Privacy
×
The wam
×
icona-ricerca
Home / Invalidità Civile / Quanto costa la patente per disabili

Quanto costa la patente per disabili

Che cos’è, chi deve prenderla o rinnovarla e quanto costa la patente per disabili.

di Romina Cardia

Maggio 2024

In questo post vediamo quanto costa la patente per disabili e analizziamo la procedura per la richiesta o il rinnovo (scopri le ultime notizie su Invalidità e Legge 104categorie protettediritto del lavorosussidiofferte di lavoro e concorsi attivi. Leggile gratis su WhatsAppTelegram e Facebook).

Quanto costa la patente per disabili?

Prima di parlare della procedura che bisogna seguire per la richiesta o il rinnovo, vediamo subito quanto costa la patente per disabili.

La riclassificazione della patente senza dover sostenere un esame di guida ha un costo che solitamente va dai 120 ai 150 euro.

Se invece è necessario fare un esame di guida per la riclassificazione della patente, il costo varia tra i 370 e i 450 euro.

Acquista la nostra Guida più dettagliata sull’Invalidità Civile con oltre 150 pagine e le risposte a tutte le domande. Leggi gratis l’indice e il primo capitolo.

Questi prezzi non includono le spese per le prove pratiche, che si svolgono con un veicolo adattato e un istruttore.

Entra nella community, informati e fai le tue domande su Youtube e Instagram.

A chi spetta la patente per disabili

Dopo aver visto quanto costa la patente per disabili, vediamo a chi spetta e qual è la procedura per richiederla.

La guida per le persone con minorazioni, patologie invalidanti o disabilità fisiche richiede un’abilitazione speciale nota come patente speciale. Ma cosa implica esattamente questa patente?

La patente speciale è un tipo particolare di licenza riservata a coloro che necessitano di specifici adattamenti al veicolo o particolari protesi a causa delle loro condizioni fisiche.

Senza questa patente dedicata, queste persone non potrebbero guidare, poiché non soddisferebbero i requisiti fisici standard.

I motivi principali per cui viene concessa questa patente sono legati quindi agli adattamenti, che consentono la guida in condizioni di sicurezza ottimale.

Questi adattamenti includono modifiche al veicolo e l’uso di protesi specifiche, fornendo alle persone con disabilità fisiche gli strumenti necessari per affrontare la guida in modo sicuro ed efficiente.

Adattamenti e categorie con la patente per disabili

La patente b speciale può includere adattamenti o protesi indicati da codici armonizzati sulla patente e sul foglio rosa, con prescrizioni dalla Commissione Medica Locale.

Esempi di adattamenti al veicolo sono il cambio automatico (codice 10.02), il freno azionato dal ginocchio (codice 20.13) e l’acceleratore manuale (codice 25.04).

Le protesi per il conducente, come la protesi uditiva a un orecchio (codice 02.01) o protesi/ortesi a un arto superiore (codice 03.01), sono anch’esse indicate.

La patente per disabili o patente speciale può essere utilizzata anche professionalmente, tranne per il trasporto di persone con autobus, consentito solo per uso proprio.

La Commissione medica decide sulla patente per disabili

Per ottenere il rilascio o il rinnovo della patente per disabili, è necessario effettuare una visita medica per l’accertamento dei requisiti di idoneità psico-fisica alla guida presso una Commissione medica dell’ASL.

Per farlo, dovrai fare domanda presso la tua ASL di appartenenza e dovrai preparare la documentazione per la patente speciale che presenterai quando verrai convocato.

In particolare, dovrai portare con te:

Quanto costa la patente per disabili.
Quanto costa la patente per disabili. Nella foto: un uomo sostiene l’esame di guida.

Certificato di idoneità alla guida

Dopo la visita della Commissione medica e la presentazione dei documenti per la patente speciale, ti verrà rilasciato dalla Commissione il certificato di idoneità alla guida, che dovrai consegnare all’autoscuola o alla motorizzazione civile, quando fai richiesta per il rilascio della patente speciale.

In caso di rinnovo, se la Commissione accerta che le condizioni sono le stesse del precedente accertamento, ti rilascerà la ricevuta di invio della comunicazione di conferma della validità della patente speciale di guida: in caso di rinnovo e di conferma della validità, non dovrai sottoporti a un nuovo esame di guida.

Documenti da presentare alla Motorizzazione

Se invece hai fatto domanda per primo rilascio della patente speciale, dopo l’accertamento della Commissione Medica dovrai recarti presso una scuola guida o la motorizzazione civile e richiedere di sostenere la prova di guida con un mezzo adattato in base alle prescrizioni della Commissione stessa.

Attenzione: se devi convertire una patente B a patente speciale, non dovrai sostenere l’esame orale e farai sono le prove e l’esame di guida con il mezzo adattato.

Se invece non hai mai ancora preso alcun tipo di patente di guida, sosterrai sia l’orale che la pratica.

I documenti per la patente per disabili da presentare alla scuola guida o alla motorizzazione sono:

Chi può richiedere la visita medica per l’idoneità alla guida

Può richiedere la visita medica per l’idoneità alla guida, presentando la documentazione per la patente che abbiamo mostrato:

Se la Commissione Medica non ti concede l’idoneità alla guida, puoi fare ricorso. Il ricorso può essere presentato anche se non si ritengono appropriati gli adattamenti o se non si è soddisfatti della durata della validità.

FAQ sulla patente per disabili

Quando può essere sospesa la patente?

La patente di guida può essere sospesa per motivi di salute se il titolare non soddisfa più i requisiti fisici o mentali per la guida, su decisione dell’autorità di motorizzazione dopo un esame  medico o una revisione periodica. La sospensione, che varia in durata, richiede un ulteriore esame medico per la revoca.

Non tutte le malattie comportano sospensione, ma solo quelle che impediscono la guida sicura.

Chi ha un tumore può rinnovare la patente?

L’unico vincolo alla possibilità di guidare riguarda specificamente le persone affette da tumori o metastasi cerebrali, che sono esposte al rischio di episodi epilettici, convulsioni, o di perdere all’improvviso la coscienza o la capacità di controllo psicomotorio.

A chi prende l’accompagnamento viene tolta la patente?

L’assegno di accompagnamento non preclude la possibilità di detenere una patente di guida. Tuttavia, è essenziale che le abilità di guida siano valutate in relazione alle disabilità riconosciute dalla Commissione per la verifica dell’invalidità civile.

Cosa si può fare se la Commissione non rinnova la patente?

In seguito a un esame da parte della Commissione Medica Locale, se un titolare di patente non è d’accordo con la decisione presa (rifiuto del rinnovo della patente per disabili a causa di inidoneità alla guida), ha la possibilità, su sua iniziativa e a proprie spese, di sottoporsi a un ulteriore controllo medico in una Unità Sanitaria Locale di Rfi (Rete Ferroviaria Italiana).

Ecco gli articoli preferiti dagli utenti su invalidità civile e Legge 104:

Entra nel gruppo WhatsApp e Telegram

Canale Telegram

Gruppo WhatsApp

1