Piccoli prestiti senza busta paga: come ridurre i rischi

Scopri cosa sono i piccoli prestiti senza busta paga, come richiederli e come evitare i rischi maggiori.

4' di lettura

Oggi parliamo di piccoli prestiti senza busta paga, in particolare di come evitare o ridurre i rischi (Scopri le ultime notizie su mutui e prestiti. Leggi su Telegram tutte le news sulla finanza personale. Ricevi ogni giorno sul cellulare gli ultimi aggiornamenti su bonus, lavoro e finanza personale: entra nel gruppo WhatsApp, nel gruppo Telegram e nel gruppo Facebook. Scrivi su Instagram tutte le tue domande. Guarda le video guide gratuite sui bonus sul canale Youtube. Per continuare a leggere l’articolo da telefonino tocca su «Continua a leggere» dopo l’immagine di seguito).

Piccoli prestiti senza busta paga: cosa sono?

Un prestito senza busta paga è un tipo di finanziamento che viene concesso a chi non ha un lavoro o non percepisce entrate fisse.

Spesso viene richiesto da casalinghe, disoccupati o studenti. A proposito di quest’ultimi, abbiamo parlato del prestito d’onore per avere soldi per studiare o avviare una start up.

Come altri finanziamenti, i piccoli prestiti senza busta paga riguardano somme di denaro modeste, da restituire in un lasso di tempo relativamente breve: di solito non si va oltre ai 5 anni.

I piccoli prestiti senza busta paga si richiedono presso banche o finanziarie e in genere vengono utilizzati per coprire spese impreviste, l’acquisto di un auto o elettrodomestici, pagare spese mediche o vacanze.

Ci sono tre requisiti che facilitano l’ottenimento di piccoli prestiti senza busta paga:

Ora andiamo a capire come limitare al massimo i rischi connessi ai piccoli prestiti senza busta paga.

Aggiungiti al gruppo Telegram sulla finanza personale, la gestione del credito e dei debiti. Entra nella community di TheWam e ricevi tutte le news su WhatsApp, Telegram e Facebook. Scopri le ultime offerte di lavoro sempre aggiornate nella tua zona.

Piccoli prestiti senza busta paga: i rischi e come ridurli

Ci sono 5 punti da tenere in considerazione prima di avviare un piccolo prestito senza garante.

  • Attenzione ai tassi di interesse. Quando si analizza un preventivo, bisogna mostrare massima attenzione alla percentuale di Tan e Taeg, in questi dati si nascondono i costi che si dovranno sostenere oltre alla vera e propria “quota capitale”, la parte di denaro che è stata prestata.
  • Occhio alle spese accessorie. Fatti spiegare nel dettaglio tutti i costi che dovranno essere affrontati per avviare la pratica o la gestione periodica delle comunicazione. A esempio le spese di istruttoria, di incasso e gestione della rata, l’imposta di bollo, le spese di chiusura della pratica, quelle di comunicazione e l’eventuale costo dell’assicurazione.
  • L’assicurazione. Proprio a proposito dell’assicurazione sappi che non sempre è obbligatoria, ma le banche potrebbero obbligare a sottoscriverla quando a chiedere il prestito è una persona senza busta paga, per avere la certezza di riavere il denaro dato in prestito. Bisogna, quindi, prestare massima attenzione anche ai costi assicurativi.
  • Calcola i tempi di restituzione. Se pensi che potresti andare in difficoltà con rate troppo alte, dilata la durata del prestito, così ogni mese dovrai pagare delle rate più basse.
  • Attenzione al numero di prestiti. Non bisogna commettere l’errore di aprire troppi finanziamenti perché rischiano di far lievitare in maniera rischiosa la quota mensile da pagare. Tante piccole rate diventano un’unica grande spesa da sostenere.

Prima di chiudere, ricorda che anche per i piccoli prestiti senza busta paga i rischi ci sono, quindi prima di aprire un finanziamento, valuta bene se sarai in grado di restituire i soldi che ti verranno concessi. In caso contrario devi sapere che si avranno molti problemi, fino ad arrivare al pignoramento dei beni.

Piccoli prestiti senza busta paga: come ridurre i rischi
Piccoli prestiti senza busta paga: come ridurre i rischi.

Ecco gli articoli preferiti dagli utenti su mutui, prestiti e risparmio personale:

Entra nei gruppi offerte di lavoro, bonus, concorsi e news

Ricevi ogni giorno gratis i migliori articoli su offerte di lavoro, bandi, bonus, agevolazioni e attualità. Scegli il gruppo che ti interessa:

  1. Telegram - Gruppo esclusivo

  2. WhatsApp - Gruppo base

Seguici anche su YouTube | Google | Gruppo Facebook | Instagram



Come funzionano i gruppi?
  1. Due volte al giorno (dopo pranzo e dopo cena) ricevi i link con le news più importanti

  2. Niente spam o pubblicità

  3. Puoi uscire in qualsiasi momento: la procedura verrà inviata ogni giorno sul gruppo

  4. Non è possibile inviare messaggi sul gruppo o agli amministratori

  5. Il tuo numero di cellulare sarà utilizzato solo per inviarti notizie