Prestiti per i libri scolastici, attenti agli interessi

4' di lettura

Prestiti per i libri scolastici, e sì, perché la spesa diventa sempre più onerosa e sono molti le famiglie che si trovano in difficoltà per acquistare non solo i testi, ma anche tutto il materiale didattico necessario per i figli che frequentano le scuole, anche quelle dell’obbligo.

Entra nella community di TheWam e ricevi tutte le news su Whatsapp, Telegram, Facebook, Instagram e YouTube.

Il caro libri è una questione che non si riesce (o non si vuole) affrontare nel nostro Paese. Il costo per le famiglie varia tra i 294 di una prima media ai 335 euro del liceo classico (senza contare i vocabolari). Se si hanno due o più figli e un solo stipendio andare in difficoltà non è probabile, è certo.

E allora ecco che spunta la possibilità di chiedere in banca un prestito i libri scolastici.

Prestiti per i libri scolastici: a cosa fare attenzione

Può essere una via d’uscita. Ma bisogna fare attenzione. In particolare al Taeg, il tasso annuo effettivo globale. Altrimenti i libri potreste sì comprarli a rate, ma con costi notevolmente superiori.

In questo articolo vediamo come scegliere, e se scegliere, la possibilità più conveniente.

Prima di andare avanti vi anticipiamo che solo due istituti di credito prevedono un prestito ad hoc per l’acquisto scolastico, sono Bper e la Bnl Bnp Paribas. Ma di questo parleremo dopo.

Ricevi ogni giorno sul cellulare gli ultimi aggiornamenti su bonus, lavoro e finanza personale: entra nel gruppo whatsapp, nel gruppo Telegram e nel gruppo Facebook . Scrivi su Instagram tutte le tue domande. Guarda le video guide gratuite sui bonus sul canale YouTube

Prestiti per i libri scolastici: attenti al Taeg

Le famiglie costrette a ricorrere ai prestiti bancari sono sempre più numerose.

Come anticipato il mercato non è così vasto e sono solo due le banche che offrono prestiti appositamente immaginati per facilitare l’acquisto di testi e materiale scolastico per alunni delle elementari, delle medie e delle scuole superiori e l’università

Prima di scegliere l’opzione prestito per i libri dei vostri figli sono molte le cose da guardare per evitare spiacevoli sorprese. La prima è il Taeg che non è mai pari a zero.

Prestiti per i libri scolastici: niente polizze vita

Per prima cosa, anche se molte banche continuano a proporla, non accettate di firmare una polizza vita che viene sottoposta al cliente come condizione preliminare per la concessione di un prestito.

La cifra che andrete a richiedere è così esigua (se è solo per l’acquisto dei libri scolastici), che davvero non è il caso di aggiungere questo costo.

E comunque, per giusta conoscenza, quando una banca offre una polizza vita come garanzia per il prestito, è obbligata a sottoporvene due di compagnie diverse. Voi avete dieci giorni di tempo per cercare delle coperture alternative. E se ne trovate una adeguata l’istituto di credito non può che accettarla.

Ma ripetiamo: ci sembra davvero fuori luogo firmare una polizza vita per un prestito per libri scolastici.

Prestiti per i libri scolastici: cosa verificare prima di firmare

Prima di scegliere e cioè prima di firmare un qualsiasi contratto di prestito chiedete il modulo Secci, che è il modulo europeo standardizzato. Tra le diverse voci andate a verificare quelle che riguardano le condizioni economiche e il Taeg.

Accertatevi anche se tra queste condizioni è stata inserita l’apertura di un conto corrente per l’erogazione del finanziamento. Nel caso, è opportuno valutare i costi del conto corrente e considerare se è conveniente.

Prestiti per i libri scolastici: le due banche

Come accennato sono due i prodotti bancari pensati appositamente per l’acquisto di libri scolastici.

  • Quello della Bper: Prestito studenti delle scuole primarie, secondarie e dell’università (non solo libri e dizionari, ma anche per l’acquisto di pc e tablet o smartphone);
  • Quello di Bnl Bnp Paribas: Scuola Più (Primo Prestito) per tutti gli studenti, per acquistare libri, ma anche per pagare corsi di lingue o sporetivi e vacanze studio all’estero.

In entrambi i casi, viene specificato, che non è obbligatorio avere un conto corrente aperto nelle due banche.

Prestiti per i libri scolastici: le condizioni

Queste sono le caratteristiche dei due prestiti. La scheda è stata realizzata da Altroconsumo e prende in esame un prestito da 1000 euro da restituire in 12 mesi:

Bper, Prestito Studenti

    =”lispace”>
  • Minimo 300 euro, massimo 1500 euro
  • durata: 12 mesi
  • Tan: 0%
  • Taeg: 0,502%

Bnl Bnp Paribas, Prestito Scuola Più

  • Minimo 500 euro, massimo 5.000 euro
  • durata: minimo 6 mesi, massimo 24 mesi
  • Tan: 2%
  • Taeg: 4,28%

Prestiti per i libri scolastici: altre opzioni

Questi sono i due prestiti bancari confezionati su misura per esigenze che riguardano la scuola. Ma è chiaro, quando si parla di prestiti personali per cifre non così rilevanti, le offerte sul mercato sono tante. Prima di firmare qualsiasi tipo di contratto verificate sempre le condizioni.

Gruppo WhatsApp offerte di lavoro, bonus, concorsi e news

Ricevi ogni giorno gratis i migliori articoli su offerte di lavoro, bandi, bonus, agevolazioni e attualità. Scegli il gruppo che ti interessa:

  1. Telegram - Gruppo esclusivo

  2. WhatsApp - Gruppo base

Seguici anche su YouTube | Google | Gruppo Facebook | Instagram



Come funzionano i gruppi?
  1. Due volte al giorno (dopo pranzo e dopo cena) ricevi i link con le news più importanti

  2. Niente spam o pubblicità

  3. Puoi uscire in qualsiasi momento: la procedura verrà inviata ogni giorno sul gruppo

  4. Non è possibile inviare messaggi sul gruppo o agli amministratori

  5. Il tuo numero di cellulare sarà utilizzato solo per inviarti notizie