Privacy
×
The wam
×
icona-ricerca
Home / Pensioni » Previdenza e Invalidità / Pensioni, come riscattare i periodi tra 2 lavori a termine

Pensioni, come riscattare i periodi tra 2 lavori a termine

Pensioni, come riscattare i periodi tra 2 lavori a termine: l'Inps chiarisce quando è possibile e quali sono i requisiti per poterlo fare.

di The Wam

Marzo 2022

Pensioni, come riscattare i periodi tra 2 lavori a termine. È possibile riscattare i periodi senza contribuzione tra due lavori a termine, come possono essere anche quelli stagionali. (scopri le ultime notizie e poi leggi su Telegram tutte le news sulle pensioni e sulla previdenza. Ricevi ogni giorno sul cellulare gli ultimi aggiornamenti su bonus, lavoro e finanza personale: entra nel gruppo WhatsApp, nel gruppo Telegram e nel gruppo Facebook. Scrivi su Instagram tutte le tue domande. Guarda le video guide gratuite sui bonus sul canale Youtube. Per continuare a leggere l’articolo da telefonino tocca su «Continua a leggere» dopo l’immagine di seguito).

Ricevi tutte le news sempre aggiornate su bonus e lavoro.

Non ci sono limiti e una sola condizione: non devono essere precedenti al 31 dicembre 1996.

La precisazione è stata fatta dall’Inps nel messaggio numero 958 del 2022. L’istituto ha chiarito nei dettagli quali siano i diritti per chi è rimasto inattivo tra un lavoro stagionale o a tempo determinato e un altro contratto simile: si può riscattare da un punto di vista contributivo quei mesi di “vuoto”.

Pensioni, come riscattare i periodi tra 2 lavori a termine: riforma Dini

Questa possibilità era già stata attivata grazie all’articolo 7 del Decreto legislativo numero 564 del 1996 (inserito nella riforma Dini). Un decreto che permette ai lavoratori dipendenti di poter riscattare, per la pensione, i periodi senza contribuzione tra un rapporto stagionale o a termine e quello successivo.

Rivalutazione pensioni 2022, aumenti ufficiali: le tabelle

Aggiungiti al gruppo Telegram sulle pensioni e sulle notizie legate al mondo della previdenza. Entra nella community di TheWam e ricevi tutte le news su WhatsApp, Telegram e Facebook.

Pensioni, come riscattare i periodi tra 2 lavori a termine: continuità contributiva

Così da consentire, a chi non ha potuto neppure ricevere neppure i contributi figurativi assicurati dalla cassa integrazione indennizzata, di recuperare quei “vuoti” per garantirsi una continuità contributiva (poi essenziale ai fini del calcolo per il trattamento pensionistico).

Come detto si possono riscattare solo i periodi che sono precedenti al 31 dicembre del 1996. Ovviamente quest’arco temporale non deve essere stato coperto da altri tipi di contribuzione, obbligatoria o figurativa che siano.

Pensioni, come riscattare i periodi tra 2 lavori a termine: la circolare

L’Inps ha anche sottolineato che questa possibilità viene offerta per coprire i vuoti contributivi tra due lavori a termine o stagionali, e non – come era stato invece specificato nel messaggio numero 30108 del 13 dicembre 2007tra un lavoro stagionale e uno a tempo indeterminato.

Pensione per donne casalinghe con o senza contributi: cifre

Pensioni, come riscattare i periodi tra 2 lavori a termine: la differenza

Nell’ultima circolare viene anche spiegato il perché: la possibilità di riscattare i periodi di assenza contributiva tra un lavoro stagionale (o a tempo) e un contratto a scadenza indeterminata non è concessa perché l’articolo 7 del decreto legislativo numero 564 del 1996 porta a ritenere che il periodo di inattività ammesso a riscatto sia solo e soltanto quello che intercorra tra rapporti di lavoro dipendente in forma stagionale, temporanea e discontinua.

E infatti si legge, e in modo chiaro: «In favore degli iscritti all’assicurazione generale obbligatoria per l’invalidità, la vecchiaia e i superstiti e alle forme di essa sostitutive ed esclusive, che svolgono attività da lavoro dipendente in forma stagionale, temporanea o discontinua, i periodi intercorrenti successivi al 31 dicembre 1996, non coperti da contribuzione obbligatoria o figurativa possono essere riscattati, a domanda, mediante il versamento della riserva matematica secondo le modalità di cui all’art. 13 della legge 12 agosto 1962, n. 1338, e successive modificazioni ed integrazioni».

In pensione con 15 anni di contribuiti: ecco come

Pensioni, come riscattare i periodi tra 2 lavori a termine: quando non è possibile

Il riscatto non è possibile anche quando la sospensione dall’attività lavorativa è stata provocata dalla cessazione di un rapporto di lavoro a tempo indeterminato poi seguita – do un periodo di inattività – da un altro contratto, di qualsiasi tipo (e quindi anche a tempo o stagionale).

Non si possono riscattare neppure i periodi di inattività tra due lavori a tempo indeterminato e neppure quelli che intercorsi tra un rapporto di lavoro subordinato (anche se a tempo) e un lavoro autonomo.

E quindi, ribadiamo: il riscatto dei periodi di inattività sono possibili solo quando solo tra due contratti di lavoro a tempo determinato o stagionale.

Pensioni, come riscattare i periodi tra 2 lavori a termine: oltre 3 anni

L’Inps ha anche chiarito che non ci sono dei limiti temporali per il riscatto: possono essere recuperati alla contribuzione anche periodi di inattività superiori ai tre anni.

Il riscatto è possibile anche quando il “vuoto contributivo” riguarda due lavori stagionali di diversa natura o se il rapporto stagionale è stato poi seguito da un contratto a tempo determinato, o al contrario.

Ecco gli articoli preferiti dagli utenti sulle pensioni:

Entra nel gruppo WhatsApp e Telegram

Canale Telegram

Gruppo WhatsApp