Pensione minima: requisiti. A chi spetta l’integrazione

Pensione minima o meglio integrazione al minimo: a chi spetta e in che misura

Pensione minima: requisiti e importo. Ecco a chi spetta e in che misura
Pensione minima: di cosa si tratta? Quali requisiti bisogna soddisfare per ottenerla e fino a che cifra si può ottenere?
2' di lettura

Pensione minima: di cosa si tratta? Quali requisiti bisogna soddisfare per ottenerla e fino a che cifra si può ottenere? Di seguito la risposta a queste domande (Consulta anche la nostra pagina speciale sulle pensioni).

(Nel gruppo Telegram contenuti speciali su offerte di lavoro e bonus) (Nel gruppo whatsapp offerte di lavoro, incentivi e concorsi sempre aggiornati) (Qui la pagina riservata ai concorsi) (Qui il link al nostro canale youtube con le video-guide)

Pensione minima: requisiti e importo. Ecco a chi spetta e in che misura
Pensione minima: di cosa si tratta? Quali requisiti bisogna soddisfare per ottenerla e fino a che cifra si può ottenere?

Pensione minima: di cosa si tratta?

Pensione minima: sarebbe meglio parlare di integrazione al trattamento minimo. Questa è una prestazione erogata dall’Inps a quei pensionati che percepiscono un assegno previdenziale molto basso (Come si andrà in pensione tra il 2020 e il 2021?). L’integrazione interviene a compensare trattamenti diretti (la pensione di vecchiaia o quella anticipata per fare degli esempi) sia quelli indiretti (la pensione di reversibilità, quella per i superstiti etc…). In teoria, l’integrazione minima interviene anche sulle pensioni non erogate dall’Inps ma le regole cambiano tra le varie casse previdenziali di categoria.

A chi spetta?

A chi spetta la pensione minima? L’integrazione al minimo – per l’intero importo – spetta solo a quei pensionati che hanno un reddito annuo non superiore a 6.702,54 euro. Per chi raggiunge quota 13.405,08 euro di reddito all’anno, invece, l’importo dell’integrazione si riduce progressivamente. In caso di pensionati coniugati si deve calcolare anche il reddito della coppia: non può superare quota 20.107,62 per ricevere l’integrazione per l’importo intero. Si riceve l’integrazione in misura parziale se l’importo della coppia di coniugi è compresa tra 20.107,62 e 28.810,16 (anche qui l’importo si riduce progressivamente fino al raggiungimento della soglia massima).

Fino a che importo arriva?

L’importo massimo che può raggiungere la pensione minima è di 515,58 euro per 13 mensilità (Potrebbe essere innalzata a 780 euro? Ne abbiamo parlato meglio qui). Di fatto, l’integrazione raggiunge tale importo solo in caso di pensione pari a zero (si tratta in effetti di una specie di “paradosso”). Nel concreto, 515,58 euro è la cifra massima a cui ammonta l’assegno di chi riceve l’integrazione: si prenda il caso di un pensionato che percepisce 500 euro di pensione, ecco, quest’ultimo riceverà 15,58 euro a titolo di integrazione.

Potrebbero interessarti:


  1. Ecco i bonus per gli anziani

  2. Calendario pensioni di novembre: la bozza

  3. Pensione di invalidità: quando arriva l’aumento

  4. Tutte le news sul pacchetto previdenza

Gruppo WhatsApp offerte di lavoro, bonus, concorsi e news

Ricevi ogni giorno gratis i migliori articoli su offerte di lavoro, bandi, bonus, agevolazioni e attualità. Scegli il gruppo che ti interessa:

  1. Telegram - Gruppo esclusivo

  2. WhatsApp - Gruppo base

Seguici anche su Google | Facebook | Instagram



Come funzionano i gruppi?
  1. Due volte al giorno (dopo pranzo e dopo cena) ricevi i link con le news più importanti

  2. Niente spam o pubblicità

  3. Puoi uscire in qualsiasi momento: la procedura verrà inviata ogni giorno sul gruppo

  4. Non è possibile inviare messaggi sul gruppo o agli amministratori

  5. Il tuo numero di cellulare sarà utilizzato solo per inviarti notizie