Privacy
×
The wam
×
icona-ricerca
Home / Bonus e Incentivi / Prima casa per militari e Forze dell’Ordine: agevolazioni

Prima casa per militari e Forze dell’Ordine: agevolazioni

Prima casa per militari e Forze dell’Ordine: ecco agevolazioni, limiti e divieti.

di Carmine Roca

Marzo 2023

Prima casa per militari e Forze dell’Ordine: ecco tutte le agevolazioni previste (scopri le ultime notizie su mutui e prestiti. Leggi su Telegram tutte le news sulla finanza personale. Ricevi ogni giorno sul cellulare gli ultimi aggiornamenti su bonus, lavoro e finanza personale: entra nel gruppo WhatsApp, nel gruppo Telegram e nel gruppo Facebook. Scrivi su Instagram tutte le tue domande. Guarda le video guide gratuite sui bonus sul canale Youtube. Per continuare a leggere l’articolo da telefonino tocca su «Continua a leggere» dopo l’immagine di seguito).

Indice

Prima casa per militari e Forze dell’Ordine: Iva agevolata

Prima casa per militari e Forze dell’Ordine: sono previste delle agevolazioni fiscali come per qualsiasi altro cittadino.

Nel 2023 sarà possibile acquistare la prima casa accedendo alle agevolazioni fiscali, a partire dall’Iva al 4%.

Mentre i “civili” che acquistano una nuova casa usufruendo del regime fiscale agevolato, sono obbligati a trasferire la loro residenza entro 18 mesi dall’acquisto, per militari e Forze dell’Ordine la regola non si applica.

Perché? Gli appartenenti alle Forze dell’Ordine sono soggetti a trasferimenti di sede molto più delle altre categorie di lavoratori. Da qui la necessità di tutelarli con l’abolizione dell’obbligo di residenza.

Scopri la pagina dedicata al fisco e alle tasse.

A confermarlo è l’articolo 66 della legge numero 342 del 21 novembre 2022.

Si legge: “Ai fini della determinazione dell’aliquota relativa all’imposta di registro ed all’imposta sul valore aggiunto da applicare ai trasferimenti di unità abitative non di lusso (…) non è richiesta la condizione della residenza nel comune ove sorge l’unità abitativa, prevista dalla nota II-bis dell’articolo 1 della tariffa, parte I, annessa al testo unico approvato con decreto del Presidente della Repubblica 26 aprile 1986, n. 131, e successive modificazioni.”

E poi: “La detrazione prevista dalla lettera b) del comma 1 dell’articolo 13-bis del testo unico delle imposte sui redditi, approvato con decreto del Presidente della Repubblica 22 dicembre 1986, n.917, e successive modificazioni, concernente detrazioni per oneri, è sempre concessa al personale in servizio permanente appartenente alle Forze armate e alle Forze di polizia ad ordinamento militare, nonché a quello dipendente delle Forze di polizia ad ordinamento civile in riferimento ai mutui ipotecari per l’acquisto o la costruzione di un immobile costituente unica abitazione di proprietà prescindendo dal requisito della dimora abituale“.

Aggiungiti al gruppo Telegram sulla finanza personale, la gestione del credito e dei debiti. Entra nella community di TheWam e ricevi tutte le news su WhatsApp, Telegram e Facebook. Scopri le ultime offerte di lavoro sempre aggiornate nella tua zona.

Prima casa per militari e Forze dell’Ordine: Iva agevolata, a chi spetta?

Sulla prima casa per militari e Forze dell’Ordine si applica l’Iva al 4%, anziché del 21%.

Il bonus spetta:

Ma soltanto se l’acquisto dell’immobile viene effettuato direttamente dall’impresa costruttrice.

Prima casa per militari e Forze dell’Ordine: limitazioni e divieti

Per ricevere tutte le agevolazioni riservate all’acquisto della prima casa per militari e Forze dell’Ordine, l’acquirente non deve possedere nessun altro immobile.

Stesso discorso per quanto riguarda l’essere usufruttuari di altri immobili nello stesso Comune di residenza e negli altri Comuni.

Chi sfrutta le agevolazioni fiscali per l’acquisto della prima casa ha l’obbligo di non vendere l’immobile acquistato prima dei 5 anni, a patto che non venga comprato un nuovo immobile ad uso abitazione.

Il divieto vale anche per militari e Forze dell’Ordine.

Prima casa per militari e Forze dell’Ordine
Prima casa per militari e Forze dell’Ordine: in foto un venditore di appartamenti regge un modellino di una casa.

Prima casa per militari e Forze dell’Ordine: spese e agevolazioni

Oltre al costo dell’immobile, si è tenuti a pagare anche 600 euro di imposte di registro, ipotecaria e catastale. Se l’acquisto avviene tramite privati è concessa la riduzione del 2% sul costo totale delle imposte di registro, mentre le imposte ipotecarie e catastali si aggirano sui 100 euro totali.

A chi vende un immobile per acquistarne un altro entro un anno, con il Bonus prima casa è riconosciuto un credito di imposta da sottrarre dall’imposta da pagare sull’acquisto effettuato in precedenza.

Inoltre, un’altra agevolazione per l’acquisto della prima casa per militari e Forze dell’Ordine è l’IRPEF al 19% sulla spesa per l’agenzia immobiliare, fino a un massimo di 1.000 euro di detrazione.

Prima casa per militari e Forze dell’Ordine: agevolazioni, su quali immobili?

Ricordiamo, però, che il Bonus prima casa per militari e Forze dell’Ordine spetta soltanto per l’acquisto di determinati immobili.

Quelli che appartengono a una di queste categorie catastali:

Sono esclusi dal Bonus queste categorie di immobili:

Ecco gli articoli preferiti dagli utenti su mutui, prestiti e risparmio personale:

Entra nel gruppo WhatsApp e Telegram

Canale Telegram

Gruppo WhatsApp