Privacy
×
The wam
×
icona-ricerca
Home / Pignoramento / Pignoramento auto in leasing, è possibile?

Pignoramento auto in leasing, è possibile?

Pignoramento auto in leasing, è possibile? Vediamo in questo post se un debitore che ha una macchina in leasing rischia di perderla per una esecuzione forzata nei suoi confronti. Cosa dice la legge.

di The Wam

Aprile 2024

Pignoramento auto in leasing, è possibile? È una domanda che viene ripetuta con una certa frequenza. Tutto ruota su una questione: l’utilizzatore dell’auto in leasing è anche il proprietario? Vediamo cosa dice la legge. (scopri le ultime notizie su bonus, Rdc e assegno unico, su Invalidità e Legge 104, sui mutui, sul fisco, sulle offerte di lavoro e i concorsi attivi. Leggile gratis su WhatsApp, Telegram e Facebook).

Cos’è il leasing?

Il leasing è un tipo di contratto che permette a chi lo sottoscrive, l’utilizzatore, di avere a disposizione un bene per il proprio lavoro, pagando un canone periodico. Questo accordo offre la possibilità, al termine del contratto, di diventare proprietario del bene pagando un’ultima rata, la quota di riscatto, che di solito è inferiore al suo valore di mercato. In caso contrario, il bene può essere restituito o il contratto può essere rinnovato.

Il leasing finanziario

Per quanto riguarda il leasing finanziario, si tratta di un contratto in cui l’utilizzatore indica il bene che desidera utilizzare. Il concedente (la parte che concede il bene) acquista il bene e lo affida all’utilizzatore, che in cambio versa un canone periodico.

Durata e proprietà

La durata di un contratto di leasing per auto si aggira in genere tra 1 e 5 anni, con possibilità di estensione. La durata minima varia a seconda che il contratto sia stipulato da un’azienda o da un privato: per le aziende è di due anni, per i privati di un anno. Fino al termine del leasing, l’auto non diventa proprietà dell’utilizzatore, che però può usarla come se lo fosse. La proprietà formale dell’auto rimane della banca o della società finanziaria che ha emesso il leasing.

Entra nella community, informati e fai le tue domande su Youtube e Instagram.

Pignoramento auto in leasing, è possibile? No

In un contratto di leasing, la figura dell’utilizzatore non coincide quindi con quella del proprietario del bene fino al completamento del contratto, con il pagamento della cosiddetta maxirata finale. Di conseguenza, un’auto oggetto di leasing può essere soggetta a pignoramento? La risposta è no.

Perché non è pignorabile

Il motivo è semplice: l’utilizzatore, o cliente, pur usufruendo dell’auto, non ne diventa proprietario fino al versamento della maxirata finale. Fino a quel momento, può soltanto godere del bene, pagando regolarmente il canone periodico concordato. La proprietà del veicolo viene trasferita all’utilizzatore solo al termine del contratto, se quest’ultimo decide di riscattare l’auto pagando la maxirata. Il pignoramento, di norma, si applica ai beni di proprietà del debitore; nel caso del leasing, l’utilizzatore non acquista la proprietà del bene fino all’eventuale riscatto. Pertanto, il leasing si distingue nettamente da un contratto di compravendita.

Come evitare il pignoramento dell’auto

Il significato di leasing

Il termine leasing proviene dall’inglese e si traduce come “noleggio” o “affitto”. Questa forma contrattuale si configura come una fusione tra due concetti giuridici tradizionali: la vendita con patto di riservato dominio e il contratto di locazione.

Origini e confronti legislativi

La combinazione di questi elementi conferisce al leasing le sue caratteristiche peculiari, distinguendolo dal semplice noleggio o dalla compravendita tradizionale.

Differenze tra leasing e noleggio a lungo termine

Il leasing e il noleggio a lungo termine sono due soluzioni finanziarie che permettono di usufruire di un’auto senza acquistarla direttamente. Nonostante condividano alcuni punti in comune, presentano differenze sostanziali.

Proprietà e riscatto

Anticipo e canone

Costi e servizi inclusi

Benefici fiscali

Pignoramento auto in leasing, è possibile?
nell’immagine un ufficiale giudiziario si appresta a effettuare il pignoramento di un’automobile.

FAQ (domande e risposte)

Cos’è il leasing e come funziona?

Il leasing è un accordo che consente a un individuo o a un’azienda, noti come utilizzatori, di usufruire di un bene — in questo caso, un’automobile — pagando un canone periodico. Questo contratto offre la possibilità, alla sua conclusione, di acquisire la proprietà del bene versando una quota di riscatto, generalmente inferiore al suo valore di mercato. In alternativa, il bene può essere restituito o il contratto può essere rinnovato. Durante il periodo del contratto, l’utilizzatore non è formalmente il proprietario dell’auto, che rimane di proprietà della banca o della società finanziaria che offre il leasing. La durata di un contratto di leasing varia, solitamente, da 1 a 5 anni, con differenze a seconda che l’utilizzatore sia un privato o un’azienda.

Il pignoramento è possibile su auto in leasing?

No, il pignoramento di un’auto in leasing non è possibile. La ragione principale risiede nel fatto che, durante la durata del contratto, l’utilizzatore dell’auto non ne diventa il proprietario. Il diritto di proprietà passa all’utilizzatore solo se, al termine del contratto, decide di esercitare l’opzione di riscatto pagando la cosiddetta maxirata finale. Fino a quel momento, l’utilizzatore ha solo il diritto di uso del veicolo, garantito dal pagamento del canone periodico. Il pignoramento può essere applicato solamente ai beni di proprietà del debitore, condizione che non si verifica nel leasing fino all’esercizio del riscatto.

Quali sono le differenze tra leasing e noleggio a lungo termine?

Leasing e noleggio a lungo termine offrono entrambi la possibilità di utilizzare un’auto senza acquistarla direttamente, ma presentano alcune differenze chiave:

Chi detiene la proprietà dell’auto in un contratto di leasing?

Durante il periodo di leasing, la proprietà dell’auto è detenuta dalla banca o dalla società finanziaria che ha emesso il leasing. L’utilizzatore ha il diritto di utilizzo del veicolo ma non ne diventa proprietario fino all’eventuale esercizio dell’opzione di riscatto al termine del contratto.

Quali sono i benefici fiscali del leasing rispetto al noleggio?

I benefici fiscali del leasing includono la possibilità di dedurre i canoni di leasing dai redditi. Questo vantaggio può essere particolarmente attraente per le aziende o i liberi professionisti che possono utilizzare tale deduzione a fini fiscali. Nel noleggio a lungo termine, non si ha la deduzione del canone mensile, ma si possono detrarre l’IVA e ottenere altri vantaggi fiscali, come la riduzione del costo medio ponderato del capitale.

Come si acquisisce la proprietà di un’auto in leasing?

La proprietà di un’auto in leasing si acquisisce esercitando l’opzione di riscatto al termine del contratto, pagando l’ultima rata definita maxirata finale. Questa opzione consente all’utilizzatore di diventare il proprietario del veicolo, completando il passaggio di proprietà dalla società di leasing all’utilizzatore stesso.

Ecco gli articoli preferiti dagli utenti sul fisco e sulle tasse:

Entra nel gruppo WhatsApp e Telegram

Canale Telegram

Gruppo WhatsApp