Pensioni 2022, pagamenti rateali e riscatti più facili

Pensioni 2022: l'Inps ha attivato un nuovo servizio per rendere più facili i pagamenti rateali, le domiciliazioni bancarie o postali e altro ancora. Vediamo come si attiva, i tempi e le modalità del servizio proposto dall'istituto di previdenza.

4' di lettura

Pensioni 2022, pagamenti rateali e riscatti più facili. Ma anche domiciliazioni bancarie da attivare o revocare in un clic, oltre ovviamente la semplice gestione di ricongiunzioni e rendite vitalizie. Aggiungiti al gruppo Telegram di news su Invalidità e Legge 104 ed Entra nella community di TheWam e ricevi tutte le news su Whatsapp, Telegram, Facebook, Instagram e YouTube.

Ricevi tutte le news sempre aggiornate su bonus e lavoro e informati su diritti degli invalidi e legge 104

Pensioni 2022: il servizio Inps per semplificare

Lo ha comunicato l’Inps con il messaggio numero 4608 del 2021.

L’Inps ha deciso di semplificare la vita ai suoi utenti. Basterà inserire il proprio Iban per attivare una richiesta che è già precompilata con tutti i dati necessari. Che sono questi:

  • codice identificativo creditore;
  • codice identificativo del mandato:
  • importo rata;
  • codice fiscale.

Ricevi ogni giorno sul cellulare gli ultimi aggiornamenti su invalidità e legge 104 da questo gruppo Telegram. Informati anche su bonus, lavoro e finanza personale: entra nel gruppo whatsapp, nel gruppo Telegram e nel gruppo Facebook . Scrivi su Instagram tutte le tue domande. Guarda le video guide gratuite sui bonus sul canale YouTube

Pensioni 2022: addebito diretto

I pensionati potranno avere con maggiore facilità la possibilità di chiedere l’addebito diretto sul conto corrente postale o bancario.

Mentre per gli assistiti che pagano a rate gli oneri dei riscatti contributivi, la ricongiunzione o la rendita vitalizia si potrà operare senza avere alcune necessità di passare dalla banca o dall’ufficio postale.

Si tratta in pratica di un servizio Inps, del tutto nuovo, che attiva la domiciliazione dei pagamenti rateali. Un servizio atteso da molti pensionati.

Pensioni 2022: anche rate e non solo

Questa funzione, come detto, riguarda in particolare gli assistititi che pagano ratealmente:

  • riscatti;
  • ricongiunzioni;
  • rendite vitalizie.

Pensioni 2022: modello SSD

Tutto è più semplice, dunque. Ma per l’attivazione è richiesto comunque un passaggio preliminare.

L’utente deve infatti recarsi in banca o all’ufficio postale per dare il via all’attivazione. E presentarsi con il modello SSD. Questo modello comporta la rinuncia al diritto di rimborso dell’addebito entro otto settimane.

Pensioni 2022: l’attivazione

La richiesta di attivazioni potrebbe non essere immediata. Sono infatti indispensabili due cose:

  • la banca deve trasmettere all’Inps la richiesta di autorizzazione al pagamento;
  • l’assistito deve a sua volta aspettare la lettera di conferma dell’Inps che informa della prima rata domiciliata.

Nel frattempo che si realizza questo passaggio il pensionato deve continuare a pagare le rate con le consuete modalità.

IL nuovo servizio Inps è stato chiamato “Mandato SDD”.

È disponibile sul Portale dei Pagamenti, dove è possibile accedere con:

  • Spid (Sistema pubblico di identità digitale) almeno di livello 2;
  • con Cns (Carta nazionale dei servizi, la vecchia tessera sanitaria);
  • con Cie (la carta d’identità elettronica).
  • Il percorso da seguire è questo:
  • Prestazioni e servizi;
  • Servizi;
  • Portale dei Pagamenti;
  • Riscatti Ricongiunzioni e Rendite;
  • Entra nel Servizio.

Pensioni 2022: richiesta precompilata

Come detto la richiesta è già precompilata. L’utente deve solo inserire il suo Iban.

C’è però una verifica ulteriore da fare: accertarsi che il codice fiscale dell’utente sia lo stesso del titolare del conto corrente di addebito.

A proposito di addebito. Verrà effettuato l’ultimo giorno lavorativo di ogni mese. Oppure – come accade sempre nelle banche – il primo giorno utile se la scadenza cadesse di sabato o in un giorno festivo.

E questo ovviamente fino a quando non scade il piano che è stato disposto per il pagamento.

Quando è stata avviata la richiesta di attivazione del servizio Inps si può accedere alla funzione Stampa richiesta.

In quella finestra del portale si potrà verificare, nei giorni successivi, lo stato della domanda e conoscere la data di quando è stato addebitato sul contro corrente l’importo della rata mensile.

Pensioni 2022: revoca il mandato

Ovviamente si può anche cambiare idea. È infatti possibile revocare il mandato di addebito 3 giorni dopo la sua attivazione (3 giorni lavorativi). Basta utilizzare la stessa procedura che è stata usata per avviare il funzionamento del servizio.

Se invece c’è la necessità di modificare l’Iban di addebito, basta revocare il mandato sul vecchio Iban e procedere ad attivare quello nuovo, ma dopo tre giorni lavorativi.

Gruppo WhatsApp offerte di lavoro, bonus, concorsi e news

Ricevi ogni giorno gratis i migliori articoli su offerte di lavoro, bandi, bonus, agevolazioni e attualità. Scegli il gruppo che ti interessa:

  1. Telegram - Gruppo esclusivo

  2. WhatsApp - Gruppo base

Seguici anche su YouTube | Google | Gruppo Facebook | Instagram



Come funzionano i gruppi?
  1. Due volte al giorno (dopo pranzo e dopo cena) ricevi i link con le news più importanti

  2. Niente spam o pubblicità

  3. Puoi uscire in qualsiasi momento: la procedura verrà inviata ogni giorno sul gruppo

  4. Non è possibile inviare messaggi sul gruppo o agli amministratori

  5. Il tuo numero di cellulare sarà utilizzato solo per inviarti notizie