Privacy
×
The wam
×
icona-ricerca
Home / Pensioni / Pensione per casalinghe: come versare i contributi

Pensione per casalinghe: come versare i contributi

Pensione per casalinghe: come si versano i contributi? Vediamolo insieme in questo approfondimento.

di Carmine Roca

Febbraio 2022

Pensione per casalinghe: come iscriversi al Fondo e come versare i contributi? (aggiungiti al gruppo Telegram sulle pensioni e sulle notizie legate al mondo della previdenza. Entra nella community di TheWam e ricevi tutte le news su WhatsApp, Telegram e Facebook. Per continuare a leggere l’articolo da telefonino tocca su «Continua a leggere» dopo l’immagine di seguito)

Ne parliamo in questo articolo dedicato alle casalinghe, le donne (ma anche gli uomini) che dedicano il loro tempo, la loro vita alla cura della casa e della propria famiglia.

Se sei interessato/a all’argomento e vuoi saperne di più, continua a leggere l’articolo.

Pensione per casalinghe: iscrizione al Fondo e contributi

Le donne casalinghe (o gli uomini casalinghi) possono andare in pensione, anche senza essere inquadrate come lavoratrici dipendenti o autonome.

Iscrivendosi al Fondo Casalinghe INPS e versando contributi volontari possono garantirsi il diritto a ricevere un assegno previdenziale una volta raggiunta la soglia dell’età pensionabile.

L’iscrizione al Fondo è libera ed è aperta a tutte le donne casalinghe (e a tutti gli uomini casalinghi) che hanno un’età compresa tra i 18 e i 65 anni. Per aderire bisogna non essere titolari di pensione (può iscriversi chi percepisce la pensione di reversibilità) e non si deve svolgere lavoro dipendente o autonomo.

Anche il versamento di denaro a titolo di contributi è libero e senza vincoli. Ma come funziona il versamento dei contributi per pensione per casalinghe? Lo vedremo nei prossimi paragrafi.

Scopri le ultime notizie e poi leggi su Telegram tutte le news sulle pensioni e sulla previdenza. Ricevi ogni giorno sul cellulare gli ultimi aggiornamenti su bonus, lavoro e finanza personale: entra nel gruppo WhatsApp, nel gruppo Telegram e nel gruppo Facebook. Scrivi su Instagram tutte le tue domande. Guarda le video guide gratuite sui bonus sul canale Youtube.

Pensione per casalinghe: versamento contributi

Come abbiamo detto in precedenza il versamento del credito nel Fondo è a discrezione della casalinga. Però, per avere diritto a un mese di contributi bisogna versare almeno 25,82 euro al mese. Un anno di contribuzione è pari a 309,84 euro.

Per avere diritto alla pensione per casalinghe si devono versare almeno 5 anni (60 mesi) di contributi utilizzando dei bollettini di conto corrente postale inviati dall’INPS e disponibili anche sul sito dell’INPS in formato pdf, stampabili con i propri dati e senza importo.

Versando i contributi nel Fondo si ha diritto alla pensione di vecchiaia (a 57 anni, con almeno 60 mesi di contributi versati) o alla pensione di inabilità, se viene dimostrata l’impossibilità permanente e assoluta di prestare attività lavorativa.

Pensione per casalinghe
Pensione per casalinghe: come si versano i contributi?

È chiaro che, con importi minimi versati mensilmente o annualmente non si può pensare di ottenere un assegno previdenziale corposo. Ma quale sarà l’importo della pensione per casalinghe?

L’importo minimo mensile è di 523,28 euro, con un reddito personale inferiore a 13.605,28 euro annui e coniugale inferiore a 27.210,56 euro annui.

Entra nel gruppo WhatsApp e Telegram

Canale Telegram

Gruppo WhatsApp