Privacy
×
The wam
×
icona-ricerca
Home / Risparmio e Investimenti » Servizi Finanziari / Proteggere il patrimonio, 5 modi possibili

Proteggere il patrimonio, 5 modi possibili

Proteggere il patrimonio: una panoramica su fondo patrimoniale, trust, contratto fiduciario, vincoli di destinazione e polizze vita.

di The Wam

Dicembre 2021

Esistono vari modi per proteggere il patrimonio e quasi tutti passano per la cosiddetta «segregazione patrimoniale», ossia la possibilità di destinare parte dei propri beni per uno scopo specifico, non aggredibile dai creditori (entra nella community di TheWam e ricevi tutte le news su WhatsApp, Telegram e Facebook).

Ovviamente, ci sono anche metodi illegali per fare tutto ciò, noi li sconsigliamo e scoraggiamo.

In questo articolo vi spiegheremo 5 modi, perfettamente legali, per proteggere il vostro patrimonio.

Prima di procedere però, un’avvertenza fondamentale: quando si vuole proteggere il patrimonio bisogna muoversi in tempo. Chiunque si trovi già in una situazione debitoria o di pignoramento difficilmente riuscirà ad agire a protezione di ciò che possiede.

Proteggere il patrimonio, il fondo patrimoniale

Il Fondo patrimoniale può essere istituito da una coppia e da un terzo, ma sempre a favore di coniugi.

Tutti i beni mobili e immobili che si vuole destinare al fondo dovranno essere utilizzati con l’unico scopo di far fronte ai bisogni, presenti e futuri, della famiglia.

Proprio lo scopo rende i beni inattaccabili. I creditori non potranno aggredire quei beni, a patto che il debito non abbia nulla a che vedere con il soddisfacimento di quello scopo.

Leggi su Telegram tutte le news su Invalidità e Legge 104. Ricevi ogni giorno sul cellulare gli ultimi aggiornamenti su bonus, lavoro e finanza personale: entra nel gruppo WhatsApp, nel gruppo Telegram e nel gruppo Facebook. Scrivi su Instagram tutte le tue domande. Guarda le video guide gratuite sui bonus sul canale Youtube.

Proteggere il patrimonio, il trust

Anche il trust si basa sulla realizzazione di uno scopo. Tale scopo però va realizzato individuando tre persone:

  1. Il disponente, che materialmente cede i beni al trustee;
  2. Il trustee, in caricato della gestione del trust;
  3. I beneficiari, che potranno godere delle condizioni imposte dal disponente e garantire dal trustee.

I beni quindi fuoriescono dal patrimonio del disponente, ma anche da quello del trustee che li gestisce.

Anche in questo caso l’esecuzione dello scopo a favore del beneficiario permette di proteggere il patrimonio.

Proteggere il patrimonio, polizza vita

Le polizze assicurative non sono aggredibili dai creditori: sono impignorabili e non sequestrabili.

Attenzione a non confondere la polizza vita con i contratti di capitalizzazione, che sono invece strumenti finanziari.

La polizza vita ha natura previdenziale e si può declinare in tre modi:

Proteggere il capitale, vincolo di destinazione

Il vincolo di destinazione può essere fatto, secondo legge «per la realizzazione di interessi meritevoli di tutela riferibili a persone con disabilità, a pubbliche amministrazioni, o ad altri enti o persone fisiche».

Questo funzionamento è simile a quelli precedenti e prevede almeno un bene da destinare alla realizzazione di uno scopo. Non prevede obbligatoriamente, a differenza del trust, qualcuno che debba vigilare sulla realizzazione dello stesso.

Proteggere il capitale, contratto fiduciario

Con il contratto fiduciario si assegnano dei beni a persone fisiche o società al fine della migliore gestione possibile. Il patto è che ciò che viene assegnato venga restituito al fiduciante secondo le condizioni previste dal contratto.

In questo caso però i beni sono comunque aggredibili, ma solo alla persona o alla società che li possiede in quel preciso momento.

Proteggere il patrimonio, 5 modi possibili
Proteggere il patrimonio, 5 modi possibili

Entra nel gruppo WhatsApp e Telegram

Canale Telegram

Gruppo WhatsApp