Privacy
×
The wam
×
icona-ricerca
Home / Diritto » Pensioni / Pensione di reversibilità: come funziona la doppia annualità

Pensione di reversibilità: come funziona la doppia annualità

Pensione di reversibilità: come funziona e a chi spetta la doppia annualità? Scopriamolo in questo approfondimento.

di Carmine Roca

Febbraio 2022

Pensione di reversibilità: cos’è la doppia annualità e a chi spetta? (aggiungiti al gruppo Telegram sulle pensioni e sulle notizie legate al mondo della previdenza. Entra nella community di TheWam e ricevi tutte le news su WhatsApp, Telegram e Facebook)

In questo articolo affronteremo l’argomento della cosiddetta doppia annualità e vedremo insieme quando si applica e chi sono i beneficiari di questa particolare prestazione economica.

Se sei interessato/a all’argomento e vuoi saperne di più, continua a leggere l’articolo.

Pensione di reversibilità: cos’è e a chi spetta?

In diversi articoli ci siamo focalizzati sulla pensione di reversibilità, il trattamento pensionistico che l’INPS riconosce ai familiari superstiti in caso di decesso del pensionato.

La pensione di reversibilità spetta, in percentuali diverse:

In assenza di coniuge e figli, la pensione di reversibilità spetta a:

La pensione di reversibilità è compatibile con il reddito da lavoro, ma nel caso in cui viene superata una determinata soglia, c’è il rischio di vedersi ridurre l’importo dell’assegno:

Ci sono poi dei casi previsti dalla legge, che prevedono l’erogazione di una doppia annualità di pensione di reversibilità. Ne parliamo nei prossimi paragrafi.

Leggi su Telegram tutte le news sulle pensioni e sulla previdenza. Ricevi ogni giorno sul cellulare gli ultimi aggiornamenti su bonus, lavoro e finanza personale: entra nel gruppo WhatsApp, nel gruppo Telegram e nel gruppo Facebook. Scrivi su Instagram tutte le tue domande. Guarda le video guide gratuite sui bonus sul canale Youtube.

Pensione di reversibilità: doppia annualità

La doppia annualità di pensione di reversibilità è la corresponsione di due annualità, tredicesima compresa, dell’importo della rata mensile della pensione di cui si beneficia.

L’importo è al lordo della tassazione IRPEF e viene calcolato all’atto del decesso del dante causa e percepito dai familiari superstiti.

A beneficiarne sono i superstiti delle vittime del terrorismo e della criminalità organizzata, ma soprattutto ai superstiti delle vittime “del dovere”, ovvero i militari dell’Arma dei Carabinieri, della Guardia di Finanza, della Polizia, del Corpo Forestale, dei Vigili del Fuoco, ma anche dei magistrati ordinari, deceduti in servizio.

Le due annualità (26 mesi di pensione), misura introdotta nel 1998, vengono erogate una tantum. Per beneficiarne, è necessario che la vittima abbia perso la vita direttamente o successivamente all’evento, purché, in questo caso, risulti portatrice di una invalidità permanente non inferiore al 25%, riconosciuta come conseguenza del danno ricevuto.

Pensione di reversibilità: a chi spetta la doppia annualità?

La doppia annualità spetta:

L’importo della misura previdenziale è determinato sulla base del trattamento lordo di reversibilità che spetta loro al momento dell’attribuzione a ciascun superstite. In pratica, si tengono conto delle percentuali della pensione di reversibilità.

Per esempio, se l’assegno percepito dal defunto o dalla defunta era di 1.000 euro al mese, in caso di presenza di un coniuge e di due figli a carico, il coniuge percepirà 600 euro, mentre 200 euro spetterebbero a ogni figlio, in parti uguali.

La doppia annualità per il coniuge sarà pari ai 600 euro da moltiplicare per 26 mensilità (15.600 euro), mentre ai due figli spetterebbero 5.200 euro a testa.

Pensione di reversibilità
Pensione di reversibilità: come funziona e a chi spetta la doppia annualità?

Entra nel gruppo WhatsApp e Telegram

Canale Telegram

Gruppo WhatsApp