Privacy
×
The wam
×
icona-ricerca
Home / Pensioni » Previdenza e Invalidità / Pensioni giugno 2024: come vedere gli importi in anticipo

Pensioni giugno 2024: come vedere gli importi in anticipo

Importi delle pensioni di giugno 2024 in anticipo: ecco come visualizzarli in anticipo e cosa attendersi, tra aumenti, arretrati e conguagli.

di Carmine Roca

Maggio 2024

In questo approfondimento vedremo insieme come visualizzare gli importi delle pensioni di giugno 2024 in anticipo (scopri le ultime notizie sulle pensioni e su Invalidità e Legge 104. Leggile gratis su WhatsApp, Telegram e Facebook).

Importi delle pensioni di giugno 2024: come visualizzarli in anticipo?

Pagamenti delle pensioni di giugno 2024 in arrivo. INPS ha iniziato ad aggiornare il dettaglio pensionistico del mese prossimo e cominciano a essere visibili anche gli importi, in attesa della pubblicazione dei cedolini prevista tra il 20 e il 22 maggio.

Come visualizzare il dettaglio pensionistico delle pensioni di giugno 2024? Accedendo al sito dell’INPS, quindi al vostro “Fascicolo previdenziale” e una volta autenticati con una delle credenziali in possesso (SPID, CIE o CNS), seguite questa procedura:

Ma come fare a visualizzare in anteprima gli importi delle pensioni di giugno 2024? Purtroppo da qualche mese INPS ha reso impossibile questa procedura, prima ai pensionati e, successivamente, anche agli intermediari abilitati.

Ci sono, però, dei metodi per aggirare il problema.

Entra nella community, informati e fai le tue domande su Youtube e Instagram.

Importi delle pensioni di giugno 2024: il Portale della Disabilità

Ad esempio, i pensionati con invalidità possono visualizzare gli importi delle pensioni di giugno 2024 accedendo al “Portale della Disabilità”, il punto di accesso unico riservato agli invalidi civili, ai ciechi civili, ai sordomuti, agli invalidi lavorativi (Legge 68/1999) e ai portatori di handicap (Legge 104/1992).

La procedura è semplice: dovrete accedere alla sezione “pagamenti e cedolini” per visualizzare l’importo della vostra prestazione.

Vi ricordiamo che, ad oggi, INPS non ha ancora completato gli aggiornamenti per il mese prossimo: chi non visualizza, oggi, l’importo spettante dovrà attendere qualche ora o al massimo qualche giorno.

Importi delle pensioni di giugno 2024: il Modello OBIS/M

Un altro metodo per poter verificare in anteprima l’importo della pensione di giugno 2024 è il Modello OBIS/M.

Il servizio consente di consultare il certificato di pensione (modello OBIS/M) del pensionato di tutte le gestioni, che riassume le principali informazioni delle pensioni INPS in pagamento come importi mensili lordi e netti, aumenti, ritenute erariali, trattenute e contributo di solidarietà.

Con il messaggio numero 1772 del 9 maggio scorso, INPS ha fornito indicazioni sul certificato di pensione 2024.

Il servizio online è a disposizione dei pensionati di tutte le gestioni, compresa la gestione ex INPGI confluita all’INPS dal 1° luglio 2022, beneficiari di prestazioni previdenziali e assistenziali.

Nel Modello OBIS/M è presente l’importo lordo della pensione di giugno 2024. Inoltre è possibile verificare l’importo delle singole trattenute fiscali e delle eventuali detrazioni di imposta applicate.

Importi delle pensioni di giugno 2024: simulazione piccoli prestiti o prestiti pluriennali

L’ultimo servizio INPS che permette, in qualche modo, di venire a conoscenza dell’importo della pensione di giugno 2024 prima della pubblicazione del cedolino è la “Simulazione piccoli prestiti o prestiti pluriennali Gestione Unitaria delle prestazioni creditizie e sociali”.

Lo strumento consente di simulare un piccolo prestito o un prestito pluriennale. Inserendo le informazioni nel sistema, potrete risalire all’importo lordo di pensione che vi spetterà a giugno 2024.

Invece non è più possibile sfruttare il servizio INPS per la cessione del quinto della pensione.

Pensione giugno 2024: cosa aspettarsi?

Ma cosa c’è da attendersi con la pensione di giugno 2024? Nulla di significativo per la stragrande maggioranza dei pensionati.

Per chi ha già ricevuto l’aggiornamento degli importi alla nuova IRPEF introdotta il 1° gennaio 2024, e i relativi arretrati, non percepirà ulteriori incrementi sull’assegno.

Chi, invece, è rimasto indietro con gli aumenti e con gli arretrati non corrisposti da gennaio a maggio 2024 (una piccola fetta di pensionati), potrebbe ricevere tutto con la pensione di giugno.

Parliamo di coloro che rientrano nelle fasce di reddito interessate dalla riforma IRPEF, ovvero coloro che posseggono un reddito superiore a 15.000 euro annui.

Ricordiamo, infatti, che la riforma IRPEF ha ridotto il numero degli scaglioni, da quattro a tre, con l’eliminazione dello scaglione al 25% e l’allargamento della platea di contribuenti al 23% per redditi fino a 28.000 euro.

Gli aumenti mensili possono arrivare sino a 21 euro (per i redditi oltre i 28.000 euro), per un aumento annuo massimo sino a 260 euro.

Quali trattenute ci saranno sulle pensioni di giugno 2024?

Anche per quanto riguarda le trattenute sulla pensione non ci sono variazioni da registrare a giugno 2024.

Queste trattenute includono il conguaglio a debito delle ritenute erariali del 2023, calcolato sull’ammontare delle pensioni erogate dall’INPS. Se le trattenute effettuate nel 2023 sono state inferiori al dovuto, l’INPS ha iniziato a recuperare il debito dei contribuenti tramite delle trattenute sulle pensioni applicate dal mese di gennaio.

Motivo per cui, alcuni pensionati hanno già estinto il debito entro giugno 2024, mentre altri continueranno a subire trattenute anche a giugno fino alla completa estinzione del debito.

Per chi ha una pensione fino a 18.000 euro e presenta un debito superiore a 100 euro dal conguaglio, il recupero verrà rateizzato fino a novembre 2024.

Inoltre, ricordiamo che, a eccezione delle prestazioni di invalidità civile, delle pensioni o assegni sociali e delle prestazioni non assoggettate a tassazione per casi specifici (come le vittime del terrorismo o la detassazione per i residenti all’estero), su tutte le altre prestazioni si applicano le imposte.

Quando pagano la pensione di giugno 2024?

A giugno 2024, gli accrediti delle pensioni partiranno in due giorni diversi: il 1° giugno sugli strumenti postali (libretti, conti correnti, conti Banco Posta e Poste Pay Evolution); il 3 giugno tramite banca. Questo, perché, il 1° giugno è sabato.

Dal 1° giugno via libera anche ai pagamenti in contanti, con ritiro presso l’ufficio postale di riferimento, seguendo l’ormai consueto calendario ordinato in base alle lettere iniziali dei cognomi degli aventi diritto.

Di seguito il possibile calendario dei pagamenti, ma vi consigliamo di informarvi presso l’ufficio postale poiché le date potrebbero variare soprattutto nei comuni meno popolosi:

Importi delle pensioni di giugno 2024 in anticipo
Importi delle pensioni di giugno 2024 in anticipo: in foto alcune banconote di euro.

Faq sulle pensioni di giugno 2024

Di quanto è aumentata la pensione minima nel 2024?

La pensione minima per il 2024 ha un importo di 598,61 euro.

Esempi di aumento:

Quali sono gli importi delle prestazioni di invalidità nel 2024?

Ecco una tabella riassuntiva con gli importi e i limiti di reddito aggiornati al 2024:

PrestazioneImporto 2024Limite di Reddito 2024
Ciechi civili assoluti ricoverati con sola pensione333,33 euro19.461,12 euro
Ciechi civili assoluti non ricoverati con sola pensione342,01 euro17.920 euro
Ciechi parziali con sola pensione333,33 euro19.461,12 euro
Ciechi parziali con sola indennità speciale221,20 euroNon ci sono limiti di reddito
Ciechi assoluti non ricoverati con pensione e indennità333,33 euro (+978,50 euro di indennità speciale)19.461,12 euro
Ciechi parziali con pensione e indennità speciale333,33 euro (+221,20 euro di indennità speciale)19.461,12 euro
Ipovedenti gravi decimisti con solo assegno a vita247,40 euro9.356,39 euro
Indennità di accompagnamento per ciechi civili978,50 euroNon ci sono limiti di reddito
Sordomuti333,33 euro19.461,12 euro
Indennità di comunicazione263,19 euroNon ci sono limiti di reddito
Invalidi civili totali (100%)333,33 euro19.461,12 euro
Invalidi civili parziali (dal 74% al 99%)333,33 euro5.725,46 euro
Indennità di accompagnamento per non autosufficienti531,76 euroNon ci sono limiti di reddito
Indennità di frequenza (invalidi minorenni)333,33 euro5.725,46 euro
Lavoratori affetti da talassemia major o drepanocitosi598,61 euroNon ci sono limiti di reddito
Tabella importi e limiti di reddito 2024

Di quanto sono aumentate le pensioni con la riforma IRPEF del 2024?

Di seguito presentiamo degli esempi di come si sono ridotte le imposte sulla pensione grazie alla riforma Irpef 2024:

Ecco gli articoli preferiti dagli utenti sulle pensioni:

Entra nel gruppo WhatsApp e Telegram

Canale Telegram

Gruppo WhatsApp