Privacy
×
The wam
×
icona-ricerca
Home / Pensioni / Pensione netta: come si calcola? Esempi utili

Pensione netta: come si calcola? Esempi utili

Pensione netta. L'importo lordo della vostra pensione tiene conto delle ritenute Irpef e delle addizionali. Ecco come calcolare la pensione netta.

di Carmine Roca

Dicembre 2021

Pensione netta: come si calcola l’assegno previdenziale al netto delle ritenute Irpef e delle addizionali regionali e comunali, tenendo presenti le detrazioni? (entra nella community di TheWam e ricevi tutte le news su WhatsApp, Telegram e Facebook)

Ne parleremo in questo articolo, spiegandovi nel dettaglio come conoscere l’importo reale che vi verrà accreditato ogni mese.

Se sei interessato l’argomento e vuoi saperne di più, continua a leggere l’articolo.

Pensione netta: le ritenute Irpef

Il primo punto da chiarire è che la pensione, come lo era il vostro stipendio, è assoggettata all’Irpef e alle addizionali regionali e comunali.

Come ben sapete, al momento esistono cinque scaglioni di Irpef, che comprendono una determinata fascia di reddito. Con un reddito fino a 15.000 euro l’anno si paga il 23% di Irpef.

Dai 15.000 ai 28.000 euro annui l’aliquota sale al 27%, mentre con i redditi compresi tra i 28.000 e i 55.000 si paga il 33% di Irpef. E poi ancora: il 41% di Irpef si calcola sui redditi dai 55.000 ai 75.000 euro annui, infine si passa al 43% per i redditi annui superiori ai 75.000 euro.

Con la riforma Irpef che dovrebbe entrare in vigore nei primi mesi del 2022, gli scaglioni scenderanno a quattro. Rimane invariato il primo scaglione (23% sui redditi annui fino ai 15.000 euro), mentre le novità riguarderanno i redditi dai 15.001 a 28.000 euro annui (25% di Irpef), quelli dai 28.001 ai 50.000 euro all’anno (35%) e infine quelli oltre i 50.000 euro annui (43% di Irpef).

Tornando alle pensioni, per conoscere l’importo della pensione netta, basta individuare il vostro scaglione di appartenenza. Nei prossimi paragrafi entreremo nel dettaglio.

Leggi su Telegram tutte le news su Invalidità e Legge 104. Ricevi ogni giorno sul cellulare gli ultimi aggiornamenti su bonus, lavoro e finanza personale: entra nel gruppo WhatsApp, nel gruppo Telegram e nel gruppo Facebook. Scrivi su Instagram tutte le tue domande. Guarda le video guide gratuite sui bonus sul canale Youtube.

Pensione netta: esempio di calcolo

Per capire meglio come conoscere il reale importo della vostra pensione (pensione netta) procediamo con un esempio.

Poniamo il caso che il vostro unico reddito sia la vostra pensione e che questa abbia un importo lordo di 1.800 euro al mese che, moltiplicato per 13 mensilità, danno come importo lordo totale 23.400 euro. Con questa cifra, il vostro scaglione Irpef di appartenenza è quello al 27% (dal 2022 si passerà al 25%).

Quindi, sui primi 15.000 euro verrà applicata un’aliquota del 23% (3.450 euro di Irpef), mentre sui restanti 8.400 verrà applicata un’aliquota del 27% (2.268 euro di Irpef). Per un totale Irpef pari a 5.718 euro all’anno.

L’importo totale, però, verrà alleggerito dalle detrazioni che spettano ai pensionati con redditi superiori ai 15.000 euro, secondo un calcolo che prevede un quoziente (1297), calcolato in questo modo: 55.000 – reddito netto diviso 40.000.

La detrazione che spetta si ottiene applicando la formula: (1297 * quoziente) moltiplicato (giorni / 365).

Pensione netta
Pensione netta: come si calcola?

Inoltre, se il pensionato ha la moglie a carico dovrà considerare un’altra detrazione (circa 700 euro l’anno), che andrebbe ad abbassare ulteriormente l’Irpef da pagare.

Da non dimenticare, infine, le eventuali addizionali regionali e comunali, che solitamente hanno un importo massimo di qualche decina di euro. Di conseguenza, in base a tutte le detrazioni, da un importo lordo di circa 1.800 euro al mese di pensione, si può arrivare a una pensione netta di circa 1.400-1.500 euro al mese.

Entra nel gruppo WhatsApp e Telegram

Canale Telegram

Gruppo WhatsApp