Proroga Naspi Rem, domande respinte per un errore Inps: ora?

Domande per la proroga Naspi Rem respinte per un errore Inps. Ecco cosa deve fare chi ha diritto al reddito di emergenza ed è stato penalizzato.

6' di lettura

Molte domande per la proroga Naspi Rem sono state respinte per un errore dell’Inps. L’istituto, infatti, ha ignorato quanto scritto nella sua stessa circolare n° 61 del 14 aprile 2021, dove chiariva che i requisiti per chiedere la proroga erano riferiti solo a chi faceva domanda e non a tutta la famiglia. Vediamo, in dettaglio, cosa sta succedendo e cosa si può fare.

INDICE:

Reddito di emergenza ultima ora: quando arriva il pagamento?

Ieri, 14 maggio 2021, sono arrivati gli esiti delle domande per molti aspiranti beneficiari del reddito di emergenza, inclusi gli ex titolari di Naspi e Dis-Coll, ed entro il 21 maggio 2021 si dovrebbe procedere con i primi pagamenti.

I tempi sono stati più veloci per chi ha fatto domanda per ottenere il Rem prima del 30 aprile 2021, per tutti gli altri potrebbe essere necessario attendere le prossime settimane per conoscere gli esiti delle domande e ricevere i pagamenti.

Già, ma tanti hanno ricevuto questa risposta: “Domanda Rem respinta per mancanza di requisiti di legge”. Tutta colpa di un errore Inps. Nel prossimo paragrafo vediamo cosa fare.

Domanda Rem respinta per mancanza di requisiti di legge: che fare?

Molte richieste per il reddito di emergenza, presentate telematicamente sul sito Inps dagli ex titolari Naspi e Dis-Coll, sono state respinte per un errore dell’Inps. L’Istituto, infatti, ha controllato i requisiti sugli interi nuclei familiari e non solo su chi ha presentato la domanda. Così come, invece, è previsto dalla circolare dell’Inps.

Riportiamo testualmente uno dei passaggi salienti del documento: 

Il Rem di cui all’articolo 12, comma 2, è incompatibile con i trattamenti pensionistici, così come dettagliati nel precedente paragrafo 3.3, lettera B). Anche in questo caso, il controllo di compatibilità viene effettuato esclusivamente sul membro del nucleo che ha terminato di beneficiare della NASpI o della DIS-COLL nel periodo di riferimento. Tuttavia, la norma prevede che tale incompatibilità sia verificata al momento dell’entrata in vigore del decreto–legge n. 41/2021, quindi alla data del 23 marzo 2021.

Cosa fare?

Consigliamo di confrontarsi con un Caf o una sede provinciale Inps. Ora l’istituto dovrebbe comunque emettere una circolare di chiarimento e poi ri-vagliare tutte le domande.

Molto probabilmente questo sbaglio, nella valutazione dei requisiti, è stato favorito dalla decisione di sovrapporre due misure: la vecchia proroga Naspi e il Rem, facendole confluire in un’unica modalità di richiesta.

Gli effetti? Tempi più lunghi per ricevere i pagamenti. Altro che reddito di emergenza, verrebbe da dire, ormai siamo di fronte a un vero reddito di sofferenza.

Quando è possibile fare domanda per la proroga Naspi Rem?

La richiesta per il reddito di emergenza, inclusa la proroga Naspi Rem, va presentata esclusivamente in via telematica, attraverso il sito web dell’Inps, entro il 31 maggio 2021. E’ possibile farsi assistere nella procedura da Patronati e Caf che offrono assistenza gratuita, usando il modulo online messo a disposizione dall’Inps. 

Chi può chiedere il reddito di emergenza inclusa la proroga Naspi Rem?

Il Reddito di emergenza spetta a chi non ha beneficiato di altri contributi economici previsti dal precedente decreto, non riceve il reddito di cittadinanza e pensioni dirette e indirette, e rispetta alcuni requisiti di patrimonio, residenza e reddito. Inoltre hanno diritto alla così detta proroga Naspi Rem, contenuta nel Decreto Sostegni, tutti i titolari di Naspi e Dis-Coll con Isee inferiore ai 30mila euro che erano in disoccupazione fra il 1° luglio 2020 e il 28 febbraio 2021.

Quali sono i requisiti per chiedere il Reddito di emergenza 2021?

Ecco i requisiti da rispettare per chiedere il Rem:

  • reddito familiare nel mese di febbraio 2021 inferiore ad una soglia pari all’ammontare di cui all’articolo 82, comma 5, del decreto-legge n. 34 del 2020 (reddito inferiore a una soglia pari all’ammontare del Rem);

  • residenza in Italia;

  • patrimonio mobiliare inferiore a 10.000 euro riferito all’anno precedente. Questa soglia è aumentata di ulteriori 5.000 euro persona nel nucleo familiare, fino a un massimo comunque di 20.000 euro;

  • ISEE non superiore a 15.000 euro.

Come chiedere la proroga Naspi Rem?

I requisiti generali non si applicano agli ex titolari di Naspi e Dis-Coll che erano in disoccupazione fra il 1° luglio 2020 e il 28 febbraio 2021. Per loro è sufficiente avere un Isee aggiornato pari o inferiore a 30mila euro. Avranno diritto a tre rate di Rem al minimo: da 400 euro ciascuna.

Importo reddito di emergenza: quanto mi spetta?

Le rate del Reddito di emergenza sono calcolate moltiplicando l’importo base di 400 euro per il coefficiente della scala di equivalenza. Un numero legato alle persone presenti in famiglia. Il  primo componente del nucleo familiare ha valore “1” aumentato di:

  • 0,4 per ogni altro familiare maggiorenne;

  • 0,2 per ogni altro familiare minorenne.

Il tetto massimo della scala di equivalenza è fissato in 2, elevato a 2,1 se nel nucleo familiare ci sono familiari in condizioni di disabilità grave o non autosufficienti. 

Questo significa che l’importo del sussidio non può superare gli 800 euro se in famiglia non ci sono persone disabili e gli 840 euro qualora fossero presenti.

Un esempio di calcolo

Il signor Giuseppe Bianchi abita con la moglie e il figlio di dieci anni. Il suo reddito di emergenza ammonterà a 400 euro (importo base) x 1,6 (1 Giuseppe Bianchi + 0,4 per la moglie + 0,2 per il figlio minorenne) = 640 euro mensili.

Facci sapere se anche tu hai visto respingerti la domanda per la proroga Naspi Rem. Scrivici alla mail bonuselavorothewam@gmail.com.

Non perderti le prossime notizie sui pagamenti e il Decreto Sostegni bis: entra subito nei gruppi social per ricevere tutti gli aggiornamenti.

Aggiungiti a 67mila persone e guarda le video-guide sui bonus sul canale YouTube di TheWam.net.

Gruppo WhatsApp offerte di lavoro, bonus, concorsi e news

Ricevi ogni giorno gratis i migliori articoli su offerte di lavoro, bandi, bonus, agevolazioni e attualità. Scegli il gruppo che ti interessa:

  1. Telegram - Gruppo esclusivo

  2. WhatsApp - Gruppo base

Seguici anche su YouTube | Google | Gruppo Facebook | Instagram



Come funzionano i gruppi?
  1. Due volte al giorno (dopo pranzo e dopo cena) ricevi i link con le news più importanti

  2. Niente spam o pubblicità

  3. Puoi uscire in qualsiasi momento: la procedura verrà inviata ogni giorno sul gruppo

  4. Non è possibile inviare messaggi sul gruppo o agli amministratori

  5. Il tuo numero di cellulare sarà utilizzato solo per inviarti notizie