Pensione garanzia giovani: ci sarà davvero? Ultime notizie

Pensione garanzia giovani, scopri le ultime novità per il trattamento integrativo a favore dei giovani privi di una storia previdenziale solida.

3' di lettura

Pensione garanzia giovani – È ormai un paio d’anni che la pressione dei sindacati per introdurre un trattamento previdenziale di garanzia per i giovani si è fatta sempre più forte (entra nella community di TheWam e ricevi tutte le news su WhatsApp, Telegram e Facebook).

Ora, con l’arrivo dei soldi del PNRR e l’imminente riforma del sistema pensionistico l’idea sembra sempre più a portata di mano.

Ovviamente, ci sarebbero dei requisiti da rispettare e dei correttivi da applicare. Ecco a che punti sono i lavori e quali sono le richieste dei sindacati.

Pensione garanzia giovani: 500 euro a chi lavora dal 1995

L’idea sarebbe quella di dare almeno la pensione minima a chi ha versato i primi contributi a partire dal 1995.

L’introduzione del sistema contributivo puro, infatti, che sostituirà definitivamente il retributivo, non permetterebbe ai ragazzi che cominciano a lavorare tardi di avere una pensione dignitosa.

Ecco che quindi si correrebbe ai ripari dando un minimo garantito, ma di fatto sarebbe un’integrazione, perché si pensa di inserire almeno un requisito: avere 20 anni di contributi versati.

Potrebbero accedere a questo trattamento di favore i giovani, con lavori saltuari e buchi contributivi.

Ricevi ogni giorno sul cellulare gli ultimi aggiornamenti su bonus, lavoro e finanza personale: entra nel gruppo WhatsApp, nel gruppo Telegram e nel gruppo Facebook. Scrivi su Instagram tutte le tue domande. Guarda le video guide gratuite sui bonus sul canale Youtube.

Pensione garanzia giovani, importo: un esempio

Mettiamo il caso che la pensione garanzia giovani entri in vigore dal prossimo anno.

Dopo venti anni di contributi versati, chi ha cominciato a versare dal 1995, potrebbe anche smettere di lavorare e nel 2044, a 67 anni, prenderebbe il minimo pensionistico grazie all’aiuto dei contributi statali.

Pensione garanzia giovani al posto della pensione di cittadinanza

L’idea dei sindacati sarebbe quella di rimodulare la Pensione di Cittadinanza, che al momento è la versione del Reddito di Cittadinanza per chi ha raggiunto l’età pensionabile.

L’importo della pensione garanzia giovani potrebbe essere anche variabile e cambiare in base alle necessità sociali ed economiche del singolo.

L’obbiettivo dei sindacati è riassunto in poche parole, che però spiegano bene quale sarà il futuro del welfare in Italia, che molto si avvicina al concetto di Reddito Universale Garantito:

«a creazione di una pensione di garanzia contributiva, collegata ed eventualmente graduata rispetto al numero di anni di lavoro e di contributi versati. Una pensione che consideri e valorizzi previdenzialmente anche i periodi di disoccupazione, di formazione e di basse retribuzioni, per assicurare a tutti un assegno pensionistico dignitoso, anche attraverso il ricorso alla fiscalità generale».

Pensione garanzia giovani: ci sarà davvero? Ultime notizie
Pensione garanzia giovani: ci sarà davvero? Ultime notizie

Se hai delle domande sulla pensione di garanzia per i giovani, scrivici su Instagram.

Potrebbero interessarti anche:

Gruppo WhatsApp offerte di lavoro, bonus, concorsi e news

Ricevi ogni giorno gratis i migliori articoli su offerte di lavoro, bandi, bonus, agevolazioni e attualità. Scegli il gruppo che ti interessa:

  1. Telegram - Gruppo esclusivo

  2. WhatsApp - Gruppo base

Seguici anche su YouTube | Google | Gruppo Facebook | Instagram



Come funzionano i gruppi?
  1. Due volte al giorno (dopo pranzo e dopo cena) ricevi i link con le news più importanti

  2. Niente spam o pubblicità

  3. Puoi uscire in qualsiasi momento: la procedura verrà inviata ogni giorno sul gruppo

  4. Non è possibile inviare messaggi sul gruppo o agli amministratori

  5. Il tuo numero di cellulare sarà utilizzato solo per inviarti notizie