La perdita della memoria non è inevitabile. Cosa si può fare

La perdita della memoria non è inevitabile, ecco si può fare: consigli utili per impedire il declino del cervello e tenerlo in buona “forma” il più a lungo possibile. Esercitarsi, dormire bene, attivare i nostri sensi: tutto aiuta il cervello a mantenere efficiente il livello della momoria e ci consente di migliorare anche la qualità della nostra esistenza.

3' di lettura

Tutti, prima o poi, subiamo a un certo punto della nostra esistenza una perdita della memoria. Dimentichiamo dove abbiamo conservato qualcosa, non riusciamo a ricordare all’istante il nome di una persona. Chi di noi non ha vissuto questi momenti? Questo accade a qualsiasi a età, ma con l’avanzare degli anni, i vuoti di memoria, possono diventare più consistenti o più frequenti.

A volte lo scadimento della memoria è legato a patologie come l’Alzheimer o la demenza, in altri è solo il tempo che passa. E anche nel secondo caso rischia di essere debilitante.

Si può fare qualcosa? Sì, non accettare passivamente che questo accada, ci sono esercizi che non solo possono aiutarci a tenere il nostro abituale livello di memoria, possono anche migliorarla.

Con vantaggi evidenti non solo per la salute del cervello, ma anche per molti aspetti della nostra vita e per quella di chi ci vive accanto.

Sfidare la mente esercitandola

Gli esperti di memoria ritengono che chi ha una istruzione avanzata ha maggiori possibilità di mantenere un buon livello di memoria. Il segreto è nello sfidare il cervello con l’esercizio mentale, imparando cose nuove. E non serve ritornare sui banchi di scuola. Ogni nuova abilità o modo di fare consente al cervello di crescere.

Gli scienziati sostengono che sfidare la nostra mente con l’esercizio possa aiutare a conservare la salute delle nostre cellule cerebrali. Le stimola a comunicare meglio tra loro, a “lubrificare” tutti i processi essenziali che consentono alla memoria di funzionare perfettamente.

Usare i sensi

Vista, suono, olfatto, gusto e tatto sono davvero unici nel modo di trasmettere informazioni. I sensi inviato segnali al cervello grazie ai percorsi neurali. Il cervello a sua volta interpreta quei segnali per consentirci di dare un senso al mondo che ci circonda.

Gli studiosi sono convinti da decenni che più siamo bravi e capaci a combinare le informazioni sensoriali e meglio ricorderemo ciò che stiamo imparando. Studi più recenti hanno dimostrato che più sensi vengono utilizzati durante l’esecuzione di un compito e più probabile che l’azione venga conservata dalla memoria.

La memoria e il segreto di un buon sonno

Il cervello è una “macchina” elaboratissima e come tutte le “macchine” per funzionare al meglio deve essere spento per sette, nove ore al giorno. In pratica, dormire bene. Lo spegnimento notturno consente al cervello di guarire e ripristinarsi, eliminando anche quelle tossine che possono causare il morbo di Alzheimer e altri tipi di demenza.

Il nostro cervello è capace di fare pulizia con il consolidamento della memoria durante il sonno più profondo. Anche per questo, una pessima qualità del sonno, è spesso associata a un calo più veloce della memoria con l’invecchiamento.

E quindi, per conservare l’efficienza della memoria e per la salute del cervello, è consigliabile dare la priorità alla qualità del sonno. Un buon sonno deve essere visto come una dieta sana o un esercizio fisico quotidiano.

Il cervello, proprio come il cuore o i polmoni, ha bisogno di controlli e “manutenzione”. E c’è molto da fare per renderlo più sano, più, forte. Non solo per allontanarne il declino o i problemi di demenza, manche per renderlo più efficiente nelle nostre attività quotidiane. Il cervello può essere perfettamente funzionante per tutta la vita. Ma ha bisogno di essere trattato in modo adeguato.

Gruppo WhatsApp offerte di lavoro, bonus, concorsi e news

Ricevi ogni giorno gratis i migliori articoli su offerte di lavoro, bandi, bonus, agevolazioni e attualità. Scegli il gruppo che ti interessa:

  1. Telegram - Gruppo esclusivo

  2. WhatsApp - Gruppo base

Seguici anche su YouTube | Google | Gruppo Facebook | Instagram



Come funzionano i gruppi?
  1. Due volte al giorno (dopo pranzo e dopo cena) ricevi i link con le news più importanti

  2. Niente spam o pubblicità

  3. Puoi uscire in qualsiasi momento: la procedura verrà inviata ogni giorno sul gruppo

  4. Non è possibile inviare messaggi sul gruppo o agli amministratori

  5. Il tuo numero di cellulare sarà utilizzato solo per inviarti notizie