2065. Pericolo, pericolo mortale!

Better not irritate me. Dangerous aggressive mighty man sitting on a chair wearing stylish suit and blackmailing his business rival
3' di lettura

Inizia con Nunzio Cignarella (che ci ha proposto quest’idea: grazie), l’iniziativa di The Wam “Un racconto in una cartella”. Una storia in 3mila battute. Per partecipare è semplice: inviateci il vostro scritto (sulla nostra pagina Facebook, ma anche via mail a bottegacollettiva@gmail.com). I migliori testi saranno pubblicati sul sito e faranno parte di un ebook distribuito gratuitamente. Aspettiamo i vostri lavori. Buona lettura.

di Nunzio Cignarella

1 settembre 2065, ore 7.30. Alle otto e quarantacinque doveva essere in ufficio. Da casa, in auto, impiegava dieci minuti. Ma gli piaceva essere il primo ad arrivare al lavoro. Alle otto e venti era già al volante e alle otto e mezzo faceva il suo ingresso in un ufficio ancora vuoto. Uniche presenze l’usciere e, a volte, la donna delle pulizie che ancora si attardava. Davanti allo specchio apparve il suo faccione tondo di cinquantenne che ancora conservava tratti giovanili. Poi lo specchio si illuminò, trasformandosi nello schermo di un computer. “Porta l’ombrello, nel pomeriggio verrà a piovere, dalle 16.10 alle 16.50. Niente zucchero nel caffè, questa mattina. La glicemia è in lieve rialzo. Niente cravatta, non comprimere il collo: lieve aumento della pressione arteriosa. Evita l’incrocio fra via Verdi e via Mazzini, ci sono lavori in corso. Su Viale Garibaldi puoi mantenere una velocità di ottanta chilometri orari, fra le otto e venti e le otto e mezzo non ci sono pedoni in attraversamento.”

Cento dollari al mese – neppure caro – costava il servizio e la rinuncia – ma ne valeva la pena – ad ogni forma di privacy. Telecamere dappertutto – comprese quelle impiantate sulla luna che riprendevano costantemente tutto quello che avveniva sul nostro pianeta. Tutti i dati venivano incrociati ed elaborati in giganteschi server che occupavano la faccia nascosta del nostro satellite. Gli abbonati, al mattino, venivano informati delle precauzioni da prendere e dei pericoli da evitare.

2 settembre 2065, ore 7.30. Sullo specchio-schermo lampeggiava un minaccioso triangolo rosso: “Pericolo potenzialmente mortale. Questa mattina il piccolo Paolo Rossi comincerà a frequentare la prima elementare. Alle 8.23, dalla villa Rossi sbucherà l’auto di Mario Rossi, che accompagna il figlio a scuola, in tempo per il suono della campanella alle 8.30. Rallentare e usare grande prudenza all’altezza di Villa Rossi”.

Da anni percorreva Viale Garibaldi ad ottanta all’ora; dalla schiera di ville che affacciavano sul viale a quell’ora non usciva mai nessuno. Senza l’avviso dello specchio-schermo quella mattina sarebbe stato inevitabile un impatto fatale. Cento dollari al mese, ma ben spesi.

Tre settembre 2065, ore 7.30. “Pericolo, pericolo mortale”.

Alla morte del padre – dieci anni prima – aveva ereditato la sua pistola d’ordinanza, con relativi proiettili. L’aveva conservata per motivi affettivi, riposta in un cassetto, chiuso a chiave da dieci anni. Sullo schermo, fra un concerto di bip, trilli e scampanellii il triangolo rosso lampeggiava senza sosta. “Pericolo, pericolo mortale”. La telecamera riprendeva il suo faccione tondo, con la pistola puntata alla tempia, lo sguardo perso nel vuoto. I dati erano stati elaborati e in simultanea era partito il segnale di allarme. “Pericolo, pericolo mortale”. Il colpo di pistola venne registrato dall’elaboratore centrale, che immagazzinò l’immagine del corpo che crollava sul lavandino. Lo schermo si spense con un leggero sfrigolio.

Gruppo WhatsApp offerte di lavoro, bonus, concorsi e news

Ricevi ogni giorno gratis i migliori articoli su offerte di lavoro, bandi, bonus, agevolazioni e attualità. Scegli il gruppo che ti interessa:

  1. Telegram - Gruppo esclusivo

  2. WhatsApp - Gruppo base

Seguici anche su Google | Facebook | Instagram



Come funzionano i gruppi?
  1. Due volte al giorno (dopo pranzo e dopo cena) ricevi i link con le news più importanti

  2. Niente spam o pubblicità

  3. Puoi uscire in qualsiasi momento: la procedura verrà inviata ogni giorno sul gruppo

  4. Non è possibile inviare messaggi sul gruppo o agli amministratori

  5. Il tuo numero di cellulare sarà utilizzato solo per inviarti notizie