Protesta degli assorbenti: tappezzata università di Fisciano
Primo piano attualità

Protesta degli assorbenti: tappezzata università di Fisciano

Assorbenti sulle mura dell’università di Fisciano. E distributori che li offrono gratis. Una protesta che sta facendo molto discutere

0
1' di lettura

Assorbenti sulle mura dell’università di Fisciano. E distributori che li offrono gratis. Una protesta che sta facendo molto discutere: le foto si diffondono a macchia d’olio sul web. “Il ciclo non è un lusso” queste le frasi di molti studenti e studentesse che in questi giorni hanno organizzato una iniziativa per manifestare contro la tassa per l’aumento del costo degli assorbenti. Spieghiamo cosa è successo.

“Il ciclo non è un lusso”

La tampon tax

In questi mesi si è parlato spesso della tampon tax. Ma cos’è? Semplice. É una legge che aumenta il costo degli assorbenti e dei pannolini in Italia poiché non ritenuti bene primario ma “beni di lusso”. La tassa consiste in un aumento dei prezzi del ben 22% . Ci sono stati fermenti e proteste in tutta la penisola ma senza alcun risultato. Un esempio sono state le molte manifestazioni che mamme, ragazze, ragazzi e uomini di tutte le età hanno creato per impedire questo ennesimo aumento

Leggi anche  Avellino. Mercatone addio. Entro l'estate partono i lavori

A Fisciano si dice “No alla tampon tax”

Quello che è successo all’Università degli studi di Salerno è stato condiviso e organizzato da ragazzi e ragazze che hanno deciso di sensibilizzare questo aumento di prezzo creando dei distributori di assorbenti gratuiti dove ogni ragazza li può inserire. Di volta in volta, si creerà una rete di aiuto tra tutti, ragazze e ragazzi compresi. L’Ateneo è stato tappezzato di assorbenti e di avvisi per dire basta alla tampon tax , definita per molti un problema.

Serino, 35enne arrestato dai carabinieri per tentato furto

Articolo precedente

Furgone di azienda irpina in fiamme. Forse l’incendio è doloso

Articolo successivo

Commenti

Rispondi

Potrebbe piacerti anche