Privacy
×
The wam
×
icona-ricerca
Home / Pensioni » Previdenza e Invalidità / Pensione e reversibilità: quando spettano insieme

Pensione e reversibilità: quando spettano insieme

Quando spettano la pensione e la reversibilità insieme? C'è sempre compatibilità tra le due prestazioni? Ne parliamo in questo approfondimento.

di Carmine Roca

Marzo 2024

Quando spettano la pensione e la reversibilità insieme? Ne parliamo in questo approfondimento (scopri le ultime notizie sulle pensioni e su Invalidità e Legge 104. Leggile gratis su WhatsApp, Telegram e Facebook).

Quando spettano la pensione e la reversibilità?

La pensione di reversibilità è sempre compatibile con la pensione di vecchiaia (o qualsiasi altra forma di pensione diretta)? No, non sempre.

Al coniuge superstite, ad esempio, la pensione di reversibilità spetta sempre (tranne se abbia contratto un nuovo matrimonio), con le uniche limitazioni che riguardano il reddito personale prodotto: oltre una determinata soglia, di cui parleremo in seguito, scatta una decurtazione dell’importo variabile dal 25% al 50%.

C’è incompatibilità, invece, tra pensione diretta e pensione di reversibilità nel caso in cui a beneficiarne sia il genitore del dante causa oppure i suoi fratelli o le sue sorelle.

Per legge, nel caso in cui mancassero coniuge e figli, la pensione di reversibilità spetterebbe ai genitori del pensionato defunto (al 15% se è un solo genitore; al 30% se i genitori superstiti sono due), ma a condizione che:

Nel momento in cui venisse meno almeno una di queste condizioni, la pensione di reversibilità non spetterebbe ai genitori superstiti e potrebbe essere concessa ai fratelli e alle sorelle del dante causa (al 15% in caso di un solo fratello o sorella; al 30% in presenza di due o più fratelli o sorelle), ma a condizione che:

Dunque, se genitori, fratelli e sorelle fossero titolari di una pensione diretta (di vecchiaia, di anzianità o anticipata) scatterebbe l‘incompatibilità con la pensione di reversibilità.

Entra nella community, informati e fai le tue domande su Youtube e Instagram.

Pensione di reversibilità al coniuge: quando sono previsti tagli?

Tornando al coniuge superstite, la pensione di reversibilità spetta anche se separato o divorziato, ma solo se sia titolare dell’assegno divorzile e non abbia contratto nuove nozze. Vale anche in caso di unione civile.

Ma nel caso in cui il reddito personale fosse superiore a una determinata soglia, rivalutata ogni anno dall’INPS, l’importo della pensione di reversibilità verrebbe decurtato:

Ricordiamo che al coniuge solo spetta il 60% di reversibilità del coniuge deceduto. In presenza di un figlio a carico la quota sale all’80%; in presenza di due o più figli a carico la quota sale al 100%.

Nel 2024, i nuovi limiti reddituali oltre i quali è prevista la riduzione dell’importo della pensione di reversibilità sono i seguenti:

Pensione di reversibilità al coniuge: quando non sono previsti tagli?

Se sono presenti figli minorenni, studenti o inabili al lavoro, anche se il reddito personale è oltre il limite sopra indicato, la pensione di reversibilità non si riduce.

Ricordiamo che i figli hanno diritto alla reversibilità del genitore se:

Quando spettano la pensione e la reversibilità
Quando spettano la pensione e la reversibilità: in foto una donna anziana abbraccia il suo cagnolino.

Faq sulla pensione di reversibilità

Se il coniuge superstite avvia una nuova convivenza ha ancora diritto alla reversibilità?

Sì, perché la legge non vieta al coniuge superstite di convivere con un nuovo partner. Il diritto a ricevere la pensione di reversibilità non viene revocato. Vivere nella stessa abitazione con un nuovo compagno o una nuova compagna non è incompatibile con la prestazione. Questo perché la convivenza di fatto non può essere paragonata o assimilata al vincolo matrimoniale, come dispone la sentenza numero 461 della Corte Costituzionale, pubblicata il 3 novembre 2000.

Da quando decorre la pensione di reversibilità?

La pensione di reversibilità decorre a partire dal mese successivo al decesso del pensionato e non dalla data in cui il beneficiario della prestazione ha inoltrato domanda all’INPS.

Come richiedere la pensione di reversibilità?

La pensione di reversibilità va richiesta all’INPS, inoltrando la domanda in via telematica sul sito dell’ente previdenziale.

Se a richiederla è il coniuge, l’INPS, sul suo sito, ha messo a disposizione un modello precompilato con le informazioni più importanti. Invece, se a richiederla sono tutti gli altri familiari superstiti, sarà necessario presentare domanda seguendo la normale procedura.

Quali documenti allegare alla domanda per la pensione di reversibilità?

Alla domanda per la pensione di reversibilità vanno allegati diversi importanti documenti, quali:

Ecco gli articoli preferiti dagli utenti sulle pensioni:

Entra nel gruppo WhatsApp e Telegram

Canale Telegram

Gruppo WhatsApp