Pensione, novità importante per i lavoratori part time

Pensione, c'è una novità importante per i lavoratori part time ed è stata inserita nella nuova Legge di Bilancio: i contributi saranno validi per l'anno intero. La giurisprudenza si era già pronunciata in questo senso, la nuova norma sana la questione. Ma chi ne ha diritto? Quali sono i requisiti? Da quando entra in in vigore?

2' di lettura

Lavoratori part time. Un articolo nelle legge di Bilancio del 2021 ha finalmente risolto una questione antica e sulla quale la giurisprudenza si era già espressa in modo chiaro: il lavoro part time verticale vale un anno intero ai fini contributivi per la pensione. C’è una sola condizione, che la retribuzione annua sia pari o superiore a 10.274 euro.

La questione interessa in particolare i lavoratori stagionali, che sono impiegati soltanto in alcuni mesi dell’anno, ma anche quelli che sono impegnati solo per qualche giorno alla settimana.

Chi ne ha diritto

Gran parte dei lavoratori con un contratto di part time verticale svolgono attività nel settore privato nei mesi tra settembre e giugno.

Qui trovi notizie interessanti sulle pensioni

Come detto la giurisprudenza aveva già riconosciuto il diritto all’accredito dell’intera annualità contributiva.

La nuova legge ha disposto per i contratti part time verticali (a partire da quelli in corso dal primo gennaio 2021), che il calcolo del trattamento pensionistico includa la contribuzione annua al minimo contributivo settimanale (206,23 euro nel 2021).

E quelli precedenti al primo gennaio 2021? In quel caso il riconoscimento avviene solo dopo una domanda presentata dal lavoratore part time.

Per ulteriore chiarezza. Se hai lavorato in regime part time verticale per una azienda privata la nuova norma riconosce il diritto all’accredito di 52 settimane (che saranno fondamentali per accedere alle prestazioni pensionistiche), anche se il lavoro si è concentrato, facciamo un esempio, in sole 36 settimane.

Come detto l’unica condizione è il reddito che non deve essere inferiore a 10.724 euro l’anno.

Cosa accadeva prima?

L’Inps, prima di questa legge, riconosceva agli assistititi l’accredito solo rispetto alle settimane di effettivo lavoro. Non conteggiava quindi i periodi di sospensione dell’attività.

E per chi non raggiunge quel minimo di 10.724 euro?

Beh, in quel caso la contribuzione verrà ridotta in modo proporzionale rispetto al reddito.

Facciamo un esempio: chi avrà ricevuto 8.864 euro per un lavoro part time verticale vedrà riconosciute solo 43 settimane contributive.

Per i lavoratori che sono impegnati con un lavoratore part time orizzontale si applicano le stesse condizioni.

Per i dipendenti pubblici(lavoratori part time) non ci sono modifiche: per loro gli anni di servizio a orario ridotto sono sempre da considerarsi utili per intero.

Gruppo WhatsApp offerte di lavoro, bonus, concorsi e news

Ricevi ogni giorno gratis i migliori articoli su offerte di lavoro, bandi, bonus, agevolazioni e attualità. Scegli il gruppo che ti interessa:

  1. Telegram - Gruppo esclusivo

  2. WhatsApp - Gruppo base

Seguici anche su Google | Facebook | Instagram



Come funzionano i gruppi?
  1. Due volte al giorno (dopo pranzo e dopo cena) ricevi i link con le news più importanti

  2. Niente spam o pubblicità

  3. Puoi uscire in qualsiasi momento: la procedura verrà inviata ogni giorno sul gruppo

  4. Non è possibile inviare messaggi sul gruppo o agli amministratori

  5. Il tuo numero di cellulare sarà utilizzato solo per inviarti notizie