Privacy
×
The wam
×
icona-ricerca
Home / Gestione del Debito » Servizi Finanziari / Quando non pagare i debiti è reato e cosa si rischia davvero

Quando non pagare i debiti è reato e cosa si rischia davvero

Non sempre non pagare un debito è solo un illecito civile, a volte può essere qualcosa di più grave. Scopriamo nell'approfondimento, quando non pagare i debiti è reato e cosa si rischia davvero.

di Imma Duni

Novembre 2022

Quando non pagare i debiti è reato e cosa si rischia? (scopri le ultime notizie su mutui e prestiti. Leggi su Telegram tutte le news sulla finanza personale. Ricevi ogni giorno sul cellulare gli ultimi aggiornamenti su bonus, lavoro e finanza personale: entra nel gruppo WhatsApp, nel gruppo Telegram e nel gruppo Facebook. Scrivi su Instagram tutte le tue domande. Guarda le video guide gratuite sui bonus sul canale Youtube. Per continuare a leggere l’articolo da telefonino tocca su «Continua a leggere» dopo l’immagine di seguito).

Non sempre non pagare un debito è solo un illecito civile, a volte può essere qualcosa di più grave. Scopriamo nell’approfondimento, quando non pagare i debiti è reato e cosa si rischia davvero.

Indice

Quando non pagare i debiti è reato e cosa si rischia: cattivi pagatori

Quando non pagare i debiti è reato e cosa si rischia? Non sempre i cattivi pagatori, e quindi i debitori insolventi, sono accusati di un reato.

Un cattivo pagatore è chi – persona fisica o giuridica – si ritrova a essere inadempiente nel pagamento delle rate di rimborso di un prestito, non rispettando gli obblighi contrattuali firmati nel contratto. In questo articolo scoprirai per quanto tempo si può essere segnalati come cattivi pagatori.

Quando richiedi un prestito o un mutuo, come può fare l’istituto di credito o la finanziaria a scoprire che sei un cattivo pagatore?

Attraverso alcune società di database, alle quali gli istituti di credito o finanziari possono accedere e vedere il ranking (ovvero il punteggio) di coloro che stanno richiedendo il prestito.

Scopri la pagina dedicata a prestiti personali, finanziamenti e mutui per l’acquisto della casa.

Com’è la loro storia creditizia? Hanno sempre rimborsato i finanziamenti precedenti senza problemi? Sono buoni pagatori o cattivi pagatori?

Nell’ultimo caso, probabilmente il prestito o il mutuo non sarà concesso o, in alternativa, verranno chieste ulteriori garanzie. Una delle più famose società di database di cattivi pagatori è il CRIF.

Anche tu puoi scoprire la tua posizione nel database, in pochi minuti, attraverso una visura online.

Se grazie alla banca dati si risulterà dei buoni pagatori, sarà facile e veloce ottenere il prestito, perché questa è una garanzia per la banca o per l’istituto finanziario.

Per questo motivo è importante capire quanto tempo si può restare iscritti al CRIF e come ottenere la cancellazione.

Aggiungiti al gruppo Telegram sulla finanza personale, la gestione del credito e dei debiti. Entra nella community di TheWam e ricevi tutte le news su WhatsApp, Telegram e Facebook. Scopri le ultime offerte di lavoro sempre aggiornate nella tua zona.

Quando non pagare i debiti è reato e cosa si rischia: qual è il vantaggio di non pagare in ritardo?

Quando decidi di richiedere un prestito personale, un finanziamento o un mutuo, devi essere consapevole che per un determinato periodo di tempo dovrai pagare le rate di restituzione ed essere puntuale e regolare.

Prima di richiedere un prestito sarebbe ottimale valutare 7 aspetti importanti, ma anche fare una simulazione di prestito può essere utile.

Se il prestito dovesse essere rimborsato con i bollettini, ricorda sempre di pagarli entro la data di scadenza indicata. Se, invece, il rimborso avviene tramite addebito sul conto corrente, dovresti avere la buona abitudine di controllare che, in prossimità della scadenza, sul tuo conto ci siano i soldi disponibili a pagare la rata.

Ma perché è importante non pagare in ritardo? Innanzitutto per non versare anche gli interessi di mora, ma soprattutto per non finire nella black list dei cattivi pagatori e avere difficoltà in futuro nel ricevere qualsiasi altro prestito.

Se la situazione, invece, dovesse essere ancora più grave, con mancati pagamenti o ritardi molteplici potresti finire in sofferenza bancaria e non poter più nemmeno aprire un conto corrente, ricevere una carta di credito o un libretto degli assegni.

Non pagare in ritardo è la cosa migliore quando si ha un debito.

Quando non pagare i debiti è reato e cosa si rischia
Quando non pagare i debiti è reato e cosa si rischia?

Quando non pagare i debiti è reato e cosa si rischia davvero?

Di solito le conseguenze del non onorare i propri debiti, sono soltanto civili ed economici (vedi il pignoramento).

In alcuni casi, tuttavia, i rischi possono essere più gravi e si potrebbe configurare un reato.

Un tempo esisteva, nel nostro ordinamento, una legge che prevedeva che chi non poteva pagare le pene pecuniarie (in denaro) doveva andare in carcere. Questo però era discriminante per i poveri e violava l’articolo 3 della nostra Carta Costituzionale.

Al di là di questo caso eccezionale, non pagare un debito non è mai stato un reato penale nel nostro Paese, bensì un illecito civile e quindi non potrà mai e poi mai portare ad una condanna penale.

Solo alcuni debiti non pagati diventano reati penali:

Il mancato pagamento del mantenimento ai propri figli stabilito con sentenza, è un reato penale, prevede la querela dal parte del genitore che coabita con il figlio e anche il carcere.

L’insolvenza fraudolenta si configura quando una persona, nel contrarre un’obbligazione fa credere con ogni mezzo di poterlo rispettare, quando invece sa bene di non poterlo fare.

La sottrazione fraudolenta al pagamento delle imposte si concretizza quando si evade il Fisco. In questo caso il debito deve essere superiore a 50.000 euro e riguardare Irpef o Iva, per riguardare l’arresto.

Chi non paga i debiti privati, con banche o società finanziarie, invece, non commette mai reato e non rischia il carcere. Al massimo dovrà sopportare un procedimento esecutivo come il pignoramento.

Il creditore chiederà al giudice di emanare un decreto ingiuntivo. Il debitore avrà tempo 40 giorni per saldare il suo debito, se non lo farà si procederà al pignoramento.

Qui troverai tutti i tipi di pignoramento esistenti: immobiliare, mobiliare, del veicolo, del conto corrente, presso terzi.

Abbiamo visto quando non pagare i debiti è reato e cosa si rischia. Ecco gli articoli preferiti dagli utenti su mutui, prestiti e risparmio personale:

Entra nel gruppo WhatsApp e Telegram

Canale Telegram

Gruppo WhatsApp