Potenza, niente rinnovo del prestito a Iuliano: così non lo incroceranno ai playoff

Il clamoroso caso di Alvaro Iuliano, brasiliano in prestito dal Potenza al Catanzaro, bloccato dai lucani in vista della loro sfida ai playoff.



2' di lettura

Negli ultimi giorni, una diatriba che ha tenuto banco nel mondo del calcio è stata quella dei prestiti dei calciatori, in scadenza al 30 giugno, con alcune squadre che lo hanno rinnovato senza problemi fino al 31 agosto, mentre altre hanno deciso di richiamare il calciatore alla base, provocando non poche problematiche.

Una situazione paradossale è accaduta nel girone C della Lega Pro. Protagonisti il Potenza, il Catanzaro e il calciatore brasiliano, Alvaro Iuliano.

I fatti

Il centrocampista Alvaro Iuliano a gennaio scorso, durante la sessione di mercato, era passato in prestito dal Potenza al Catanzaro. Contratto normale fino al 30 giugno, operazione tra due club dello stesso girone di Serie C, che quindi prevedeva, anche in caso di sfida contro, sia in campionato che ai playoff, l’utilizzo del calciatore da parte dei calabresi.

Con l’emergenza covid e l’arrivo della scadenza del contratto, il Catanzaro, pochi giorni fa, aveva trovato l’intesa con il Potenza per il prolungamento del prestito del centrocampista. Il presidente del Potenza, l’istrionico Caiata, però, fiutando già un probabile incontro delle due squadre ai playoff, aveva posto delle condizioni. In caso di scontro diretto, il prestito non sarebbe stato più valido.

E così è stato. Aspettando l’esito di Ternana-Avellino, che avrebbe ufficializzato l’avversaria delle due squadre (avesse vinto l’Avellino il Potenza avrebbe affrontato proprio i lupi e poi il Catanzaro il Catania), con il passaggio del turno degli umbri, l’incrocio è Ternana-Catania e Potenza-Catanzaro. E detto fatto: il Catanzaro perde per strada e definitivamente un tassello prezioso come il centrocampista Alvaro Iuliano. Il brasiliano da quest’oggi è ufficialmente fuori dai ranghi giallorossi per una diatriba sul prolungamento dell’accordo scoppiata con il presidente dei lucani Caiata. Una situazione davvero assurda.

Procuratore Iuliano: non siamo stati tutelati

“E’ imbarazzante che la stagione di un atleta e di riflesso di un club possano essere vincolate da decisioni di terzi – ha affermato l’agente del giocatore, Claudio Laganà ai microfoni di DB Radio – .

La tutela dovrebbe venire da FIGC ed Assocalciatori e sarebbe stato auspicabile, per questo periodo, un prolungamento automatico dei tesseramenti in modo da evitare simili situazioni. Di fatto da oggi Iuliano non è più a disposizione di Auteri: non potrà allenarsi né dare una mano ai compagni nella scalata playoff.

Il prestito non è stato rinnovato. L’accordo era a tre tra Catanzaro, Potenza e calciatore. Il Potenza ha rifiutato ed è saltato tutto per volontà della società del presidente Caiata e di conseguenza Iuliano non potrà disputare i playoff né con il Catanzaro né con il Potenza. Purtroppo c’è poco da fare, Caiata aveva questo diritto e ha deciso di esercitarlo. A questo punto, però, bastava non rinnovare il prestito qualche giorno fa, invece di attendere Avellino e Ternana e poi, di fatto, concludere arbitrariamente la stagione del calciatore.

Gruppo WhatsApp offerte di lavoro, bonus, concorsi e news

Entra nel nostro gruppo WhatsApp e ricevi ogni giorno gratis i migliori articoli su offerte di lavoro, bandi, bonus e agevolazioni. Per entrare clicca qui.

Come funziona il gruppo?
  1. Due volte al giorno (dopo pranzo e dopo cena) ricevi i link con le news più importanti

  2. Niente spam o pubblicità

  3. Puoi uscire in qualsiasi momento: la procedura verrà inviata ogni giorno sul gruppo

  4. Non è possibile inviare messaggi sul gruppo o agli amministratori

  5. Il tuo numero di cellulare sarà utilizzato solo per inviarti notizie

Ricevi le news più importanti della giornata.

Guide e altri contenuti esclusivi su Google , Facebook e Instagram.