Pinterest, vittima di mobbing perché donna: maxirisarcimento

Pinterest: dopo la vicenda che si è conclusa il 14 dicembre, il social network è costretto a risarcire con una cifra pari a 22,5 milioni di dollari un’ex dipendente che ha accusato l’azienda di discriminazioni di genere. Ecco cosa è successo.

pinterest discriminazione
Pinterest, accusata di discriminazione di genere, è costretta a risarcire la sua ex dirigente operativa. Ecco cosa è successo.
4' di lettura

La causa legale intentata lo scorso agosto da Françoise Brougher, allora direttrice operativa di Pinterest, presentava al social network un’accusa di mobbing. Brougher si era vista escludere progressivamente da incontri ufficiali e riunioni per poi ricevere un’ufficiale comunicazione di licenziamento ad aprile 2020. La donna aveva già espresso diverse perplessità sul divario salariale all’interno dell’azienda e aveva riportato alcuni commenti sessisti che le erano stati rivolti da un collega.

(A questo link tutte le notizie sul mondo della televisione e del cinema e qui il gruppo facebook con tutte le news)

Pinterest: la vicenda

Françoise Brougher è entrata a far parte del team di Pinterest nel 2018 con l’incarico di direttrice operativa dopo aver ricoperto importanti ruoli nel settore pubblicitario per Google e nella società di tecnologia finanziaria Square. Ma nel 2019 ha scoperto che fino a quel momento era stata pagata meno dei colleghi uomini di pari ruolo e livello.

Dopo gli avvenimenti più eclatanti e un suo tentativo di confronto, culminato con una discussione dai toni accesi, ad aprile di quest’anno arriva la lettera di licenziamento in cui le si chiede di andarsene dichiarando che si tratta di una sua volontà.

Subito dopo aver intentato una causa giudiziaria, Brougher ha raccontato pubblicamente la sua esperienza nell’articolo dal titolo The Pinterest Paradox: Cupcakes and Toxicity. Le sue parole non potrebbero essere più dirette: denuncia di essere stata esclusa dalle riunioni più importanti, che spesso avvenivano in modo informale a sua insaputa. Inoltre, ha raccontato di un ambiente lavorativo meschino in cui il direttore finanziario Todd Morgenfeld la metteva in ridicolo davanti ai colleghi.

Tutto questo accade mentre Pinterest dichiara con orgoglio di donare ogni anno 2,5 milioni a diverse ong che si occupano di difendere e sostenere le minoranze nel settore tecnologico.

“C’è una ragione per cui le donne non negoziano tanto quanto gli uomini per una retribuzione più alta”, ha dichiarato l’ex dirigente operativa. “Non è perché non siamo buone negoziatrici. Come ho imparato da Pinterest, è perché ci castigano quando lo facciamo.”

L’accordo tra Brougher e Pinterest

Solo qualche giorno fa le due parti in causa sono giunte a un accordo, concordando uno dei più cospicui risarcimenti individuali per discriminazione di genere: 22,5 milioni di dollari.

Brougher è una tra le più importanti dirigenti di aziende tecnologiche a portare avanti una causa legale per discriminazione di genere. “Il mio obiettivo – scrive nell’articolo di denuncia – è di far sì che i datori di lavoro si responsabilizzino sul tema del divario di genere, ma ancor più mi stava a cuore guidare un cambiamento”. Si tratta di un precedente che le aziende dovranno tenere ben presente.

Duecento dipendenti del social network, inoltre, hanno deciso di prendere posizione in modo molto netto lasciando l’azienda Pinterest, anche sulla scia delle accuse di discriminazione razziale mosse da Ifeoma Ozoma e Aerica Shimizu Banks.

Come afferma nel suo articolo, con la scelta di rendere pubblica la causa legale contro una grande azienda come Pinterest, Françoise Brougher ha voluto dimostrare che questo “è il momento di denunciare apertamente la discriminazione per porre fine ai club per soli uomini e fare spazio a più donne leader e alle loro idee”.

Ti può interessare anche:

Scandalo PornHub: ora il porno dovrà cambiare

Serie tv Netflix: ecco i 7 nuovi titoli molto British

Alice in Borderland, serie tv vs manga: la recensione

Gruppo WhatsApp offerte di lavoro, bonus, concorsi e news

Ricevi ogni giorno gratis i migliori articoli su offerte di lavoro, bandi, bonus, agevolazioni e attualità. Scegli il gruppo che ti interessa:

  1. Telegram - Gruppo esclusivo

  2. WhatsApp - Gruppo base

Seguici anche su Google | Facebook | Instagram



Come funzionano i gruppi?
  1. Due volte al giorno (dopo pranzo e dopo cena) ricevi i link con le news più importanti

  2. Niente spam o pubblicità

  3. Puoi uscire in qualsiasi momento: la procedura verrà inviata ogni giorno sul gruppo

  4. Non è possibile inviare messaggi sul gruppo o agli amministratori

  5. Il tuo numero di cellulare sarà utilizzato solo per inviarti notizie