Privacy
×
The wam
×
icona-ricerca
Home / Pensioni / Pensioni e arrotondamento: cos’è e tutti i rischi

Pensioni e arrotondamento: cos’è e tutti i rischi

Pensioni e arrotondamento: a chi spetta e con quali requisiti? Vediamo cosa accade dopo gli ultimi pronunciamenti della Corte dei Conti.

di Carmine Roca

Febbraio 2022

Pensioni e arrotondamento: a chi spetta, con quali requisiti e in base a quale periodo contributivo? (aggiungiti al gruppo Telegram sulle pensioni e sulle notizie legate al mondo della previdenza. Entra nella community di TheWam e ricevi tutte le news su WhatsApp, Telegram e Facebook. Per continuare a leggere l’articolo da telefonino tocca su «Continua a leggere» dopo l’immagine di seguito)

Ne parleremo in questo approfondimento, nel quale ci focalizzeremo su questo riconoscimento previsto per alcune categorie di pensionati.

Se sei interessato/a all’argomento e vuoi saperne di più, continua a leggere l’articolo.

Pensioni e arrotondamento: cos’è?

Pensioni e arrotondamento. Il calcolo delle pensioni può essere effettuato seguendo due modalità: il calcolo retributivo o il calcolo contributivo.

Ma c’è anche l’eccezione costituita da chi, al 31 dicembre 1995, ovvero la data del passaggio dal sistema di calcolo retributivo al sistema di calcolo contributivo, vantava almeno 18 anni di contributi: per la maggioranza dei casi, l’assegno della pensione viene calcolato con il sistema misto, che tiene conto di entrambi i sistemi.

Proprio per questa categoria di pensionati, attraverso alcune sentenze della Corte dei Conti, spetta un arrotondamento.

Cos’è l’arrotondamento? Ci riferiamo al riconoscimento del calcolo retributivo sulle annualità dei contributi previdenziali obbligatori versati dal lavoratore, che avrà diritto a un assegno previdenziale sicuramente più ricco.

Scopri le ultime notizie e poi leggi su Telegram tutte le news sulle pensioni e sulla previdenza. Ricevi ogni giorno sul cellulare gli ultimi aggiornamenti su bonus, lavoro e finanza personale: entra nel gruppo WhatsApp, nel gruppo Telegram e nel gruppo Facebook. Scrivi su Instagram tutte le tue domande. Guarda le video guide gratuite sui bonus sul canale Youtube.

Pensioni e arrotondamento: la frenata della Corte dei Conti

Qualcosa è cambiato in epoca recente, dopo gli ultimi pronunciamenti della Corte dei Conti, che hanno reso più stringenti le possibilità di accedere all’arrotondamento ai lavoratori prossimi alla pensione.

Gli arrotondamenti potevano avvenire per frazioni di mesi o di anni: in questo modo veniva garantito, a un buon numero di lavoratori, il raggiungimento della soglia dei 18 anni di contributi, calcolati entro la data del 31 dicembre 1995.

Oggi, in base alle nuove sentenze, l’arrotondamento spetta solo a chi ha maturato 18 anni di contributi entro il 31 dicembre 1995.

Pensioni e arrotondamento
Pensioni e arrotondamento: a chi spetta e con quali requisiti?

La beffa, per molti lavoratori, è il mancato raggiungimento della soglia anche solo per pochi giorni di contributi.

In questi casi viene meno la possibilità di sperare in un assegno pensionistico calcolato con il sistema retributivo e, quindi, più conveniente rispetto a quelli calcolati con il sistema contributivo. A pagare di più saranno soprattutto i dipendenti pubblici e i militari.

Entra nel gruppo WhatsApp e Telegram

Canale Telegram

Gruppo WhatsApp