Privacy
×
The wam
×
icona-ricerca
Home / Invalidità Civile » Previdenza e Invalidità / Possono essere negati i permessi Legge 104?

Possono essere negati i permessi Legge 104?

Possono essere negati i permessi Legge 104? Il datore di lavoro può rifiutarsi di concedere al beneficiario del 104 di assentarsi anche senza preavviso?

di The Wam

Gennaio 2022

Possono essere negati i permessi Legge 104? Ci chiediamo in questo articolo se e quando un datore di lavoro può negare a un suo dipendente di beneficiare dei permessi garantiti dalla Legge 104 per assistere un familiare in uno stato di grave disabilità. Aggiungiti al gruppo Telegram di news su Invalidità e Legge 104 ed Entra nella community di TheWam e ricevi tutte le news su Whatsapp, Telegram, Facebook, Instagram e YouTube.

Possono essere negati i permessi Legge 104: requisiti e sanzioni

A una prima sommaria analisi se il lavoratore ha i requisiti in regola la sua azienda non può negare né le agevolazioni, né i permessi concessi dalla 104. Ma è pur vero che il datore di lavoro può attivarsi per verificare se il suo dipendente commette degli eventuali abusi, come – ad esempio – usufruire del permesso ma non assistere per niente il familiare con disabilità.

In questo caso può procedere nei confronti del dipendente con sanzioni disciplinari che arrivano al licenziamento per giusta causa

Ricevi ogni giorno sul cellulare gli ultimi aggiornamenti su invalidità e legge 104 da questo gruppo Telegram. Informati anche su bonus, lavoro e finanza personale: entra nel gruppo whatsapp, nel gruppo Telegram e nel gruppo Facebook . Scrivi su Instagram tutte le tue domande. Guarda le video guide gratuite sui bonus sul canale YouTube

Acquista la nostra Guida più dettagliata sull’Invalidità Civile con oltre 150 pagine e le risposte a tutte le domande. Leggi gratis l’indice e il primo capitolo.

Possono essere negati i permessi Legge 104: nessun preavviso

Dei permessi può beneficiare solo il referente unico della Legge 104, il familiare della persona con disabilità che ha ottenuto l’autorizzazione ad assisterlo.

Quando si usufruisce di un permesso, il beneficiario non è tenuto a dare un preavviso al datore di lavoro. L’assistenza al parente disabile grave è una giustificazione sufficiente per l’assenza dal posto di lavoro.

Acquista la nostra Guida Completa alle agevolazioni su auto e sussidi della Legge 104. Leggi gratis l’indice e il primo capitolo.

E questo, naturalmente, solo se il beneficiario faccia un uso legittimo dei permessi.

Ovvero:

Possono essere negati i permessi Legge 104: concordare se è possibile

Come detto il preavviso al datore di lavoro non è previsto dalla norma. In ogni caso, e anche per le esigenze organizzative dell’azienda dove lavora, è sempre preferibile concordare – laddove è possibile – i giorni di assenza.

Il datore di lavoro non può comunque, in ogni caso, opporsi. E quindi non può impedire a un dipendente che beneficia della Legge 104 di usufruire dei giorni o delle ore di permesso che spettano di diritto.

Il mancato preavviso viene giustificato dall’urgenza che può essere connessa alla cura di una persona che ha una grave disabilità. Nella stessa legge 104 la priorità è data alle necessità del disabile rispetto all’organizzazione dell’azienda.

Per tutto questo i datori di lavoro non possono negare i permessi della legge 104, devono solo rispettare la norma. Anche se il dipendente si assenta in una situazione difficile per l’azienda, quando cioè il carico di lavoro richiede la presenza di tutti i dipendenti.

Possono essere negati i permessi Legge 104: chi non ne beneficia

Dei permessi non possono comunque usufruire, questi lavoratori:

Possono essere negati i permessi Legge 104: attenti agli abusi

Ma così come il datore di lavoro deve rispettare il diritto del dipendente a usufruire dei permessi della Legge 104 per assistere un familiare con disabilità grave, è anche vero che il beneficiario non può in alcun modo abusarne.

Le conseguenze sono gravi, oltre infatti a rischiare il licenziamento per giusta causa (immediato), si può essere denunciati per truffa aggravata (perché ai danni dello Stato) per aver ricevuto una indebita retribuzione dall’Inps.

Sul punto la giurisprudenza è concorde. E sono già molte le sentenze della Cassazione che hanno punito in modo severo cittadini che hanno utilizzato i permessi concessi per assistere un familiare disabile per fare tutt’altro (in alcuni casi anche vacanze o gite fuori porta).

Possono essere negati i permessi Legge 104: la Cassazione

La Cassazione comunque ha anche stabilito (con una sentenza del 2016) che l’assistenza al familiare disabile non deve essere continuativa, durare cioè per tutta la giornata.

In pratica sono stati eliminati questi due obblighi:

Entra nel gruppo WhatsApp e Telegram

Canale Telegram

Gruppo WhatsApp

1