Privacy
×
The wam
×
icona-ricerca
Home / Pensioni » Previdenza e Invalidità / Pensione di reversibilità dei politici

Pensione di reversibilità dei politici

Pensione di reversibilità dei politici: qual è l'importo e come si calcola? Ne parliamo in questo approfondimento.

di Carmine Roca

Gennaio 2024

In questo articolo vi parliamo di pensione di reversibilità dei politici (scopri le ultime notizie sulle pensioni e su Invalidità e Legge 104. Leggile gratis su WhatsApp, Telegram e Facebook).

Pensione di reversibilità dei politici: a chi spetta?

Anche i familiari superstiti dei parlamentari deceduti hanno diritto alla pensione di reversibilità.

Come la “comune” reversibilità, la pensione ai superstiti spetta al coniuge e/o ai figli sino ai 26 anni di età, oppure inabili a prescindere dall’età anagrafica.

A partire dal 2012 è stata abrogata la norma che permetteva al politico di riscattare i contributi in favore degli eredi, nel caso in cui non fosse maturato il diritto alla pensione.

I parlamentari in carica al 31 dicembre 2011 o che avevano cessato la carica prima di questa data, per l’attribuzione della prestazione, potevano versare un contributo aggiuntivo, facoltativo, del 25%, per almeno 5 anni.

Entra nella community, informati e fai le tue domande su Youtube e Instagram.

Qual è l’importo della pensione di reversibilità dei politici?

Per quanto riguarda l’importo della pensione di reversibilità, sino alla XIII^ legislatura, questo variava da un minimo del 25% a un massimo dell’85,5% dell’indennità parlamentare lorda, in base a quanti anni di mandato aveva maturato il parlamentare.

Successivamente, dalla XV^ legislatura, l’importo è stato ridotto a un minimo del 25% e a un massimo dell’80% dell’indennità percepita dal politico con 30 anni di mandato parlamentare.

Infine, dalla XVI^ legislatura in poi, a partire dal 31 dicembre 2011, la reversibilità in favore dei superstiti del politico deceduto è stata ridotta a un minimo del 20% e a un massimo del 60%, con almeno 15 anni di mandato parlamentare.

Come si calcola la pensione di reversibilità dei politici?

Dal 1° gennaio 2012, il calcolo della pensione di reversibilità è avvenuto tramite il principio del pro-rata.

La prestazione è calcolata sulla base del 33% dell’indennità parlamentare lorda (circa 10.500 euro al mese), di cui l’8,8% a carico del parlamentare e il restante 24,2% a carico dell’Assemblea Elettiva.

Infine, due delibere congiunte di Camera e Senato hanno disposto, a partire dal 1° gennaio 2019, il ricalcolo retroattivo con il sistema contributivo anche per gli anni di mandato maturati sino al 31 dicembre 2011, violando il principio del pro rata.

Cos’è la pensione di reversibilità?

La pensione di reversibilità spetta ai familiari superstiti del pensionato deceduto.

La prestazione spetta:

In mancanza del coniuge, dei figli e dei nipoti, la pensione di reversibilità spetta ai genitori o, in loro mancanza, ai fratelli e alle sorelle se non sposati, inabili e a carico del pensionato deceduto.

Pensione di reversibilità: in che percentuale spetta?

A seconda del grado di familiarità col pensionato deceduto, la pensione di reversibilità spetta in percentuali diverse.

Ecco una tabella con i potenziali beneficiari della prestazione e la percentuale di pensione a loro destinata:

Soggetti SuperstitiPercentuale
Coniuge solo60%
Coniuge e un figlio80%
Coniuge e due o più figli100%
Figlio unico70%
Due figli80%
Tre o più figli100%
Un genitore15%
Due genitori30%
Un fratello o sorella15%
Due fratelli o sorelle30%
Tabella beneficiari e percentuali per la pensione di reversibilità
Pensione di reversibilità dei politici
Pensione di reversibilità dei politici: in foto un politico durante un convegno.

Faq sulla pensione di reversibilità

Come richiedere la pensione di reversibilità?

La pensione di reversibilità va richiesta all’INPS, inoltrando la domanda in via telematica sul sito dell’ente previdenziale. Se a richiederla è il coniuge, l’INPS, sul suo sito, ha messo a disposizione un modello precompilato con le informazioni più importanti. Invece, se a richiederla sono tutti gli altri familiari superstiti, sarà necessario presentare domanda seguendo la normale procedura.

In alternativa, il richiedente o la richiedente può fare domanda tramite:

Quali documenti allegare alla domanda per la pensione di reversibilità?

Alla domanda per la pensione di reversibilità vanno allegati diversi importanti documenti, quali:

Inoltre, se la domanda viene presentata dal coniuge separato con addebito, occorre allegare alla domanda anche la copia della sentenza di separazione legale.

Se la richiesta viene inoltrata dal coniuge divorziato, occorre allegare la copia della sentenza di divorzio, nel caso in cui c’è il coniuge superstite (qualora il pensionato abbia contratto nuovo matrimonio).

Ecco gli articoli preferiti dagli utenti sulle pensioni:

Entra nel gruppo WhatsApp e Telegram

Canale Telegram

Gruppo WhatsApp