Quota 103 per il 2023 poi la vera riforma delle pensioni

Quota 103 per il 2023 e poi la vera riforma delle pensioni. Ecco il piano d'azione del Governo Meloni: chi andrà in pensione prima nel 2023?

4' di lettura

Il Governo Meloni pare aver deciso: Quota 103 per il 2023, poi verrà varata la vera riforma delle pensioni. Ne parliamo in questo articolo (scopri le ultime notizie e poi leggi su Telegram tutte le news sulle pensioni e sulla previdenza. Ricevi ogni giorno sul cellulare gli ultimi aggiornamenti su bonus, lavoro e finanza personale: entra nel gruppo WhatsApp, nel gruppo Telegram e nel gruppo Facebook. Scrivi su Instagram tutte le tue domande. Guarda le video guide gratuite sui bonus sul canale Youtube. Per continuare a leggere l’articolo da telefonino tocca su «Continua a leggere» dopo l’immagine di seguito).

Indice

Quota 103 per il 2023: chi può andare in pensione?

Non ci sono i tempi tecnici e i fondi necessari per avviare, fin da ora, una riforma delle pensioni nella sua interezza. Il Governo Meloni avanza a piccoli passi sulle pensioni, ma ha già pronto il piano d’azione, per evitare il drammatico ritorno alla Legge Fornero, come unica via d’uscita alternativa alla pensione di vecchiaia

Sarà Quota 103 per il 2023. Solo dal prossimo anno si inizierà a pensare alla vera riforma delle pensioni.

Ma cos’è Quota 103 e chi favorirebbe? Con questa nuova formula si può andare in pensione con 62 anni di età e 41 di contributi.

Una sorta di Quota 41, la misura sulla quale punta fortemente il leader della Lega, nonché vice-premier Matteo Salvini, ritoccata con l’introduzione di una soglia minima anagrafica.

Scopri la pagina dedicata a tutti i tipi di pensioni, sociali e previdenziali.

A dare l’annuncio, in un’intervista rilasciata al quotidiano “La Repubblica” è stato il sottosegretario al Lavoro, Claudio Durigon. L’obiettivo è di favorire l’uscita anticipata di circa 50.000 lavoratori, nel 2023.

Quota 103, che potrebbe anche essere chiamata Quota 41, come ha fatto sapere Durigon sarà una misura ponte che anticiperà la riforma organica delle pensioni prevista nel 2023.

Aggiungiti al gruppo Telegram sulle pensioni e sulle notizie legate al mondo della previdenza. Entra nella community di TheWam e ricevi tutte le news su WhatsApp, Telegram e Facebook. Scopri le ultime offerte di lavoro sempre aggiornate nella tua zona.

Quota 103 per il 2023, poi la riforma delle pensioni

Spenderemo meno di 1 miliardo per agevolare 40-50 mila lavoratori. Pensavamo anche a un bonus per chi resta a lavorare, ma la prudenza di bilancio ci induce a rinunciare”, ha dichiarato il sottosegretario della Lega, confermando il pessimo stato di salute delle casse dello Stato.

Quel che è certo è che “Quota 41 ci sarà e questo è importante: la stiamo studiando nei dettagli con la ministra del Lavoro Marina Calderone e il ministro dell’Economia Giancarlo Giorgetti”, ha spiegato Durigon. In effetti Quota 41 per tutti è stato il cavallo di battaglia della Lega alle ultime elezioni.

La misura, però, si è ben presto scontrata con gli alti costi che lo Stato si sarebbe ritrovato ad affrontare: circa 4-5 miliardi di euro il primo anno, per poi aumentare gli anni successivi, a differenza di Quota 103 che costerà “soltanto” un miliardo di euro.

Leggi anche: ecco i bonus 2023 sopravvissuti alla “stretta Meloni”

A pesare fortemente sulla mancata introduzione di Quota 41 per tutti e sull’entrata in vigore di una vera riforma delle pensioni, sono state anche le tempistiche: il nuovo Governo si è insediato soltanto a novembre, generalmente le elezioni si tengono in Primavera.

Quota 103 per il 2023
Quota 103 per il 2023: chi andrà in pensione?

Quota 103 per il 2023: quando verrà ufficializzata?

Quota 103 per il 2023 sarà ufficializzata con la presentazione della nuova Legge di Bilancio ed entrerà in vigore il prossimo anno.

Nella Legge di Bilancio verranno incluse pure le proroghe dell’Ape Sociale e di Opzione Donna, due misure anticipate in scadenza il prossimo 31 dicembre.

Leggi anche: quando arriva la Legge di Bilancio e cosa aspettarsi

Inoltre sono previsti tagli al reddito di cittadinanza, con l’obiettivo dichiarato dal nuovo Governo di recuperare circa un miliardo di euro. Verrà introdotta la flat tax allargata a 85mila euro di fatturato per le partite Iva e una flat tax incrementale (tassa piatta del 15% sugli incrementi di reddito).

Ecco gli articoli preferiti dagli utenti sulle pensioni:

Entra nei gruppi offerte di lavoro, bonus, concorsi e news

Ricevi ogni giorno gratis i migliori articoli su offerte di lavoro, bandi, bonus, agevolazioni e attualità. Scegli il gruppo che ti interessa:

  1. Telegram - Gruppo esclusivo

  2. WhatsApp - Gruppo base

Seguici anche su YouTube | Google | Gruppo Facebook | Instagram



Come funzionano i gruppi?
  1. Due volte al giorno (dopo pranzo e dopo cena) ricevi i link con le news più importanti

  2. Niente spam o pubblicità

  3. Puoi uscire in qualsiasi momento: la procedura verrà inviata ogni giorno sul gruppo

  4. Non è possibile inviare messaggi sul gruppo o agli amministratori

  5. Il tuo numero di cellulare sarà utilizzato solo per inviarti notizie