Quanto costano 15 anni di contributi e come calcolarlo

Quanto costano 15 anni di contributi? Dipende dalla tipologia di contratto e dalla retribuzione. I più penalizzati? Parasubordinati e disoccupati.

5' di lettura

Quanto costano 15 anni di contributi e come calcolarlo? Ne parliamo in questo approfondimento (scopri le ultime notizie e poi leggi su Telegram tutte le news sulle pensioni e sulla previdenza. Ricevi ogni giorno sul cellulare gli ultimi aggiornamenti su bonus, lavoro e finanza personale: entra nel gruppo WhatsApp, nel gruppo Telegram e nel gruppo Facebook. Scrivi su Instagram tutte le tue domande. Guarda le video guide gratuite sui bonus sul canale Youtube. Per continuare a leggere l’articolo da telefonino tocca su «Continua a leggere» dopo l’immagine di seguito).

Indice

Quanto costano 15 anni di contributi?

Chi non raggiunge i requisiti contributivi per andare in pensione può sempre ricorrere al versamento volontario: il nostro ordinamento previdenziale lo consente, ma i costi da affrontare sono inaccessibili per molti.

Nel 2022, versare un anno di contributi ai fini pensionistici, ai lavoratori dipendenti costa 3.606 euro, 67 euro in più rispetto al 2021.

L’esborso è più alto per i professionisti con Partita Iva, costretti a versare 5.360 euro per un anno di contributi. I più penalizzati sono sicuramente i disoccupati: per loro un anno di contributi costa quasi 11.000 euro.

Ma quanto costano 15 anni di contributi? Ai lavoratori dipendenti oltre 54.000 euro, ai professionisti con Partita Iva oltre 80.000 euro, mentre ai disoccupati costa circa 165.000 euro. Una cifra enorme, considerato che parliamo di persone senza lavoro e senza retribuzione.

Scopri la pagina dedicata a tutti i tipi di pensioni, sociali e previdenziali.

Attenzione, però: i contributi possono essere sì versati volontariamente per coprire buchi contributivi nelle proprie carriere lavorative, ma il lavoratore deve essere autorizzato dall’INPS.

Per ottenere il via libera dall’istituto previdenziale è necessario aver maturato almeno 5 anni di contributi (260 contributi settimanali o 60 contributi mensili) e aver maturato almeno 3 anni di contributi negli ultimi 5 anni prima della presentazione della domanda.

L’anzianità contributiva prevista per il versamento volontario può essere maturata tramite contribuzione obbligatoria, riscatto o contribuzione figurativa.

Se in possesso dei requisiti, il lavoratore può presentare domanda sul sito dell’INPS, accedendo con SPID, CIE o CNS, oppure telefonando al contact center dell’INPS al numero 803.164 da rete fissa (gratuito) o al numero 06 164164 da rete mobile (a pagamento). È possibile anche rivolgersi a patronati o a intermediari autorizzati dall’INPS.

Quando posso versare i contributi volontari e quando conviene? Per saperne di più guarda questo video:

Dai un’occhiata alle prossime date dei pagamenti INPS in programma fino al 15 dicembre 2022.

Aggiungiti al gruppo Telegram sulle pensioni e sulle notizie legate al mondo della previdenza. Entra nella community di TheWam e ricevi tutte le news su WhatsApp, Telegram e Facebook. Scopri le ultime offerte di lavoro sempre aggiornate nella tua zona.

Quanto costano 15 anni di contributi: lavoratori dipendenti

I costi di un anno di contributi versati volontariamente variano in base alla tipologia di lavoro e di contratto.

Per un lavoratore dipendente autorizzato fino al 31 dicembre 1995, il valore di un anno di contributi si ottiene applicando alla retribuzione l’aliquota contributiva vigente, del 27,87%; per le autorizzazioni successive al 1995 l’aliquota è al 33%.

La stessa aliquota (33%) vale per gli autoferrotranvieri, elettrici, telefonici e dirigenti ex INPDAI oltre che per gli iscritti al Fondo Dipendenti Ferrovie dello Stato e ai pubblici dipendenti assicurati presso la CTPS.

L’aliquota sale al 32,65% per gli iscritti al fondo speciale dei postelegrafonici e per i dipendenti degli enti locali e della sanità.

Un anno di contributi per un lavoratore dipendente autorizzato entro il 1995 costerà 3.045,58 euro, mentre per un lavoratore dipendente autorizzato dal 1996 in poi costerà 3.600 euro.

Cinque anni di contributi volontari costeranno 15.227,90 euro (pre-1995) e 18.000 euro (post-1995); dieci anni costeranno 30.455,80 euro (pre-1995) e 36.000 euro (post-1995). Quanto costano 15 anni di contributi a un lavoratore dipendente? Per gli autorizzati pre-1995 costano 45.683,70 euro; per gli autorizzati post-1995, costano 54.000 euro.

Quanto costano 15 anni di contributi: artigiani e commercianti

Quanto costano 15 anni di contributi a un artigiano e a un commerciante? Per queste categorie di lavoratori è prevista un’aliquota diversa per ogni classe di reddito (8 in totale).

Ecco una tabella con le otto classi di reddito:

Artigiani e commerciantiAliquota artigiani 24%Aliquota commercianti 24,09%
Fino a 15.953 euro319,06 euro320,26 euro
da 15.954 a 21.191 euro371,46 euro372,85 euro
da 21.192 a 26.429 euro476,22 euro478,01 euro
da 26.430 a 31.667 euro580,98 euro583,16 euro
da 31.668 a 36.905 euro685,74 euro688,31 euro
da 36.906 a 42.143 euro790,50 euro793,46 euro
da 42.144 a 47.378 euro895,22 euro898,58 euro
da 47.379947,58 euro951,13 euro
Quanto costano 15 anni di contributi per la pensione: aliquote artigiani e commercianti

Per i coadiuvanti con età inferiore a 21 anni l’aliquota è del 22,80% per gli artigiani e di 23,28% per i commercianti.

Per quanto riguarda i coltivatori diretti, questi devono versare un importo calcolato sulla base della media dei redditi degli ultimi 3 anni di lavoro.

Quanto costano 15 anni di contributi
Quanto costano 15 anni di contributi?

Quanto costano 15 anni di contributi: lavoratori parasubordinati e disoccupati

Come visto, i più penalizzati per il versamento volontario dei contributi sono i lavoratori parasubordinati (professionisti con Partita Iva) e i disoccupati.

I parasubordinati devono versare il 25% del reddito percepito nell’ultimo anno prima della domanda; i collaboratori e le altre figure professionali versano fino al 33%.

Un anno di contributi, a un lavoratore parasubordinato costa 5.360,28 euro; 5 anni costano 26.801,40 euro, dieci anni costano 53.602,80 euro.

Quanto costano 15 anni di contributi? La cifra da versare è 80.404,20 euro.

Va ancora peggio ai disoccupati. Senza una retribuzione a cui riferirsi, bisogna considerare il minimale INPS, che nel 2022 è fissato a 210,50 euro a settimana.

Significa che un anno di contributi costa 10.927,80 euro, 5 anni costano 54.639 euro, per 10 anni di contributi si devono versare quasi 110.000 euro. Quanto costano 15 anni di contributi a un disoccupato? Quasi 164.000 euro.

Ecco gli articoli preferiti dagli utenti sulle pensioni:

Entra nei gruppi offerte di lavoro, bonus, concorsi e news

Ricevi ogni giorno gratis i migliori articoli su offerte di lavoro, bandi, bonus, agevolazioni e attualità. Scegli il gruppo che ti interessa:

  1. Telegram - Gruppo esclusivo

  2. WhatsApp - Gruppo base

Seguici anche su YouTube | Google | Gruppo Facebook | Instagram



Come funzionano i gruppi?
  1. Due volte al giorno (dopo pranzo e dopo cena) ricevi i link con le news più importanti

  2. Niente spam o pubblicità

  3. Puoi uscire in qualsiasi momento: la procedura verrà inviata ogni giorno sul gruppo

  4. Non è possibile inviare messaggi sul gruppo o agli amministratori

  5. Il tuo numero di cellulare sarà utilizzato solo per inviarti notizie