Più film sugli eroi anticamorra. La Regione incontra i produttori

3' di lettura

Raccontare anche gli eroi e le storie dell’anticamorra. E non privilegiare – come accade negli ultimi anni – solo la narrazione “nera”, quella che subisce e impone inevitabilmente al pubblico la fascinazione del male, del potere e dei soldi facili.

Se n’è discusso questa mattina nel corso dell’incontro tra i componenti della Commissione speciale anticamorra e beni confiscati della Regione Campania e i membri della Commissione parlamentare Antimafia.

Più film sugli eroi anticamorra. La Regione incontra produttori e attori. Riunione questa mattina a Napoli tra consiglieri regionali e la Commissione antimafia
Francesco Todisco

Non è una proposta anti Saviano

“Una discussione e una proposta che non sono certo nate dalle polemiche sui libri di Saviano e i film e le serie che si sono ispirate ai suoi romanzi – precisa il consigliere regionale Francesco Todisco, componente delle commissione speciale -. Anzi. Siamo grati al lavoro che ha svolto Saviano: ha rappresentato il male per com’è. Il punto è un altro: si sente l’esigenza di riequilibrare la narrazione, mettere in evidenza anche il coraggio di chi affronta il male. Di chi lo contrasta. Di chi dice no. Un po’ come in Gramigna, il film che racconta la solitudine di Luigi Di Cicco, figlio di un boss della camorra”.

Faremo conoscere ai produttori gli eroi positivi

Come si procede per ribaltare il racconto della camorra, ovvero mettere in evidenza gli eroi positivi?

“Contiamo di incontrare presto produttori e attori. Anche per far conoscere le tante realtà positive, e le storie ugualmente appassionanti di chi contrasta il male. Penso a don Tonino Palmese, che era presente all’incontro, a Libera, ai beni confiscati che sono stati restituiti alle comunità anche grazie al lavoro e al sacrificio di tante cooperative sociali”.

E in che modo la Regione può facilitare la produzione di opere anticamorra?

“Di certo abbiamo uno strumento che è il Campania Film Commission. Ma si potrebbe immaginare altro”.

Più film sugli eroi anticamorra. La Regione incontra produttori e attori. Riunione questa mattina a Napoli tra consiglieri regionali e la Commissione antimafia
L’assessore regionale alla Legalità, Franco Roberti

Presente alla riunione anche l’assessore alla legalità della Regione, Franco Roberti (già procuratore nazionale antimafia e antiterrorismo).

Quell’aria grigia tra legalità e camorra

“Sì, Roberti, si è soffermato – continua Todisco – su un aspetto importante della malavita organizzata. E cioè, quella che sta fuori dalla camorra. O meglio: si muove in quell’area grigia, dove convivono legalità e illegalità. Ed è in quella zona, per intenderci, che la criminalità sostituisce lo Stato, o meglio ne offre i servizi. Rispondendo ad esempio all’esigenza di sicurezza. E quindi l’estorsione come garanzia per l’imprenditore che non vuole avere problemi”.

Erano presenti all’incontro – tra gli altri -, i parlamentari Sandra Lonardo, Andrea Caso, Gianluca Cantalamessa. E i consiglieri regionali Enza Amato, Giampiero Zinzi, Carmine Nocerino, Vincenzo Viglione e appunto, Francesco Todisco.

Si è parlato anche della valorizzazione e l’utilizzo dei beni confiscati alla camorra. E in particolare di come semplificare l’iter per facilitare la riconsegna di questi beni alle comunità.

Gruppo WhatsApp offerte di lavoro, bonus, concorsi e news

Ricevi ogni giorno gratis i migliori articoli su offerte di lavoro, bandi, bonus, agevolazioni e attualità. Scegli il gruppo che ti interessa:

  1. Telegram - Gruppo esclusivo

  2. WhatsApp - Gruppo base

Seguici anche su Google | Facebook | Instagram



Come funzionano i gruppi?
  1. Due volte al giorno (dopo pranzo e dopo cena) ricevi i link con le news più importanti

  2. Niente spam o pubblicità

  3. Puoi uscire in qualsiasi momento: la procedura verrà inviata ogni giorno sul gruppo

  4. Non è possibile inviare messaggi sul gruppo o agli amministratori

  5. Il tuo numero di cellulare sarà utilizzato solo per inviarti notizie