e Instagram.

Pensione di reversibilità: quali sono i limiti di cumulabilità nel 2024?

Nel 2024, i limiti di cumulabilità in vigore sono i seguenti:

Ricordiamo, però, che i limiti di cumulabilità non si applicano se il beneficiario è il coniuge del pensionato deceduto con due o più figli a carico o se i beneficiari sono figli minorenni, studenti o inabili.

La Corte Costituzionale, con la sentenza numero 162 del 2022 ha deliberato che la decurtazione effettiva della pensione non può essere applicata in misura superiore alla concorrenza dei redditi stessi.

La Corte, si legge, “ha rilevato l’irragionevolezza di una simile situazione che va a porsi in contrasto con la finalità solidaristica sottesa all’istituto della reversibilità, volta a valorizzare il legame familiare che univa, in vita, il titolare della pensione con chi, alla sua morte, ha beneficiato del trattamento di reversibilità. Quel legame familiare, anziché favorire il superstite, finisce paradossalmente per nuocergli, privandolo di una somma che travalica i propri redditi personali”.

Quali sono i redditi cumulabili con la pensione di reversibilità?

Alla pensione di reversibilità possono essere cumulati questi redditi:

Quali redditi non si cumulano alla pensione di reversibilità?

Sono, invece, esclusi dal cumulo questi redditi:

Chi ha diritto alla pensione di reversibilità nel 2024?

La pensione di reversibilità può essere richiesta dal o dai:

I figli studenti possono godere della pensione di reversibilità anche se svolgono un’attività lavorativa con reddito annuo non superiore ad un importo pari al trattamento minimo annuo di pensione previsto dal Fondo Pensioni lavoratori dipendenti maggiorato del 30%.

Se non sono presenti coniuge e figli, la pensione di reversibilità può essere richiesta:

In che percentuale spetta la pensione di reversibilità?

L’importo della pensione di reversibilità è calcolato in percentuali, sulla base della pensione percepita dal defunto.

Spetta al:

Pensione di reversibilità e cumulo con altri redditi
Pensione di reversibilità e cumulo con altri redditi: in foto una donna fa dei conti con una calcolatrice.

Faq sulla pensione di reversibilità

Come si richiede la pensione di reversibilità?

Per ottenere la pensione di reversibilità, bisogna inviare una richiesta all’INPS dopo la morte del defunto. Questo può essere fatto online, tramite il Contact Center INPS, o rivolgendosi a un CAF o un patronato del territorio. La domanda deve essere inviata entro dieci anni dalla morte del titolare del trattamento.

Quali aumenti sono previsti per la pensione di reversibilità nel 2024?

Nel 2024 è stato applicato un incremento del 5,4% sugli importi delle pensioni di reversibilità, ufficializzato dalla circolare INPS 1/2024.

Come si calcola la pensione di reversibilità al coniuge divorziato e al coniuge superstite?

In presenza del coniuge superstite, la pensione di reversibilità viene ripartita in quote e spetta sia al coniuge che all’ex coniuge. La Cassazione ha definito i criteri di ripartizione delle quote, prendendo in considerazione la durata dei rispettivi matrimoni, la durata delle convivenze prematrimoniali, le condizioni economiche dei due soggetti e l’entità dell’assegno divorzile.

Cosa accade al coniuge divorziato se il coniuge superstite si risposa?

Nel caso in cui il coniuge superstite contragga nuove nozze, l’intera pensione di reversibilità spetta al coniuge divorziato, da suddividere con gli altri eventuali beneficiari (figli, nipoti, genitori, fratelli o sorelle), come stabilito dalla Corte di Cassazione a Sezioni Unite con sentenza numero 159 del 1988.

Cosa succede se il figlio inabile inizia a lavorare?

In generale, lo svolgimento di un’attività lavorativa può far presupporre l’inesistenza della totale inabilità e quindi non consente il conseguimento della pensione di reversibilità. Tuttavia, l’attività lavorativa fino a 25 ore settimanali svolta con finalità terapeutica non è considerata rilevante ai fini del riconoscimento della pensione di reversibilità.

Cosa succede se lo stato di inabilità del figlio cambia dopo la morte del genitore?

Lo stato di inabilità del figlio deve esistere al momento della morte del genitore. Eventuali peggioramenti dello stato di salute intervenuti dopo la morte del genitore non influiscono sulla pensione di reversibilità. Allo stesso modo, il venir meno dello stato di inabilità comporta la cessazione del diritto alla pensione ai superstiti.

Ecco gli articoli preferiti dagli utenti sulle pensioni:

Entra nel gruppo WhatsApp e Telegram

Canale Telegram

Gruppo WhatsApp