Privacy
×
The wam
×
icona-ricerca
Home / Assegno Unico » Bonus e Incentivi » Contributi per famiglie / Assegno Unico 2023: quando si perde

Assegno Unico 2023: quando si perde

Quando si perde l'Assegno Unico 2023. In questo articolo potrai scoprire quali sono i casi in cui si perde la percezione dell'Assegno Unico Universale 2023, ma anche come ottenerlo e chi ne ha diritto.

di Imma Duni

Giugno 2023

Quando si perde l’Assegno Unico 2023? In questo articolo vedremo quali sono i casi in cui si perde la percezione dell’Assegno Unico Universale 2023, ma anche come ottenerlo e chi ne ha diritto (scopri le ultime notizie e poi Leggi su Telegram tutte le news sull’Assegno Unico. Ricevi ogni giorno sul cellulare gli ultimi aggiornamenti su bonus, lavoro e finanza personale: entra nel gruppo WhatsApp, nel gruppo Telegram e nel gruppo Facebook. Scrivi su Instagram tutte le tue domande. Guarda le video guide gratuite sui bonus sul canale Youtube. Per continuare a leggere l’articolo da telefonino tocca su «Continua a leggere» dopo l’immagine di seguito).

Indice

Quando si perde l’Assegno Unico 2023: ecco i casi

Sono considerati a carico, anche se non conviventi con il contribuente, i seguenti soggetti:

Possono essere considerati a carico anche i seguenti altri familiari, a condizione che convivano o che ricevano dal contribuente gli alimenti:

Acquista la nostra Guida Completa sull’Assegno Unico 2024. Leggi gratis l’indice e il primo capitolo.

Le detrazioni per carichi di famiglia variano in base al reddito. Potranno spettare per intero, solo in parte o non spettare affatto.

Per avere diritto all’Assegno Unico Universale occorre che al momento della presentazione della domanda e per la durata del sussidio, si rispettino i requisiti di cittadinanza e residenza.

Per quanto riguarda i requisiti economici, invece, essendo un Assegno Universale, tutte le famiglie con figli a carico fino ai 21 anni avranno diritto all’erogazione dell’Assegno, a prescindere dall’ISEE.

Il diritto all’Assegno Unico per i propri figli prescinde dalla residenza o meno del figlio nella casa familiare. A meno che i genitori non siano sposati, in questo caso può richiedere l’Assegno Unico solo il genitore con il quale vivono i figli.

Il vero limite è l’età. 

ATTENZIONE: al compimento dei 21 anni, e senza necessità di effettuare alcuna segnalazione, l’Assegno Unico decade.

Il sussidio viene pagato per tutto il mese in cui si compiono gli anni, ma decade dal mese successivo. Se il figlio maggiorenne dovesse aver iniziato a lavorare, non si decade dall’Assegno Unico, a meno che non si superino gli 8.000 euro all’anno di reddito.

Ricapitolando, quando si perde l’Assegno Unico 2023?

Restano invece le spese detraibili in Dichiarazione dei Redditi per i figli a carico.

Aggiungiti al gruppo Telegram di news sull’Assegno Unico e i bonus per famiglia ed entra nella community di TheWam e ricevi tutte le news su WhatsApp, Telegram e Facebook. Scopri le ultime offerte di lavoro sempre aggiornate nella tua zona.

Quando si perde l’Assegno Unico 2023: chi ne ha diritto

Per godere dell’Assegno Unico, non è necessario ripresentare la domanda, per chi l’ha fatta l’anno scorso.

Per usufruire dell’Assegno Unico è necessario:

La domanda, per chi deve presentarla la prima volta, va presentata online, sul sito dell’INPS, attraverso l’area personale MyInps e il proprio SPID. Oppure rivolgendosi al contact center: 06 164164 mobile oppure 803 164 rete fissa o al proprio patronato o CAF di fiducia.

La domanda per l’assegno viene accolta quando tutti i requisiti previsti risultano rispettati e quando la documentazione presentata è in regola. La domanda viene inviata tramite il sito INPS e la propria pagina privata MyInps. Occorre avere lo SPID.

Il rinnovo del documento ISEE, invece, è obbligatorio per stabilire la somma esatta dell’Assegno Unico spettante.

Il rinnovo automatico dell’Assegno Unico è possibile grazie al prelevamento automatico dei dati dagli archivi dell’INPS che procederà a liquidare il beneficio in continuità.

I richiedenti dovranno tuttavia comunicare eventuali variazioni importanti come:

Queste informazioni comunicate all’INPS andranno ad integrare la domanda già trasmessa.

Come abbiamo anticipato, sarà necessario presentare la nuova DSU per il 2023, per rinnovare l’ISEE. Se questo passaggio viene saltato o inesatto, si percepirà la misura minima dell’Assegno.

Scopri la pagina dedicata all’Assegno unico per conoscere altri diritti e agevolazioni.

Quando si perde l'assegno unico 2023
Quando si perde l’assegno unico 2023. In foto una famiglia con un salvadanaio.

Quando si perde l’Assegno Unico 2023: ecco le detrazioni fiscali

Come afferma il sito dell’Agenzia delle Entrate, una persona si considera fiscalmente a carico di un suo familiare quando ha un reddito annuo pari o inferiore a 2.840,51 euro, al lordo degli oneri deducibili.

Solo se i figli non superano i 24 anni di età, questo limite è aumentato a 4 mila euro annui.

Ecco una tabella riepilogativa:

Età del figlioHandicapDetrazione base (€)
Inferiore a 3 anniNo1.220
Pari o superiore a 3 anniNo950
Inferiore a 3 anni1.620
Pari o superiore a 3 anni1.350
Con più di tre figli a caricoLa detrazione aumenta di 200 € per ciascun figlio a partire dal primo
Quando si perde l’Assegno Unico 2023. Tabella detrazioni figli a carico

Avere figli a carico significa essere legalmente responsabili per i figli, in quanto genitore o tutore legale, e sostenere le loro necessità finanziarie.

Da questo dipendono le detrazioni fiscali, come indicate nella tabella sopra.

Abbiamo visto quando si perde l’Assegno Unico 2023. Ecco gli articoli preferiti dagli utenti sull’Assegno unico:

Entra nel gruppo WhatsApp e Telegram

Canale Telegram

Gruppo WhatsApp