Privacy
×
The wam
×
icona-ricerca
Home / Pensioni » Previdenza e Invalidità / Pensioni minime 2024 over 75: a quanti soldi hanno diritto?

Pensioni minime 2024 over 75: a quanti soldi hanno diritto?

Pensioni minime 2024 per over 75: a quanti soldi si ha diritto? Ecco importi, limiti reddituali e differenze con l'anno scorso.

di Carmine Roca

Marzo 2024

In questo approfondimento parleremo di pensioni minime 2024 per over 75: a quanti soldi si ha diritto? (scopri le ultime notizie sulle pensioni e su Invalidità e Legge 104. Leggile gratis su WhatsApp, Telegram e Facebook).

Pensioni minime 2024 per over 75: cosa è cambiato?

Come funzionano le pensioni minime 2024 per over 75? Cosa è cambiato rispetto al 2023?

Quest’anno, rispetto all’anno scorso, non c’è differenza anagrafica tra pensionati al minimo. L’importo della pensione è uguale per tutti, sia per chi ha compiuto 75 anni e sia per chi ha un’età inferiore.

Dal 1° gennaio 2024, come deciso dalla Legge di bilancio 2023, le pensioni minime, oltre alla rivalutazione ordinaria, godono di una rivalutazione extra, che ha fatto lievitare l’importo sino a 614,77 euro al mese.

Entra nella community, informati e fai le tue domande su Youtube e Instagram.

Pensioni minime 2024 per over 75: quanti soldi in più?

Ma come siamo arrivati a questo importo? Semplicemente partendo dal valore base della pensione minima, escludendo i due mini-bonus perequativi in vigore nel 2023.

Ricordiamo, infatti, che l’anno scorso i pensionati al minimo hanno beneficiato di una rivalutazione extra a seconda dell’età anagrafica. Ai pensionati con un’età inferiore a 75 anni è stata aumentata la pensione minima dell’1,5%, per un importo complessivo di 572 euro al mese.

Invece, ai pensionati con un’età pari o superiore a 75 anni, l’importo della pensione minima è aumentato del 6,4%, per un valore poco sotto i 600 euro al mese.

Dal 1° gennaio 2024, i due mini-bonus sono stati sostituiti da un bonus unico pari al 2,7%. Dal momento che, con la rivalutazione ordinaria, la pensione minima è salita a 598,61 euro al mese, aggiungendo il 2,7% (16,16 euro al mese), l’importo totale è di 614,77 euro al mese.

Quindi, rispetto al 2023, i pensionati al minimo over 75 riceveranno circa 15 euro in più al mese (da 600 a 614,77 euro), mentre chi ha meno di 75 anni di età ha goduto di un aumento maggiore: circa 32 euro in più al mese (da 572 a 614,77 euro).

Pensioni minime 2024 per over 75: limiti di reddito

Anche per quanto riguarda i limiti di reddito per la pensione minima non c’è differenza tra chi ha più o meno di 75 anni di età.

I limiti cambiano ogni anno e determinano l’importo dell’integrazione al minimo spettante. Per il 2024, i limiti di reddito per il trattamento minimo sono i seguenti:

In caso di pensionato coniugato, è necessario distinguere le pensioni con decorrenza prima, dopo e nel 1994. Se la pensione ha avuto decorrenza prima del 1994, anche se il pensionato è coniugato, si tiene conto soltanto del reddito personale.

Se la pensione ha avuto decorrenza dopo il 1994, per avere diritto all’integrazione al minimo occorre rispettare due requisiti reddituali:

Infine, se la pensione ha avuto decorrenza nel 1994, il limite di reddito coniugale è pari a 5 volte il trattamento minimo nell’anno di riferimento (nel 2024, il limite è fissato a 38.909,63 euro).

L’importo di integrazione al minimo spettante è il minore che risulta dal confronto tra il reddito personale e quello coniugale rispetto a quello conseguito.

Pensioni minime 2024 per over 75
Pensioni minime 2024 per over 75: in foto un taccuino, una penna e alcune banconote di euro.

Faq sulla pensione minima

Oltre ai contributivi puri, a chi non spetta la pensione minima?

La pensione minima, oltre a chi ha maturato un’anzianità contributiva esclusivamente a partire dal 1° gennaio 1996, non spetta neppure a chi:

Chi deve presentare il Modello RED per l’integrazione al minimo della pensione?

Il Modello RED va presentato da coloro che percepiscono solo la pensione, ma rispetto all’anno precedente hanno una situazione reddituale diversa, o coloro che sono esonerati dall’obbligo di presentazione del 730, ma percepiscono comunque rendite alternative come rendite da immobili o da capitali, o ancora da coloro che percepiscono redditi dichiarati in altri modi, come i redditi da lavoro autonomo e occasionale, i redditi da lavoro co.co.co e i gettoni di presenza.

Chi è esonerato dalla presentazione del Modello RED per l’integrazione al minimo della pensione?

Sono esonerati dalla presentazione del Modello RED coloro che non hanno avuto variazioni di reddito rispetto all’anno precedente, che percepiscono solo la pensione e hanno avuto variazioni del reddito familiare, o che hanno già dichiarato nel 730 o nel Modello Redditi i redditi percepiti, compresi quelli dei familiari che incidono sulle prestazioni economiche di sostegno al reddito.

Come incide l’importo della pensione minima nel 2024 su Quota 103?

Il valore della pensione minima incide sulle pensioni con Quota 103 (62 anni di età e 41 anni di contributi). Dal 1° gennaio 2024 è stata introdotta una nuova soglia massima di importo: l’assegno maturato con Quota 103 non potrà essere superiore a 2.394,44 euro lordi (4 volte il trattamento minimo).

Come incide l’importo della pensione minima nel 2024 sulla pensione anticipata contributiva?

L’importo della pensione minima incide anche sull’accesso alla pensione anticipata contributiva, che spetta ai contributivi puri (coloro che hanno versato almeno 20 anni di contributi a partire dal 1° gennaio 1996 e hanno compiuto almeno 64 anni di età).

E’ prevista una soglia massima di importo da rispettare: non può essere superiore a 5 volte il trattamento minimo INPS (2.988,05 euro) almeno fino al compimento del 67° anno di età (pensione di vecchiaia).

È possibile percepire la pensione minima senza aver mai lavorato?

No, non è possibile avere la pensione minima senza aver mai lavorato. L’integrazione al trattamento minimo, nota anche come pensione minima, è un’aggiunta all’importo della pensione, quando questa è inferiore alla soglia minima rivalutata ogni anno: nel 2024, il minimo è fissato a 598,61 euro. Ma per averne diritto bisogna essere titolari di una pensione diretta (di vecchiaia, di anzianità anticipata) o di una pensione indiretta (la pensione di reversibilità).

Chi non ha mai lavorato o ha maturato un’anzianità contributiva inferiore ai limiti richiesti può richiedere, se in possesso dei requisiti anagrafici e reddituali, l’Assegno sociale.

Ecco gli articoli preferiti dagli utenti sulle pensioni:

Entra nel gruppo WhatsApp e Telegram

Canale Telegram

Gruppo WhatsApp