Privacy
×
The wam
×
icona-ricerca
Home / Economia e Finanza / Perché la pasta costerà più di 3 euro al chilo

Perché la pasta costerà più di 3 euro al chilo

Perché la pasta costerà più di 3 euro al chilo: come e perché sta continuando a crescere il prezzo.

di The Wam

Gennaio 2023

Perché la pasta costerà più di 3 euro al chilo, un aumento che è generalizzato e non riguarda solo i prodotti di marca. (scopri le ultime notizie su bonus, Rem, Rdc e assegno unico. Leggi su Telegram tutte le news su Invalidità e Legge 104. Ricevi ogni giorno sul cellulare gli ultimi aggiornamenti su bonus, lavoro e finanza personale: entra nel gruppo WhatsApp, nel gruppo Telegram e nel gruppo Facebook. Scrivi su Instagram tutte le tue domande. Guarda le video guide gratuite sui bonus sul canale Youtube. Per continuare a leggere l’articolo da telefonino tocca su «Continua a leggere» dopo l’immagine di seguito).

INDICE

Ricevi tutte le news sempre aggiornate su bonus e lavoro.

Vediamo i motivi dietro questo incremento dei prezzi con un’analisi realizzata dalla rivista Il Salvagente e le conseguenze per i consumatori.

I rincari di questi mesi hanno colpito anche e soprattutto i prodotti alimentari. Ovviamente anche la pasta, soprattutto per l’aumento del costo delle materie prime.

Scopri la pagina dedicata ala gestione del risparmio e agli investimenti.

La rivista Il Salvagente ha condotto un esame sui 20 marchi più diffusi in Italia. Lo studio ha riguardato in particolare i pacchi degli spaghetti da un chilo.

Nell’analisi sono stati eseguiti in laboratorio dei test anche per valutare la qualità dei diversi prodotti, ovvero:

Gli esperti hanno anche messo a confronto i prezzi alla vendita (sugli scaffali dei supermercati), con quelli che sono stati registrati durante uno studio precedente e che risale al 2020.

Come vedremo molti marchi hanno aumentato i prezzi in modo considerevole. Alcuni hanno fatto registrare un incremento del 70 per cento. Aumenti che hanno colpito anche i marchi della grande distribuzione e i discount. In questi casi la variazione di prezzo è stata meno consistente, ma non certo irrilevante.

Su questo argomento puoi anche leggere un post che spiega perché la guerra in Ucraina pesa sugli aumenti di pane e pasta; c’è un articolo che spiega qual è il miglior panettone sul mercato (ora acquistabili a prezzi scontati); e un focus che indica qual è la migliore acqua minerale in bottiglia.

Perché la pasta costerà più di 3 euro al chilo: aumenti e previsioni

Dall’analisi della rivista emerge un dato chiaro: i rincari in questi mesi sono stati costanti, cresciuti insieme all’inflazione. Come è accaduto per tutti gli altri prodotti e non solo quelli della filiera alimentare.

I dati forniti da Ismea (Istituto di servizi per il mercato agricolo alimentare) i prezzi hanno fatto registrare un aumento complessivo del 30 per cento in un anno (bisogna ricordare che invece l’inflazione attestata dall’Istat è stata “solo” del 7,3 per cento).

C’è da dire comunque che le previsioni non sono negative per il 2023, o meglio: non si dovrebbero verificare aumenti simili a quelli del 2022. Ma la spinta dell’inflazione non dovrebbe fermarsi, solo rallentare.

Entra nella community di TheWam e ricevi tutte le news su WhatsApp, Telegram e Facebook. Scopri le ultime offerte di lavoro sempre aggiornate nella tua zona.                 

Perché la pasta costerà più di 3 euro al chilo: perché?

A pesare sull’aumento dei prezzi della pasta ci sono diversi fattori:

Perché la pasta costerà più di 3 euro al chilo: gli aumenti

Per comprendere meglio il motivo di questi aumenti è opportuno dare uno sguardo all’ultimo report di Ismea, che è riferito alla campagna 2021/2022.

Vediamo come sono aumentati i costi e i riflessi che hanno avuto per i consumatori:

Perché la pasta costerà più di 3 euro al chilo: i prezzi dei vari marchi

Questa sono le ragioni che hanno causato un aumento così consistente dei costi della pasta. Vediamo come hanno influito sugli incrementi del prezzo dei marchi più noti sul mercato. Lo studio, come detto, è stato effettuato dalla rivista Il Salvagente e non tiene conto delle promozioni speciali e degli sconti che a rotazione possono essere stati imposti dalla grande distribuzione:

Perché la pasta costerà più di 3 euro al chilo: marchi della grande distribuzione

Gli aumenti hanno riguardato anche le private label della grande distribuzione, anche se sono stati più contenuti rispetto ai marchi tradizionali:

Perché la pasta costerà più di 3 euro al chilo: discount

I prezzi della pasta nei discount sono stati meno importanti (rispetto ai marchi tradizionali), ma hanno comunque fatto registrare un raddoppio del prezzo. Vediamo due esempi:

Un incremento notevole anche per i marchi discount, anche se siamo distanti dai 3 e passa euro al chilo dei brand tradizionali.

Nell’immagine tipi di pasta diversi

Perché la pasta costerà più di 3 euro al chilo: previsioni

Per capire quale sarà l’andamento dei prezzi nel 2023 è opportuno verificare com’è andata la produzione di grano duro nei maggiori Paesi esportatori del mondo.

In particolare il Canada. Dall’altra parte dell’oceano arrivano per fortuna buone notizie. La produzione è stata di 6,1 milioni di tonnellate. C’è stato dunque un consistente recupero rispetto al crollo dello scorso anno.

Sono in aumento anche le forniture che arrivano dal Kazakistan e dall’Australia, ma bisogna aggiungere che questi due Paesi hanno comunque una quota marginale rispetto all’intera produzione globale. Per intenderci, rispettivamente l’1 e il 2 per cento.

In Italia la produzione di grano duro nel 2021 era stata di 3,99 milioni di tonnellate. Nel 2022 c’è stato un lieve incremento (6 per cento), che equivale a 3,84 milioni di tonnellate.

Non ci dovrebbe essere molta carenza di materia prima sul mercato e di conseguenza anche il costo dovrebbe subire una discreta flessione. Almeno si spera.

Ecco gli articoli preferiti dagli utenti su mutui, prestiti e risparmio personale:

Entra nel gruppo WhatsApp e Telegram

Canale Telegram

Gruppo WhatsApp