Pm del caso Eternit su Isochimica: prescrizione da cambiare

Pm del caso Eternit su Isochimica: prescrizione da cambiare
1' di lettura

La legge sulla prescrizione per i reati ambientali va cambiata. Gian Carlo Caselli, procuratore capo nel maxi-processo Eternit per i morti d’amianto, parla a margine dell’incontro sulla legalità e la costituzione organizzato ad Avellino. E non manca un riferimento alla strage di operai, legati all’ex Isochimica, oggetto di un processo che si sta tenendo nell’aula bunker di Napoli, a carico di ventisette persone accusate a vario titolo di omicidio colposo plurimo, disastro ambientale, omissione in atti d’ufficio, lesioni dolose. Oggi è iniziata la rimozione dei cubi di amianto.

“Prescrizione da cambiare”

“La prescrizione – spiega Caselli – dovrebbe partire dal momento in cui parte l’indagine e non dalla commissione del reato. Spesso provare questi reati è particolarmente complesso e richiede molto tempo”.

La commissione del reato è spesso collocata molto dietro nel tempo. Inoltre la difficoltà nel provare questo tipo di reati fa sì che i processi si dilatino ulteriormente.

La prescrizione viene conteggiato non da quando il pm acquisisce la notizia di reato, ma da quando il fatto è avvenuto. Così, molte Procure, scoprono casi che sono successi magari 4 o 5 anni prima, che si prescrivono in 7 anni e mezzo e con solo 2 anni e mezzo per fare le indagini e celebrare tre gradi di giudizio. E’ chiaro che questo incida pesantemente sui costi della giustizia, innescando quella che uno dei pm di Mani Pulite, Pier Camillo Davigo chiama “amnistia permanente”.

Il processo Isochimica è già di per sé molto delicato. Con il principale imputato, l’imprenditore mercoglianese Elio Graziano, che è già deceduto. E 27 operai già deceduti per malattie legate direttamente e indirettamente all’inalazione di amianto che, come raccontato dai testimoni ascoltati in aula, veniva scoibentato a mani nude nell’ex Isochimica.

Gruppo WhatsApp offerte di lavoro, bonus, concorsi e news

Ricevi ogni giorno gratis i migliori articoli su offerte di lavoro, bandi, bonus, agevolazioni e attualità. Scegli il gruppo che ti interessa:

  1. Telegram - Gruppo esclusivo

  2. WhatsApp - Gruppo base

Seguici anche su Google | Facebook | Instagram



Come funzionano i gruppi?
  1. Due volte al giorno (dopo pranzo e dopo cena) ricevi i link con le news più importanti

  2. Niente spam o pubblicità

  3. Puoi uscire in qualsiasi momento: la procedura verrà inviata ogni giorno sul gruppo

  4. Non è possibile inviare messaggi sul gruppo o agli amministratori

  5. Il tuo numero di cellulare sarà utilizzato solo per inviarti notizie