Perché non ho ricevuto l’assegno unico 2022? Ecco come scoprirlo

Perché non ho ricevuto l'assegno unico? Scopri quali sono i motivi più frequenti e come inviare un sollecito all'INPS.

7' di lettura

Perché non ho ricevuto l’assegno unico? Scoprilo in questo articolo, in cui ti daremo informazioni che probabilmente ancora non conosci. (scopri le ultime notizie e poi Leggi su Telegram tutte le news sull’Assegno Unico. Ricevi ogni giorno sul cellulare gli ultimi aggiornamenti su bonus, lavoro e finanza personale: entra nel gruppo WhatsApp, nel gruppo Telegram e nel gruppo Facebook. Scrivi su Instagram tutte le tue domande. Guarda le video guide gratuite sui bonus sul canale Youtube. Per continuare a leggere l’articolo da telefonino tocca su «Continua a leggere» dopo l’immagine di seguito).

Leggi l’articolo fino in fondo e scopri cos’è che può bloccare la tua domanda e allungare i tempi di erogazione. Intanto condividiamo degli approfondimenti utili sull’assegno universale: ecco le date di pagamento dell’assegno unico di giugno, chi rischia di dover restituire il sussidio, quali sono tutti i casi in cui si perde l’assegno universale e quando avverrà la ricarica dell’assegno sul reddito di cittadinanza.

Indice

Perché non ho ricevuto l’assegno unico? Cosa sta succedendo

Sono ancora in tanti a chiederci: perché non ho ricevuto l’assegno unico? Per questo cercheremo di fare un po’ di chiarezza in questo articolo, mostrandoti tutti i motivi per cui la tua domanda è ancora bloccata e l’INPS non eroga il pagamento, spiegandoti anche come fare un sollecito.

Ma andiamo per gradi e cerchiamo di capire innanzitutto cosa sta succedendo.

L’INPS ha cominciato ad erogare il pagamento dell’assegno unico a marzo, per coloro che ne avevano fatto domanda tra gennaio e febbraio.

Lo stesso Istituto aveva risposto alle domande delle migliaia di persone che non avevano ancora ricevuto il pagamento nelle Faq del suo sito online e nella sua pagina ufficiale su Facebook, così come riportiamo:

Per le domande presentate a gennaio e febbraio, i pagamenti cominceranno a essere erogati dalla seconda metà di marzo” mentre “per le domande presentate dal 1° marzo in poi, il pagamento verrà effettuato alla fine del mese successivo a quello della presentazione della domanda”.

Per molti è stato davvero così, ma non per tutti. Tra l’altro, anche per i pagamenti successivi, si sono verificati una serie di ritardi che hanno destato preoccupazioni e, soprattutto, molto nervosismo nei beneficiari.

Nel prossimo paragrafo ti spiegheremo come controllare lo stato della tua domanda di assegno unico sul sito INPS online.

Aggiungiti al gruppo Telegram di news sull’Assegno Unico e i bonus per famiglia ed entra nella community di TheWam e ricevi tutte le news su WhatsApp, Telegram e Facebook. Scopri le ultime offerte di lavoro sempre aggiornate nella tua zona.

Perché non ho ricevuto l’assegno unico: lo stato della domanda

Per rispondere alla domanda: perché non ho ricevuto l’assegno unico, è necessario innanzitutto che tu sia informato sullo stato della tua istanza.

Questo controllo puoi farlo direttamente tu, accedendo alla pagina dedicata all’assegno unico del sito INPS tramite Sistema Pubblico di Identità Digitale (SPID), Carta di Identità elettronica (CIE) o Carta nazionale dei servizi (CNS).

In assenza di queste credenziali, puoi recarti presso il patronato a cui ti sei eventualmente affidato per la presentazione della domanda, il quale ha le sue credenziali per controllare lo stato della tua domanda.

Scopri che cos’è la carta di identità elettronica, a cosa serve e come ottenerla. Ti potrebbe anche interessare come usare la carta di identità elettronica al posto dello SPID

Perché non ho ricevuto l’assegno unico: consultazione dello stato di domanda online

Se sei munito di SPID, CIE o CNS, puoi entrare nel tuo fascicolo INPS online e controllare lo stato della tua domanda. In molti casi sarà lo stesso fascicolo che ti suggerirà la risposta alla domanda: perché non ho ricevuto l’assegno unico?

Quando entrerai nel fascicolo, dovrai cliccare su Consulta e Gestisci domande già presentate. Qui, ti sarà indicato in che stato di lavorazione è la tua domanda per l’assegno unico.

Vediamo nel dettaglio il significato che l’INPS ha attributo alle singole voci per verificare lo stato di lavorazione della pratica per l’assegno universale:

1. Accolta. Se l’istanza risulta accolta, vuol dire che l’INPS ha dato esito positivo e a questo punto non ti resta che controllare la data di pagamento.

2. In istruttoria. In questo caso, la tua domanda sta ancora subendo delle verifiche da parte dell’INPS, le cui motivazioni possono essere tra quelle che ti spiegheremo nel prossimo paragrafo.

3. Respinta. Nel caso in cui la tua domanda dovesse risultare respinta, troverai tutte le motivazioni nel dettaglio della stessa istanza.

In alcuni casi, la tua domanda potrebbe risultare “in lavorazione” e qualsiasi tentativo di controllo da parte tua, bloccato. In questo caso, vuol dire che l’INPS sta facendo degli ulteriori approfondimenti, di cui vedrai l’esito nelle ore o nei giorni successivi.

Perché non ho ricevuto l’assegno unico: domanda in istruttoria o in lavorazione

Perché non ho ricevuto l’assegno unico? Dalle numerose note e circolari dell’INPS, siamo in grado oggi di spiegare quali sono i motivi per cui la domanda per l’assegno unico è ancora in istruttoria o in lavorazione.

Le cause potrebbero essere:

  • Una variazione nella composizione del tuo nucleo familiare, ad esempio per la nascita di un altro figlio. Molti pensano che, in questo caso, basti segnalare all’INPS la nascita del nuovo componente tramite l’apposita opzione presente nell’area dedicata sul sito dello stesso Istituto. Non è così, perché in realtà bisogna aggiornare anche la DSU (Dichiarazione Sostitutiva Unica) ai fini ISEE, comunicando la variazione del nucleo familiare, altrimenti l’INPS potrebbe sospendere i pagamenti dell’assegno unico o non accettare la domanda a monte (scopri come avere più soldi nell’assegno unico con l’ISEE corrente)
  • Un impedimento dovuto all’erogazione dell’assegno unico in concomitanza con quella del Reddito di cittadinanza. Anche in questo caso, l’INPS ha comunicato che non per tutti è automatico l’assegno unico in presenza anche della prestazione relativa al Reddito di cittadinanza. In alcuni, casi, come ad esempio quello in cui vi siano nel nucleo familiare figli maggiorenni con meno di 21 anni, l’INPS chiede di integrare le informazioni per il calcolo del beneficio, come la frequenza universitaria. Un altro caso di richiesta informazioni è quando il figlio maggiorenne non convive in famiglia. Questi dati, devono essere comunicati tramite apposito modello Rcd/Au, per cui se ancora non lo hai fatto, potrebbe essere questo il motivo del mancato pagamento dell’assegno unico (scopri le novità su assegno unico e arretrati del Reddito di Cittadinanza).

Scopri la pagina dedicata all’Assegno unico per conoscere altri diritti e agevolazioni. Nel video di seguito abbiamo spiegato a chi spetteranno più soldi, dopo l’intervento del governo per incrementare l’importo dell’assegno per chi ha figli con disabilità fiscalmente a carico. Il sito Invaliditaediritti.it ha spiegato quali maggiorazioni sono previste sull’assegno universale per chi ha in famiglia figli con disabilità.

Perché non ho ricevuto l’assegno unico: come sbloccare il pagamento

Una volta che conosci lo stato della tua domanda, se questa risulta ancora in istruttoria o in lavorazione potete sollecitare l’INPS, innanzitutto tramite il servizio Inps risponde online. Puoi entrare con le tue credenziali ma anche senza di esse, chiedendo il pagamento della domanda assegno unico ancora in istruttoria.

Se entro 15 giorni dal sollecito la situazione non si sblocca, puoi inviare una Pec alla sede territoriale INPS di competenza per chiedere di sbloccare il pagamento.

Per informazioni sullo stato della pratica e per avanzare un sollecito, inoltre, puoi contattare il numero verde INPS.

Per velocizzare le operazioni, consigliamo di munirti di identità digitale, qualora non la possedessi, o di rivolgerti a un CAF per farti aiutare.

Ecco gli articoli preferiti dagli utenti sull’Assegno unico:

Entra nei gruppi offerte di lavoro, bonus, concorsi e news

Ricevi ogni giorno gratis i migliori articoli su offerte di lavoro, bandi, bonus, agevolazioni e attualità. Scegli il gruppo che ti interessa:

  1. Telegram - Gruppo esclusivo

  2. WhatsApp - Gruppo base

Seguici anche su YouTube | Google | Gruppo Facebook | Instagram



Come funzionano i gruppi?
  1. Due volte al giorno (dopo pranzo e dopo cena) ricevi i link con le news più importanti

  2. Niente spam o pubblicità

  3. Puoi uscire in qualsiasi momento: la procedura verrà inviata ogni giorno sul gruppo

  4. Non è possibile inviare messaggi sul gruppo o agli amministratori

  5. Il tuo numero di cellulare sarà utilizzato solo per inviarti notizie