Prostituzione in rete, fisco truffato. Ecco gli annunci irpini



3' di lettura

La Lega pensa di far pagare le tasse alle prostitute, idea che altrove – come in Svizzera – si è rivelata un flop. Ma nel frattempo c’è chi fa affari d’oro con le prostituzione in rete, e di pagare i tributi non ci pensa proprio. Almeno secondo gli inquirenti della procura di Bari, che coordinano il lavoro dei militari della guardia di finanza (la notizia è stata pubblicata sull’edizione cartacea de La Stampa). Nel mirino è finito il sito “Bakecaincontri.com”, che raccoglie gli annunci di 106 città italiane. Annunci spesso inseriti da chi offre sesso a pagamento. I messaggi si possono pubblicare gratis, ma per avere una maggiore visibilità, una permanenza più lunga sulle pagine, scatta il pagamento. Gli investigatori hanno accertato che le prostitute pagano ogni mese trenta euro per avere uno spazio adeguato all’interno del portale.

Cosa accade nella sezione avellinese

Siamo andati a curiosare nella sezione Avellino, anche per verificare quanto sia utilizzato in Irpinia quel tipo di servizio. La pagina è divisa in sezioni: donna cerca uomo (la prima, per ovvi motivi), donna cerca donna, uomo cerca donna, uomo cerca uomo, coppie, annuncia trans, amicizia e cerco anima gemella.

Prostituzione in rete, fisco truffato. Ecco cosa succede ad Avellino

La pagina più “ricca” è la prima (donna cerca uomo).

Il primo annuncio, scritto in un italiano a dir poco incerto (ai limiti dell’incomprensibile), è stato inviato da una 26enne, che si descrive solo per l’altezza (1 metro e 65). Il messaggio chiave è questo: c’è tanta vita da godere, perché spendere da solo. Le foto sono inequivocabili: lingerie ultra sexy e pose ai limiti del porno.

Anche il secondo è stato postato da una 26enne, naturalmente si descrive come molto bella. Cerca un uomo molto sexy, anche 59enne (se non sei Sean Connery…). Messaggio chiave: sarò sottomessa e darò tutto il sesso che vuoi. No, non cerca un’anima gemella. Anche in questo caso, le foto parlano da sole…

Il terzo annuncio è scritto da un’altra donna. Non definisce l’età. In foto c’è una ragazza bellissima, quasi acqua e sapone. Una modella. Certo la foto è scattata su un lettone… Non ci sono frasi esplicite nell’annuncio. Ma forse non serve…

Gli altri due sono sullo stesso tenore.

Prostituzione in rete, fisco truffato. Ecco cosa succede ad Avellino

Il business delle videochat porno

Il sito offre anche altre possibilità di guadagno. Sia per le signorine, sia per i gestori. Le videochat, naturalmente per vedere serve pagare. Adatto a chi si accontenta di sesso virtuale. Anche in questo caso – dopo una rapida ricerca sul sito – le proposte irpine sono diverse.

A dire il vero a Salerno le proposte sono molte di più, una cinquantina. A Napoli anche oltre. Anche su quelle pagine, chiaro, si concentra l’attenzione dei “clienti” irpini.

Gli inquirenti della procura di Bari ritengono che il giro d’affari innescato da questo sito sia di diversi milioni. Ma il business della prostituzione in rete è molto più esteso. E di portali di questo tipo ce ne sono molti. Oltretutto, con il sistema delle videochat, che è stato analizzato a fondo negli ultimi anni, è impressionante il numero di donne e ragazze insospettabili che hanno scelto di guadagnare mostrandosi senza pudore in videocamera a sconosciuti.

Gruppo WhatsApp offerte di lavoro, bonus, concorsi e news

Entra in WhatsApp e ricevi ogni giorno gratis i migliori articoli su offerte di lavoro, bandi, bonus, agevolazioni e attualità. Scegli il gruppo che ti interessa:

  1. Bandi, Bonus e Lavoro

  2. News dall'Italia e dal mondo

Seguici anche su Google | Facebook | Instagram



Come funzionano i gruppi?
  1. Due volte al giorno (dopo pranzo e dopo cena) ricevi i link con le news più importanti

  2. Niente spam o pubblicità

  3. Puoi uscire in qualsiasi momento: la procedura verrà inviata ogni giorno sul gruppo

  4. Non è possibile inviare messaggi sul gruppo o agli amministratori

  5. Il tuo numero di cellulare sarà utilizzato solo per inviarti notizie