Quanto si prende di pensione con 21 anni di contributi

Quanto si prende di pensione con 21 anni di contributi? Vediamo insieme possibilità di uscita dal mondo del lavoro e come calcolare l'importo dell'assegno con i vari sistemi di calcolo.

5' di lettura

Quanto si prende di pensione con 21 anni di contributi? Ne parliamo in questo articolo (scopri le ultime notizie e poi leggi su Telegram tutte le news sulle pensioni e sulla previdenza. Ricevi ogni giorno sul cellulare gli ultimi aggiornamenti su bonus, lavoro e finanza personale: entra nel gruppo WhatsApp, nel gruppo Telegram e nel gruppo Facebook. Scrivi su Instagram tutte le tue domande. Guarda le video guide gratuite sui bonus sul canale Youtube. Per continuare a leggere l’articolo da telefonino tocca su «Continua a leggere» dopo l’immagine di seguito).

Prima di procedere con la lettura di questo approfondimento, ti suggeriamo di leggere anche gli importi previsti con l’aumento della pensione di ottobre 2022, quanto dovrebbe aumentare la pensione minima a ottobre 2022 e quando sarà pagata la pensione di invalidità di ottobre 2022.

INDICE:

Pensione: possibilità e requisiti

L’obiettivo di ogni lavoratore è andare in pensione avendo maturato un buon assegno, così da vivere sereni una volta smesso di lavorare.

Ad oggi, per accedere alla pensione di vecchiaia è necessario aver compiuto 67 anni e maturato almeno 20 anni di contributi.

Oltre alla pensione di vecchiaia è possibile accedere a diverse opzioni anticipate, come la pensione anticipata ordinaria, Quota 102, l’Ape Sociale, Opzione Donna, Quota 41 per lavoratori precoci e la pensione anticipata per lavori usuranti.

The Wam ha pubblicato diversi articoli sul tema pensioni. Vediamo insieme quanto si prende di pensione con:

Oggi, invece, vi parleremo di quanto si prende di pensione con 21 anni di contributi: per saperlo, continua a leggere l’articolo.

Aggiungiti al gruppo Telegram sulle pensioni e sulle notizie legate al mondo della previdenza. Entra nella community di TheWam e ricevi tutte le news su WhatsApp, Telegram e Facebook. Scopri le ultime offerte di lavoro sempre aggiornate nella tua zona.

Quanto si prende di pensione con 21 anni di contributi

Quanto si prende di pensione con 21 anni di contributi? Prima di calcolare l’assegno, vediamo prima quali sono le possibilità a disposizione dei lavoratori in possesso di questa anzianità contributiva.

Iniziamo col dire che con 21 anni di contributi non ci si può aspettare un assegno previdenziale corposo, anzi. Inoltre, l’unica possibilità per andare in pensione è rappresentata dalla pensione di vecchiaia.

Con 21 anni di contributi non si ha diritto ad alcuna opzione di pensione anticipata. Per quella ordinaria occorre il doppio dell’anzianità contributiva (42 anni e 10 mesi per gli uomini, 41 anni e 10 mesi per le donne).

Per Quota 102 è necessario aver maturato 38 anni di contributi, tre in più (41, di cui uno prima dei 19 anni di età) ne servono per accedere a Quota 41 per lavoratori precoci, mentre l’Ape Sociale permette di andare in pensione avendo maturato dai 30 ai 36 anni di contributi, se appartenenti ad alcune categorie di lavoratori previste dalla legge.

Niente da fare neppure per Opzione Donna, destinata alle sole lavoratrici in possesso di almeno 35 anni di contributi e 58 anni di età (dipendenti) o 59 anni di età (lavoratrici autonome).

Quanto si prende di pensione con 21 anni di contributi? Calcolo importi

Una volta spiegato qual è la possibilità di pensione per chi ha maturato 21 anni di contributi, andiamo a vedere quanto si prende di pensione con 21 anni di contributi.

Dobbiamo necessariamente prendere in esame un lavoratore che ha compiuto 67 anni di età ed è prossimo ad accedere alla pensione di vecchiaia.

Quasi certamente il nostro lavoratore ha iniziato a versare contributi prima del 1° gennaio 1996, quindi tutti maturati nel sistema di calcolo retributivo, che tiene conto delle retribuzioni percepite dal lavoratore negli anni immediatamente precedenti alla domanda di pensione.

Si farà, quindi, una media delle retribuzioni, prendendo una quota di importo annuo con un’aliquota del 2%. Quindi, con 21 anni di contributi, viene riconosciuto il 42% della retribuzione pensionabile.

Quindi, possiamo dire che con una retribuzione pensionabile di circa 20.000 euro annui, al nostro lavoratore spetteranno 8.000 euro lordi di pensione all’anno, circa 615 euro lordi al mese.

Con una retribuzione più alta (ad esempio 30.000 euro), il nostro lavoratore prenderebbe circa 12.000 euro lordi di pensione all’anno, quindi 923 euro lordi al mese. E così via.

Quanto si prende di pensione con 21 anni di contributi
Quanto si prende di pensione con 21 anni di contributi?

Se, invece, i 21 anni di contributi sono stati maturati totalmente con il sistema di calcolo contributivo, si prenderanno in esame gli anni di contributi, l’età del pensionato e il coefficiente di trasformazione ad essa applicato (5,575%).

Considerato che il 33% della retribuzione di un lavoratore dipendente finisce nel “paniere” del montante contributivo, con 21 anni di contributi versati e una retribuzione annua di 30.000 euro lordi, avremo un montante di 9.900 per ogni anno di lavoro, per un totale di 207.900 euro.

Su questo importo va calcolato il coefficiente di trasformazione del 5,575%, che ci dà come risultato 11.590 euro di pensione lorda all’anno (poco più di 890 euro lordi al mese, per 13 mensilità).

Il sistema misto interviene quando il lavoratore ha maturato contributi prima e dopo il 1996. Ad esempio, se ha versato 10 anni di contributi prima del 1996 e altri 11 dopo il 1996, vedrà la sua pensione calcolata con entrambi i sistemi (retributivo prima del 1996; contributivo dopo il 1996).

Facciamo un esempio rapido. Per la prima quota basta calcolare il 20% della retribuzione pensionabile, quindi 6.000 euro lordi all’anno.

Per la seconda quota è necessario prendere la retribuzione annua (30.000 euro) e ottenere il montante contributivo (9.900 euro all’anno, per 11 anni di contributi è uguale a 108.900 euro). Su questo risultato va calcolato il coefficiente di trasformazione del 5,575%, che ci dà come totale 6.071 euro, ovvero l’importo lordo annuo di pensione.

Ora va sommata la prima quota (6.000 euro) alla seconda quota (6.071 euro), che ci dà come totale 12.071 euro lordi all’anno di pensione (circa 928 euro lordi di pensione al mese).

Quanto si prende di pensione con 21 anni di contributi e non solo. Ecco gli articoli preferiti dagli utenti sulle pensioni:

Entra nei gruppi offerte di lavoro, bonus, concorsi e news

Ricevi ogni giorno gratis i migliori articoli su offerte di lavoro, bandi, bonus, agevolazioni e attualità. Scegli il gruppo che ti interessa:

  1. Telegram - Gruppo esclusivo

  2. WhatsApp - Gruppo base

Seguici anche su YouTube | Google | Gruppo Facebook | Instagram



Come funzionano i gruppi?
  1. Due volte al giorno (dopo pranzo e dopo cena) ricevi i link con le news più importanti

  2. Niente spam o pubblicità

  3. Puoi uscire in qualsiasi momento: la procedura verrà inviata ogni giorno sul gruppo

  4. Non è possibile inviare messaggi sul gruppo o agli amministratori

  5. Il tuo numero di cellulare sarà utilizzato solo per inviarti notizie