Prestito concesso senza affidabilità: cosa succede

Prestito concesso senza affidabilità, senza che la banca avesse verificato la sostenibilità per il creditore: in questi casi la banca è corresponsabile, cosa succede? Il creditore può ottenere una serie di vantaggi importanti, mentre nel caso di una azienda può anche scattare la richiesta di risarcimento nei confronti dello stesso istituto di credito che ha concesso incautamente il prestito.

4' di lettura

Cosa succede per un prestito concesso senza affidabilità? E cioè se la banca o la finanziaria non hanno tenuto conto della reale situazione economica di chi ha chiesto il finanziamento. In questo caso il debitore potrebbe avere diritto a significative agevolazioni.

Entra nella community di TheWam e ricevi tutte le news su Whatsapp, Telegram, Facebook, Instagram e YouTube.

I casi comunque sono diversi. Vediamoli insieme.

Prestito concesso senza affidabilità: risarcimento e rate

Se una banca non verifica in modo corretto la sostenibilità del debito per il cliente che ha chiesto il finanziamento, può incorrere in due situazioni:

  • deve risarcire l’azienda se a causa di quel prestito è stata costretta a dichiarare fallimento;
  • il debitore può ottenere una rateizzazione molto più favorevole.

Ricevi ogni giorno sul cellulare gli ultimi aggiornamenti su bonus, lavoro e finanza personale: entra nel gruppo whatsapp, nel gruppo Telegram e nel gruppo Facebook . Scrivi su Instagram tutte le tue domande. Guarda le video guide gratuite sui bonus sul canale YouTube

Prestito concesso senza affidabilità: sovraindebitamento

Ma non solo. Se scatta la procedura di sovraindebitamento la banca, se viene ritenuta responsabile per l’aggravamento delle condizioni economiche del cliente, non può opporsi alla richiesta di saldo e stralcio.

Prestito concesso senza affidabilità: ma il prestito non si annulla

Comunque sia, anche se viene accertata la concessione abusiva del credito, il mutuo bisogna sempre rimborsarlo. La differenza è che il debitore ha diritto a una serie di importanti agevolazioni.

Prestito concesso senza affidabilità: i primi elementi

E quindi, cosa succede per un prestito concesso senza affidabilità?

Da questa prima sommaria disamina vengono fuori questi elementi:

  • il debito non viene annullato;
  • il debitore può accedere alle agevolazioni concesse dalla procedura del sovraindebitamento e la banca non può opporsi;
  • il debitore può chiedere e ottenere una più comoda rateizzazione;
  • se il prestito senza affidabilità è stato concesso a una azienda che poi fallisce, la curatela ha diritto al risarcimento.

Prestito concesso senza affidabilità: l’analisi del merito creditizio

Quando si chiede un prestito la banca ha il dovere di fare un’analisi del merito creditizio. E cioè verificare se il cliente è in grado di rimborsare il finanziamento.

Se la verifica non viene fatta in modo preciso, la banca diventa responsabile dell’eccessivo indebitamento del cliente (anche il cliente è corresponsabile).

Tra le sanzioni previste per la banca c’è anche quella, come accennato, di non poter opporsi alla procedura di sovraindebitamento da parte del cliente.

Prestito concesso senza affidabilità: in caso di fallimento

Se il prestito concesso senza affidabilità causa il fallimento di una azienda, il curatore fallimentare può agire nei confronti della banca che ha erogato il credito.

Motivo: ha violato i principi della sana e prudente gestione del credito.

In recenti sentenze della Cassazione, la banca che ha finanziato un prestito “incauto” a una azienda poi costretta a chiudere, è stata obbligata a risarcire del danno la curatela fallimentare dell’impresa che è stata finanziata.

Prestito concesso senza affidabilità: la Centrale Rischi

La legge impone alla banca di seguire delle precise procedure nella valutazione del rischio di credito. Anche per questo gli istituti di credito si informano alla Centrale Rischi, un sistema per conoscere l’esposizione bancaria e debitoria di una impresa o di un cittadino che ha chiesto l’accensione di un mutuo.

In molti casi si parla di prestito concesso senza affidabilità anche quando viene erogato a una impresa che si trova in una situazione di irrecuperabile difficoltà economica e quel prestito piuttosto che rappresentare una possibile via d’uscita per l’azienda è in realtà solo il modo per liquidare i debiti a breve.

Prestito concesso senza affidabilità: la solvibilità del cliente

È anche per queste ragioni che una banca prima di concedere un mutuo o un prestito ha il dovere di verificare nei dettagli la solvibilità del cliente. E per lo stesso motivo chi è rimasto purtroppo impigliato in situazioni debitorie che ne hanno causato l’iscrizione nella lista nera dei cattivi pagatori, difficilmente riesce ad avere un finanziamento.

Episodi di questo tipo si verificano comunque più spesso per i prestiti alle aziende, quando la valutazione della situazione compromessa di una società, che magari ha varie articolazioni, rischia di sfuggire a un esame poco attento della gestione finanziaria.

Gruppo WhatsApp offerte di lavoro, bonus, concorsi e news

Ricevi ogni giorno gratis i migliori articoli su offerte di lavoro, bandi, bonus, agevolazioni e attualità. Scegli il gruppo che ti interessa:

  1. Telegram - Gruppo esclusivo

  2. WhatsApp - Gruppo base

Seguici anche su YouTube | Google | Gruppo Facebook | Instagram



Come funzionano i gruppi?
  1. Due volte al giorno (dopo pranzo e dopo cena) ricevi i link con le news più importanti

  2. Niente spam o pubblicità

  3. Puoi uscire in qualsiasi momento: la procedura verrà inviata ogni giorno sul gruppo

  4. Non è possibile inviare messaggi sul gruppo o agli amministratori

  5. Il tuo numero di cellulare sarà utilizzato solo per inviarti notizie