Quante piante di marijuana si possono coltivare?

Quante piante di marijuana si possono coltivare? Mentre si raccolgono le firme per legalizzare l'uso della cannabis ci sono già diverse sentenze dei giudici. Vediamo quando pder i magistrati si può configurare l'uso personale e quando invece quella coltivazione si associa allo spaccio. In alcuni casi il confine è sottile. Ma ci sono almeno 3 condizioni che diversificano un caso dall'altro.

4' di lettura

Quante piante di marijuana si possono coltivare per uso personale? Mentre la richiesta di referendum per la cannabis legale ha superato le 500.000 firme, con un dibattito parlamentare che langue (l’argomento è notoriamente divisivo), la coltivazione di piante per uso personale, nonostante sia ritenuto reato, è stata in molti casi depenalizzata da alcune sentenze della Cassazione.

Entra nella community di TheWam e ricevi tutte le news su Whatsapp, Telegram, Facebook, Instagram e YouTube.

Depenalizzata non significa che non esistano comunque sanzioni amministrative per i coltivatori fai da te (di poche piante), ma per l’Alta Corte avere delle piantine a casa può non costituire reato penale.

Quante piante di marijuana si possono coltivare: lacune della legge

La situazione è comunque ancora complessa. Piena di lacune normative e anche per questo si presta all’interpretazione dei singoli magistrati. Sarà così fino a quando sulla possibilità di coltivare delle piante di marijuana (ribadiamo: in numero limitato all’uso personale), non sarà stata fatta chiarezza con una legge precisa e inequivoca.

Ricevi ogni giorno sul cellulare gli ultimi aggiornamenti su bonus, lavoro e finanza personale: entra nel gruppo whatsapp, nel gruppo Telegram e nel gruppo Facebook . Scrivi su Instagram tutte le tue domande. Guarda le video guide gratuite sui bonus sul canale YouTube

Quante piante di marijuana si possono coltivare: uso domestico

I giudici della Cassazione hanno stabilito che non può essere considerato reato di spaccio possedere una minima coltivazione domestica di piantine di marijuana. In quel caso appare evidente, secondo l’Alta Corte, l’uso personale di quella produzione.

Quante piante di marijuana si possono coltivare: le tre condizioni

Ma per essere considerata coltivazione per uso personale, i magistrati hanno anche posto dei limiti precisi:

  • sulle tecniche di coltivazioni, c’è differenza infatti tra quelle rudimentali e quelle più elaborate;
  • naturalmente il quantitativo di sostanza stupefacente che si può ricavare dalle piantine;
  • e il numero delle piantine (che se sono più di due, tre possono lasciar supporre un uso non esclusivamente personale).

Quante piante di marijuana si possono coltivare: spaccio o consumo personale?

Per dire, chi ha dieci piante in una serra, alte due metri e innaffiate con irrigatori a tempo, finisce in carcere. Senza nessun possibile appiglio alla sentenze della Cassazione. Anzi.

Chi ha due piantine sul balcone, innaffiate a mano e senza altri particolari sistemi di produzione (fertilizzanti, sistemi di confezionamento, serre), potrebbe rientrare nella fattispecie disegnata dall’Alta Corte ed evitare la denuncia penale per spaccio (ma non eviterebbe la segnalazione come consumatore abituale).

Quante piante di marijuana si possono coltivare: i limiti imposti dai giudici

La Legge per Tutti, tra le molte sentenze della Cassazione sulla coltivazione casalinga di piantine di marijuana, ne ha selezionate 4, tutte recentissime, che elaborano un quadro di riferimento per i piccoli coltivatori di “erba”. Sembrano puntare (ma non sempre) a un limite preciso: fino a 3 piantine di cannabis è possibile continuare a parlare di uso personale (che è anche il limite proposto da una serie di leggi per la legalizzazione della marijuana).

Le riportiamo, possono fornire un quadro di riferimento piuttosto chiaro sull’attuale legislazione italiana rispetto alla coltivazione domestica di marijuana.

Quante piante di marijuana si possono coltivare: 4 sentenze

  • La sentenza emessa il 24 maggio del 2021 (numero 20389), ha preso in esame una coltivazione di 12 piante di marijuana e stabilito che possono ritenersi per uso personale se le tecniche di coltivazione escludono la volontà di spacciare. Il reato potrebbe invece essere configurato se il “coltivatore” si serve di pratiche agricole adeguate, in quel caso si ipotizza una forma non domestica di coltivazione ma industriale;
  • la sentenza emessa il 21 febbraio del 2021 (numero 5626), ha stabilito che si possono coltivare due piante di marijuana a casa senza commettere reato. Anche se è possibile ricavare 47 dosi. Per l’Alta Corte il quantitativo è modesto e si configura come uso personale;
  • con la sentenza emessa l’11 gennaio del 2021 (numero 644) la Cassazione ha condannato per spaccio un imputato trovato con quattro piantine di marijuana e una serra. Come si può immaginare il “problema” non è stato costituito dal numero di piante, ma dalla organizzazione industriale della produzione. Da quelle piantine era possibile ricavare 271 dosi;
  • la Cassazione il 2 febbraio del 2020 (sentenza numero 4666) ha condannato un imputato trovato con poche piantine di marijuana. Ma l’uomo aveva strumenti sofisticati di produzione (serre, fertilizzante, ventilazione) e poteva produrre fino a 270 dosi.

Quante piante di marijuana si possono coltivare: conclusione

Come potete notare la semplice coltivazione di piantine (in numero limitato), senza l’utilizzo di particolari strumenti di produzione, è facilmente considerato dall’Alta Corte come uso personale. In caso contrario, i giudici – nel rispetto delle leggi vigenti – non hanno difficoltà ad immaginare che quella produzione, anche piccola e anche casalinga, sia destinata allo spaccio. E quindi applicano la legge e confermano eventuali condanne.

Gruppo WhatsApp offerte di lavoro, bonus, concorsi e news

Ricevi ogni giorno gratis i migliori articoli su offerte di lavoro, bandi, bonus, agevolazioni e attualità. Scegli il gruppo che ti interessa:

  1. Telegram - Gruppo esclusivo

  2. WhatsApp - Gruppo base

Seguici anche su YouTube | Google | Gruppo Facebook | Instagram



Come funzionano i gruppi?
  1. Due volte al giorno (dopo pranzo e dopo cena) ricevi i link con le news più importanti

  2. Niente spam o pubblicità

  3. Puoi uscire in qualsiasi momento: la procedura verrà inviata ogni giorno sul gruppo

  4. Non è possibile inviare messaggi sul gruppo o agli amministratori

  5. Il tuo numero di cellulare sarà utilizzato solo per inviarti notizie