Privacy
×
The wam
×
icona-ricerca
Home / Bonus e Incentivi / Pensione di reversibilità con residenze diverse: si può?

Pensione di reversibilità con residenze diverse: si può?

La diversa residenza dei due coniugi incide sulla pensione di reversibilità? Ecco la risposta e tutte le altre info

di Marco Cagiano

Maggio 2024

La diversa residenza dei due coniugi incide sulla pensione di reversibilità? Ecco la risposta e tutte le altre informazioni utili al riguardo, a partire dalla definizione di pensione di reversibilità. Ecco tutto ciò che c’è da sapere (scopri le ultime notizie sulle pensioni e su Invalidità e Legge 104. Leggile gratis su WhatsApp, Telegram e Facebook).

Pensione di reversibilità con residenze diverse

La domanda che molti si stanno facendo riguarda la possibilità di accedere alla pensione di reversibilità anche se i coniugi abitano in case diverse. Ecco allora che, come prima cosa, rispondiamo proprio a questa domanda.

Sì, la pensione di reversibilità spetta anche se i coniugi abitano in due case diverse, con differente residenza. Il diritto alla pensione di reversibilità, infatti, matura comunque alla morte del lavoratore i del pensionato verso il coniuge superstite o di familiari aventi diritto.

Ecco quindi sciolto un nodo molto importante per chi ha diritto a questa misura, ma ha il dubbio di perderla a causa della diversa residenza. Sicuramente la ratio della pensione di reversibilità è differente, come vedremo successivamente.

Se fossi interessato al tema dei bonus per over 55, 60, 65 e 75 anni, ecco un interessante video di approfondimento su tutti i bonus per gli over attivi nel 2024:

Entra nella community, informati e fai le tue domande su Youtube e Instagram.

Pensione di reversibilità: ecco a chi spetta

La pensione di reversibilità spetta:

pensione-reversibilita-con-residenze-diverse
Pensione di reversibilità con residenze diverse: in foto una calcolatrice, dei fogli e una penna.

Pensione di reversibilità: a chi spettano gli arretrati?

Quando si parla di pensione di reversibilità si parla spesso anche degli arretrati e della riduzione rispetto ai redditi percepiti. Proviamo a vedere in maniera semplice come funziona.

L’INPS ha infatti stabilito che la riduzione della pensione ai superstiti, aggiornata ogni anno sulla base delle soglie di reddito, non può portare a una riduzione che sia in misura superiore ai redditi percepiti dal beneficiario della pensione di reversibilità, tenendo presente anche la clausola di salvaguardia.

Chi avesse subito delle riduzioni eccessive rispetto a questo criterio, potrebbe quindi avere diritto agli arretrati, riconosciuti come differenze sui ratei arretrati e gli interessi legali e la rivalutazione monetaria. In qualsiasi caso non si può pretendere nulla in caso di decorso della prescrizione quinquennale.

FAQ: domande frequenti sulla pensione di reversibilità

Quali documenti allegare alla domanda per la pensione di reversibilità?

Alla domanda per la pensione di reversibilità vanno allegati diversi importanti documenti, quali:

Inoltre, se la domanda viene presentata dal coniuge separato con addebito, occorre allegare alla domanda anche la copia della sentenza di separazione legale.

Se la richiesta viene inoltrata dal coniuge divorziato, occorre allegare la copia della sentenza di divorzio, nel caso in cui c’è il coniuge superstite (qualora il pensionato abbia contratto nuovo matrimonio).

In caso di separazione dei beni si ha diritto alla reversibilità?

Certo, la separazione dei beni non provoca limitazioni o divieti sulla pensione di reversibilità: questa può essere richiesta e ottenuta dal coniuge superstite, che avrà diritto al 60% dell’importo dell’assegno del coniuge deceduto; oppure all’80% se ha a carico un figlio, o al 100% se ha a carico due o più figli.

La pensione di reversibilità fa reddito per la pensione minima?

Sì, la pensione di reversibilità fa reddito e, quindi può influire sul diritto alla pensione minima, ma solo se il reddito personale (o da coniugato) dovesse superare una determinata soglia.

La pensione di reversibilità dopo quanti anni di matrimonio spetta?

Il diritto alla pensione di reversibilità, per il coniuge superstite, spetta a prescindere dalla durata del matrimonio. I mesi o gli anni nei quali si è stati sposati non influiscono sul diritto alla prestazione: anche un solo giorno di matrimonio basta, al coniuge superstite, per ricevere la quota di pensione di titolarità del coniuge defunto.

Chi decide delle controversie per la pensione di reversibilità?

Le controversie sulla ripartizione della pensione di reversibilità tra coniuge superstite ed ex coniuge sono sempre di competenza del giudice/tribunale ordinario.

Ecco gli articoli preferiti dagli utenti sulle pensioni:

Entra nel gruppo WhatsApp e Telegram

Canale Telegram

Gruppo WhatsApp