Privacy
×
The wam
×
icona-ricerca
Home / Pensioni » Previdenza e Invalidità / Pensioni marzo 2024 aumenti: novità nei cedolini

Pensioni marzo 2024 aumenti: novità nei cedolini

Aumenti delle pensioni di marzo 2024: INPS ha anticipato l'erogazione degli aumenti e degli arretrati dovuti alla riforma IRPEF. Ecco cosa succede.

di Carmine Roca

Febbraio 2024

Arrivano gli aumenti delle pensioni di marzo 2024: ecco per chi (scopri le ultime notizie sulle pensioni e su Invalidità e Legge 104. Leggile gratis su WhatsApp, Telegram e Facebook).

Aumenti delle pensioni di marzo 2024: il messaggio dell’INPS

A sorpresa, INPS anticipa gli effetti della riforma IRPEF erogando gli aumenti e gli arretrati già a marzo, anziché ad aprile, come aveva riferito tramite comunicato pubblicato lo scorso 22 gennaio: “Si comunica che la tassazione delle pensioni sarà adeguata ai nuovi scaglioni di reddito e alle nuove aliquote, introdotte dal decreto legislativo n. 216 del 31 dicembre 2023, dalla mensilità di aprile 2024 sulla quale sarà corrisposto anche il conguaglio riferito alle mensilità precedenti”.

Cambio di programma: con il messaggio numero 755 del 20 febbraio 2024, l’ente previdenziale ha reso noto che adeguerà gli importi delle pensioni come sostituto d’imposta alla riduzione delle aliquote IRPEF, prevista dal decreto legislativo numero 216 del 30 dicembre 2023, in attuazione dell’articolo 5, comma 1, lettera a), della legge numero 111 del 9 agosto 2023.

Aumenti delle pensioni di marzo 2024: come leggere il cedolino?

Nel cedolino della pensione di marzo 2024, pubblicato da INPS sul proprio sito ufficiale, troverete la seguente annotazione: “Da questa mensilità la tassazione viene applicata sulla base degli scaglioni IRPEF del d. lg. 216/2023”.

Per visualizzare il proprio cedolino della pensione basta accedere al sito dell’INPS e seguire questa procedura:

Entra nella community, informati e fai le tue domande su Youtube e Instagram.

Aumenti delle pensioni di marzo 2024: chi ne avrà diritto?

Cosa aspettarsi a marzo? Semplicemente gli aumenti dovuti all’eliminazione dello scaglione al 25% e l’allargamento della platea dei contribuenti al 23% per i redditi fino a 28.000 euro annui.

Queste sono le nuove aliquote che rimarranno in vigore fino al 31 dicembre 2024:

Cosa è cambiato rispetto al 2023? Nulla per i redditi fino a 15.000 euro e per chi ha redditi oltre 28.000 euro annui, considerato che le aliquote IRPEF sono rimaste invariate.

A beneficiare degli aumenti di pensione per la riforma IRPEF saranno quei pensionati con redditi compresi tra 15.001 euro e 28.000 euro.

Aumenti delle pensioni di marzo 2024: esempi e importi

Ecco alcuni esempi di aumento e i relativi arretrati (gennaio e febbraio) in arrivo a marzo 2024:

Pensioni di marzo 2024: le addizionali comunali

Ma gli aumenti dovuti alla riforma IRPEF, saranno mitigati dall’arrivo dell’addizionale comunale, calcolata sul valore lordo del trattamento previdenziale.

Rispetto all’anno scorso, in alcuni comuni, la percentuale di addizionale comunale applicata sulle pensioni è stata aumentata. Ad esempio a Napoli e a Palermo, dove l’addizionale comunale inciderà sull’importo delle pensioni per l’1%, rispetto allo 0,9% dell’anno scorso a Napoli e allo 0,938% del 2023 a Palermo.

Ricordiamo che l’acconto è pari al 30% dell’addizionale, significa che sia a Napoli che a Palermo, su una pensione di 1.000 euro verrà applicata una trattenuta di 3 euro; su una pensione di 1.500 euro ci sarà una trattenuta di 4,50 euro e così via.

Roma l’aliquota dell’addizionale comunale rimarrà dello 0,90%; a Milano, invece, l’addizionale comunale inciderà per lo 0,8%, con una trattenuta in acconto dello 0,24%, ovvero 2,40 euro su una pensione di 1.000 euro4,80 euro su una pensione di 2.000 euro e così via.

Stesso discorso a Bologna e a Venezia. Mentre a Firenze, l’addizionale comunale incide sulle pensioni per lo 0,2%, ovvero lo 0,8% in meno di Napoli e Palermo; lo 0,6% in meno di Milano, Bologna e Venezia e lo 0,7% in meno di Roma.

Per saperne di più sulle addizionali comunali del vostro comune di residenza, vi consigliamo di accedere al portale messo a disposizione dal Ministero dell’Economia e delle Finanze.

Quando pagano la pensione di marzo 2024?

La pensione di marzo 2024 verrà pagata a partire da venerdì 1° marzo. Di seguito il possibile calendario dei pagamenti in contanti (vi consigliamo di informarvi presso l’ufficio postale di riferimento, poiché potrebbero esserci variazioni soprattutto nei comuni meno popolosi):

Aumenti delle pensioni di marzo 2024
Aumenti delle pensioni di marzo 2024: in foto un pensionato legge sorpreso una notizia sul cellulare.

Faq sulle pensioni di marzo 2024

Chi percepisce la pensione minima ha diritto all’aumento della pensione per la riforma IRPEF?

No, chi percepisce la pensione minima non ha diritto all’aumento per l’IRPEF. Questo perché chi percepisce la pensione minima in misura piena avrà sicuramente un reddito inferiore a 8.500 euro annui (la soglia da rispettare per l’integrazione al minimo è 7.781,93 euro annui). Avendo un reddito sotto gli 8.500 euro annui, il pensionato al minimo rientrerà nella no tax area, ovvero coloro che non versano alcuna imposta, poiché viene azzerata dalla detrazione sui redditi da pensione.

Chi altro non riceverà alcuno “sconto” per l’IRPEF nella pensione di aprile 2024?

Non riceveranno aumenti e arretrati sulle pensioni, per la riforma IRPEF, neppure:

Come visualizzare l’importo della pensione sul Portale della Disabilità?

Se siete titolari di prestazioni di invalidità, attraverso il nuovo “Portale della Disabilità” potrete recuperare tutte le informazioni possibili sull’importo della vostra pensione. Nella home del sito accedete all’area tematica e dopo aver inserito le vostre credenziali, cliccate sulla sezione “Pagamenti e cedolini”. Vi comparirà l’importo della vostra pensione, rivalutata del 5,4%.

Di quanto aumentano le pensioni a marzo 2024 per effetto della rivalutazione?

Anche a marzo verranno erogati aumenti per la rivalutazione delle pensioni. In questa tabella potete verificare quanto vi verrà erogato a marzo, in base al vostro reddito:

IMPORTI PENSIONERIVALUTAZIONE 2024AUMENTI 2024
1.000 euro100% (5,4%)54 euro lordi al mese
1.500 euro100% (5,4%)81 euro lordi al mese
2.000 euro100% (5,4%)108 euro lordi al mese
2.500 euro85% (4,59%)114,75 euro lordi al mese
3.000 euro53% (2,86%)85,80 euro lordi al mese
3.500 euro47% (2,53%)88,55 euro lordi al mese
4.000 euro47% (2,53%)101,20 euro lordi al mese
5.000 euro37% (2%)100 euro lordi al mese
6.000 euro22% (1,19%)71,40 euro lordi al mese
Aumenti delle pensioni 2024 per fasce di reddito

Entra nel gruppo WhatsApp e Telegram

Canale Telegram

Gruppo WhatsApp